WEC, Fuji: primo centro per Kobayashi, Conway e Lopez nella doppietta Toyota

condividi
commenti
WEC, Fuji: primo centro per Kobayashi, Conway e Lopez nella doppietta Toyota
Jamie Klein
Di: Jamie Klein
Tradotto da: Matteo Nugnes
14 ott 2018, 08:44

La Toyota ha conquistato un'altra vittoria nel FIA WEC, dominando anche la gara del Fuji, nella quale però è arrivata la prima affermazione stagionale dell'equipaggio composto da Kamui Kobayashi, Mike Conway e Josè Maria Lopez.

Dopo aver perso la pole position di sabato, l'equipaggio #7 ha risposto alla grande in gara, presentandosi sotto alla bandiera a scacchi sulla TS050 Hybrid gemella di Sebastien Buemi, Kazuki Nakajima e Fernando Alonso.

Si tratta quindi della prima vittoria di Kobayashi e Conway proprio dalla gara del Fuji di due anni fa, mentre per Lopez si tratta della prima affermazione nel WEC.

Le due Toyota hanno fatto ancora una volta una gara a parte, con la migliore delle LMP1 private, la Rebellion #1 condivisa da Andre Lotterer, Neel Jani e Bruno Senna, ha chiuso con un ritardo di quattro giri.

Dall'ottava posizione in griglia, la Toyota #7 si è fatta strada fino alla seconda posizione nello spazio di appena due giri, con la pista bagnata e Kamui Kobayashi al volante.

Il sorpasso poi è arrivato grazie alla Safety Car, intervenuta quando la Ferrari della MR Racing ha forato, perdendo tantissimi detriti sul rettilineo di partenza, dopo circa 30 minuti.

La #8 infatti è rientrata ai box proprio pochi istanti prima che venisse chiusa la pitlane. Questo però ha dato un vantaggio alla #7 che si è ritrovata al comando con circa 5" di margine quando entrambe le TS050 Hybrid hanno fatto il pit stop per passare sulle gomme slick.

Nel corso della terza ora, Buemi è riuscito ad andare a riprendere Kobayashi dopo essere subentrato a Nakajima, ma non è riuscito a superare il giapponese che cedesse l'abitacolo a Conway.

Quest'ultimo è riuscito a scappare, costruendosi un margine di una ventina di secondi, con la vettura #8 che ha dato la sensazione di avere problemi di bilanciamento quando alla guida è salito Alonso. Per questo è stato anche sostituito il ponte posteriore quando nella penultima ora ha ridato il volante a Nakajima.

Nel frattempo sulla #7 era salito Lopez, bravo a mantenere il margine che si era costruito Conway, prima che Kobayashi tornasse nell'abitacolo per l'ultimo stint, per essere lui a prendere la bandiera a scacchi nella gara di casa.

La Rebellion l'ha spuntata sulla SMP Racing nella battaglia tra le LMP1 private, anche se la squadra russa si era costruita un buon margine nella prima ora disputata sul bagnato.

Jenson Button ha anche comandato la classifica assoluta nella prima ora, ritardando il primo pit stop della sua BR1, prima di scivolare inevitabilmente dietro alle Toyota.

La ENSO CLM P1/01 della ByKolles ha chiuso in quinta posizione, dopo aver avuto problemi per gran parte della gara, mentre la BR1 della DragonSpeed è stata costretta al ritiro nelle ultime fasi della gara.

La Jackie Chan DC Racing domina in LMP2

La classe LMP2 è stata nuovamente dominata dalla Jackie Chan DC Racing, con l'equipaggio completamente malese della #37, composto da Jazeman Jaafar, Weiron Tan e Nabil Jeffri che ha ottenuto la sua prima vittoria di classe della stagione.

Entrambe le Oreca della squadra hanno tratto beneficio dalla possibilità di fare il pit stop poco prima che venisse chiusa la pitlane, costruendosi un buon vantaggio sui rivali più vicini della TDS Racing, quando Matthieu Vaxiviere è finito in testacoda nella seconda ora.

Jaafar, Tan e Jeffri hanno preceduto la vettura #38 di Ho-Pint Tung, Stephane Richelmi e Gabriel Aubry di 26 secondi, mentre sul gradino più basso del podio è salita la Signatech Alpine #36.

E' stata una gara da incubo invece per i poleman della DragonSpeed, con Anthony Davidson che ha perso parecchie posizioni con la sua Oreca nelle prime fasi della corsa, prima che le speranze di podio fossero vanificate definitivamente da una lunga sosta ai box.

Le disavventure Ferrari premiano la Porsche in GTE

In classe GTE-Pro è arrivata un'inattesa vittoria da parte della Porsche, con Kevin Estre e Michael Christensen che hanno allungato in classifica con la loro seconda affermazione stagionale.

