WEC
13 ago
-
15 ago
Prossimo evento tra
8 giorni

Ha funzionato il gioco di squadra della Ferrari

condividi
commenti
Ha funzionato il gioco di squadra della Ferrari
Di:
17 nov 2017, 21:39

Con Rigon-Bird e Calado-Pier Guidi primi e quarti le due 488 partono con i favori del pronostico. Differenti le strategie dei due equipaggi in qualifica. Il primo successo è stato togliere il punto della pole position ai rivali

#71 AF Corse Ferrari 488 GTE: Davide Rigon, Sam Bird
#51 AF Corse Ferrari 488 GTE: James Calado, Alessandro Pier Guidi
#51 AF Corse Ferrari 488 GTE: James Calado, Alessandro Pier Guidi
#51 AF Corse Ferrari 488 GTE: James Calado, Alessandro Pier Guidi,
#71 AF Corse Ferrari 488 GTE: Davide Rigon, Sam Bird
#71 AF Corse Ferrari 488 GTE: Davide Rigon, Sam Bird

La strategia della Ferrari nelle qualifiche delle GTE PRO ha funzionato alla perfezione. Una vettura che è servita da lepre, quella degli autori della pole Davide Rigon e Sam Bird, e un'altra, la 51 di James Calado e Alessandro Pier Guidi, a stretto contatto con due dei rivali diretti per la conquista del titolo piloti. Chiara la mossa dell'AF Corse. Cercare innanzitutto di togliere agli avversari il punto della pole position e di mettere due vetture nelle prime file per far comprendere a tutti quanti che sarà molto difficile strappare il campionato ai piloti del Cavallino.

Differenti le tattiche delle due 488. Quella di Rigon-Bird ha sfruttato con aggressività la gomma nuova consentendo al veneto di ottenere in assoluto il miglior tempo, 1'56"021 e al britannico di ripetere con 1'56"046 di fatto lo stesso rilievo cronometrico. Tutto questo in appena un giro lanciato per entrambi che a fine turno erano freschi come una rosa.

"In totale oggi ho percorso solo tre giri - ha detto ridendo Rigon - e mi sembra quasi di non aver lavorato.La macchina andava fortissimo. Abbiamo lavorato molto nel corso delle prove libere e sapevamo che nonbisognava rovinare i pneumatici perché rappresenteranno il leit motiv della corsa di domani".

I due leader della serie iridata hanno optato per una strategia leggermente diversa e più conservativa proprio in vista della corsa ma anche per Calado e Pier Guidi c'è stata grande soddisfazione per il quarto posto che li pongono nella stessa fila di Harry Tincknell e di Andy Priaulx, al momento al terzo posto anche nella classifica mondiale. I tempi ottenuti dai due, 1'56"597 per Calado e 1'57"165 per Pier Guidi, sono in linea con ciò che era stato programmato. Questo ha fugato i dubbi del pilota italiano che alla vigilia era spaventato dalle prestazioni delle Aston Martin Vantage, deludenti in qualifica, e dallo stato di forma di Ford e di Porsche, con quest'ultima che è apparsa in difficoltà sia nelle libere sia nella sessione decisiva.

"Sono contento - ha commentato Pier Guidi - perchè questa è una buona posizione di partenza che ci permette di controllare i nostri rivali. È chiaro che sarà una corsa molto tirata che avrà un andamento molto equilibrato come del resto tutte le altre. Con soli due punti di vantaggio su Lietz e Makowiecki e sette su Tincknell-Priaulx non possiamo permetterci di fare calcoli ma siamo certi che anche qui in Bahrain diremo la nostra".

Per la BR1 la 24 Ore di Le Mans non sarà una chimera

Articolo precedente

Per la BR1 la 24 Ore di Le Mans non sarà una chimera

Articolo successivo

Lietz: "Costretti a un compromesso per l'assetto ma per il titolo la vedo dura"

Lietz: "Costretti a un compromesso per l'assetto ma per il titolo la vedo dura"
Carica i commenti