La loro vittoria però è arrivata grazie alle disavventure della Ferrari #71 di Sam Bird e Davide Rigon, vittima di un contatto con una vettura LMP2 nel corso della penultima ora, quando aveva un vantaggio di 13 secondi.

Dopo che la safety car aveva mescolato la classifica, era stata la BMW #82, quella condivisa da Antonio Felix Da Costa e Tom Blomqvist a portarsi in testa, ma con il passare dei giri è stato chiaro che la M8 non aveva il ritmo per portarsi a casa la vittoria, quindi è scivolata alle spalle della Ferrari #71 e della Porsche #92 nel corso della quarta ora.

Alla fine però la Casa tedesca è riuscita a portarsi a casa la piazza d'onore, precedendo la Ford GT di punta, quella di Harry Tincknell ed Andy Priaulx.

La Ferrari si è quindi dovuta accontentare del quarto posto con l'altra 488 GTE, la #51 di James Calado ed Alessandro Pier Guidi, che a loro volta avevano patuto una foratura poco prima dell'ingresso della safety car, arretrando in coda al gruppo.

Dopo un'ottima qualifica, l'Aston Martin non è riuscita a confermarsi altrettanto competitiva in gara, con le Vantage GTE che sono via via precipitate in classifica, fino a chiudere in settima ed in nona posizione.

La Porsche ha fatto il pieno di vittorie in GTE, perché si è portata a casa anche la classe Am con la prima affermazione nel WEC della Project 1.

Jorg Bergmeister, Egidio Perfetti e Patrick Lindsey si sono imposti in una corsa caotica, riuscendo ad avere la meglio sulla Porsche #88 della Dempsey-Proton condivisa da Matteo Cairoli, Satoshi Hoshino e Giorgio Roda.

Cairoli ha raggiunto e superato l'Aston Martin #90 della TF Sport, soffiandole il secondo posto, anche se la vettura #88 si era inizialmente costruita un buona vantaggio al comando fino allo stint di Roda.

Cla   # Piloti Auto Class Giri Tempo Gap Distacco Pits Ritirato Punti
1   7 Japan Kamui Kobayashi
United Kingdom Mike Conway
Argentina José María López
Toyota TS050 Hybrid LMP1 230 6:00'21.800     9    
2   8 Spain Fernando Alonso
Japan Kazuki Nakajima
Switzerland Sébastien Buemi
Toyota TS050 Hybrid LMP1 230 6:00'33.240 11.440 11.440 9    
3   1 Germany André Lotterer
Brazil Bruno Senna
Switzerland Neel Jani
Rebellion R13 LMP1 226 6:00'26.437 4 Laps 4 Laps 10    
4   11 United Kingdom Jenson Button
Russian Federation Vitaly Petrov
Russian Federation Mikhail Aleshin
BR Engineering BR1 LMP1 219 6:01'02.482 11 Laps 7 Laps 9    
5   4 United Kingdom Oliver Webb
France Tom Dillmann
United Kingdom James Rossiter
ENSO CLM P1/01 LMP1 219 6:01'25.636 11 Laps 23.154 8    
6   37 Malaysia Nabil Jeffri
Malaysia Weiron Tan
Malaysia Jazeman Jaafar
Oreca 07 LMP2 217 6:00'22.831 13 Laps 2 Laps 8    
7   38 China Ho-Pin Tung
Monaco Stéphane Richelmi
France Gabriel Aubry
Oreca 07 LMP2 217 6:00'48.918 13 Laps 26.087 8    
8   36 France Nicolas Lapierre
France Pierre Thiriet
Brazil André Negrao
Alpine A470 LMP2 217 6:01'07.229 13 Laps 18.311 8    
9   28 France Jean-Éric Vergne
France François Perrodo
France Matthieu Vaxivière
Oreca 07 LMP2 216 6:01'11.992 14 Laps 1 Lap 9    
10   50 France Romano Ricci
France Erwin Creed
Keiko lhara
Ligier JSP 217 LMP2 211 6:00'56.552 19 Laps 5 Laps 8    
11   92 Denmark Michael Christensen
France Kevin Estre
Porsche 911 RSR LMGTE PRO 207 6:00'41.048 23 Laps 4 Laps 7    
12   82 Portugal António Félix Da Costa
United Kingdom Tom Blomqvist
BMW M8 GTE LMGTE PRO 207 6:00'53.234 23 Laps 12.186 6    
13   67 United Kingdom Harry Tincknell
Guernsey Andy Priaulx
Ford GT LMGTE PRO 207 6:01'06.290 23 Laps 13.056 6    
14   51 United Kingdom James Calado
Italy Alessandro Pier Guidi
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE PRO 207 6:01'31.181 23 Laps 24.891 6    
15   91 Italy Gianmaria Bruni
Austria Richard Lietz
Porsche 911 RSR LMGTE PRO 207 6:01'59.982 23 Laps 28.801 7    
16   66 Germany Stefan Mücke
France Olivier Pla
Ford GT LMGTE PRO 206 6:00'24.508 24 Laps 1 Lap 6    
17   95 Denmark Nicki Thiim
Denmark Marco Sorensen
Aston Martin Vantage AMR LMGTE PRO 206 6:00'28.560 24 Laps 4.052 6    
18   81 Netherlands Nick Catsburg
Germany Martin Tomczyk
BMW M8 GTE LMGTE PRO 206 6:00'36.354 24 Laps 7.794 6    
19   97 Belgium Maxime Martin
United Kingdom Alex Lynn
Aston Martin Vantage AMR LMGTE PRO 206 6:01'34.697 24 Laps 58.343 6    
20   31 United Kingdom Anthony Davidson
Venezuela Pastor Maldonado
Mexico Roberto Gonzalez
Oreca 07 LMP2 205 6:01'13.553 25 Laps 1 Lap 9    
21   29 Netherlands Giedo van der Garde
Netherlands Nyck De Vries
Netherlands Frits van Eerd
Dallara P217 LMP2 204 6:00'32.211 26 Laps 1 Lap 11    
22   71 United Kingdom Sam Bird
Italy Davide Rigon
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE PRO 202 6:01'23.384 28 Laps 2 Laps 8    
23   56 Germany Jörg Bergmeister
United States Patrick Lindsey
Norway Egidio Perfetti
Porsche 911 RSR LMGTE AM 201 6:00'42.101 29 Laps 1 Lap 6    
24   88 Italy Matteo Cairoli
Italy Giorgio Roda
Satoshi Hoshino
Porsche 911 RSR LMGTE AM 201 6:01'02.039 29 Laps 19.938 7    
25   90 United Kingdom Jonathan Adam
Turkey Salih Yoluç
Ireland Charlie Eastwood
Aston Martin Vantage LMGTE AM 201 6:01'10.535 29 Laps 8.496 7    
26   98 Portugal Pedro Lamy
Canada Paul Dalla Lana
Austria Mathias Lauda
Aston Martin Vantage LMGTE AM 201 6:01'38.788 29 Laps 28.253 7    
27   86 United Kingdom Michael Wainwright
United Kingdom Ben Barker
Thomas Preining
Porsche 911 RSR LMGTE AM 201 6:02'05.678 29 Laps 26.890 6    
28   54 Italy Giancarlo Fisichella
Italy Francesco Castellacci
Switzerland Thomas Flohr
Ferrari 488 GTE LMGTE AM 200 6:00'56.949 30 Laps 1 Lap 6    
29   61 Ireland Matt Griffin
Singapore Mok Weng Sun
Japan Keita Sawa
Ferrari 488 GTE LMGTE AM 200 6:00'57.200 30 Laps 0.251 7    
30   77 Germany Christian Ried
Australia Matt Campbell
Julien Andlauer
Porsche 911 RSR LMGTE AM 176 6:01'16.815 54 Laps 24 Laps 6    
    10 United Kingdom Ben Hanley
Australia James Allen
BR Engineering BR1 LMP1 179 4:58'48.816 51 Laps   9 Retirement  
    17 France Stéphane Sarrazin
Russian Federation Matevos Isaakyan
Russian Federation Egor Orudzhev
BR Engineering BR1 LMP1 132 3:48'33.029 98 Laps 47 Laps 5 Retirement  
    3 Switzerland Mathias Beche
France Thomas Laurent
United States Gustavo Menezes
Rebellion R13 LMP1 23 47'22.796 207 Laps 109 Laps 2 Retirement  
    70 Monaco Olivier Beretta
Italy Eddie Cheever III
Japan Motoaki Ishikawa
Ferrari 488 GTE LMGTE AM 14 27'46.416 216 Laps 9 Laps   Retirement  
Articolo successivo
WEC, Fuji: le due Toyota comandano il gruppo a metà gara

Articolo precedente

WEC, Fuji: le due Toyota comandano il gruppo a metà gara

Articolo successivo

La Ferrari lascia il Fuji con l’amaro in bocca

La Ferrari lascia il Fuji con l’amaro in bocca
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WEC
Evento Fuji
Location Fuji International Speedway
Piloti Kamui Kobayashi , José María López , Mike Conway
Team Toyota Racing
Autore Jamie Klein
Tipo di articolo Gara