Fuji: confermata la doppietta Toyota. Per Porsche uno stop inatteso

Vincono dopo la seconda bandiera rossa Sébastien Buemi e Kazuki Nakajima davanti ai compagni di squadra e alla 919 di Lotterer-Jani-Tandy. La Ferrari trionfa in GTE PRO e AM. Pier Guidi-Calado in testa al mondiale

Le Toyota TS050 hanno vinto la corsa più pazza della stagione, salvando anche il loro campionato. Con l'affermazione di Sebastien Buemi, Kazuki Nakajima e il secondo posto di Lopez-Kobayashi-Conway entrambe le classifiche iridate tornano a essere  potenzialmente in bilico, anche se la Porsche mantiene un margine rassicurante sui rivali in quella costruttori.

Al Fuji è accaduto di tutto: ben sei safety car entrate in pista e due interruzioni, la seconda al 115.passaggio definitiva. In un primo momento la direzione corsa aveva autorizzato le vetture a riprendere la corsa con una partenza programmata dieci minuti prima delle 17 locali, orario limite per garantire condizioni di sicurezza, poi la decisione, in modo molto saggio, è rientrata perché la visibilità dell'autodromo che sorge accanto alla montagna sacra giapponese era pressoché nulla.

Porsche:tattica sbagliata e poca aderenza

Più della pioggia, tanto temuta, poté quindi la nebbia a frammentare una gara che , come aveva annunciato Neel Jani alla conclusione delle prove, è stata più una lotta per la sopravvivenza che una competizione vera e propria. E in questa navigazione " a vista " la Toyota ha battuto seccamente la Porsche, protagonista della peggiore prestazione della stagione. Rispetto alle sconfitte di Silverstone e Spa-Francorchamps, dovute all'utilizzo della vettura a basso carico aerodinamico, in Giappone le due 919 Hybrid hanno sofferto l'asfalto bagnato e le basse temperature-si è gareggiato con un massimo di 16,5 gradi all'asfalto e 13 nell'aria- e applicato una tattica sbagliata a quello che sembrava l'esemplare più in forma.

Tutta la parte iniziale, infatti, era stata dominata da Earl Bamber che aveva preso un margine superiore ai 10" nei confronti della Toyota più veloce, quella affidata in partenza a Buemi. Con l'ingresso della safety car le due TS050 si sono fermate per effettuare il primo pit stop e il relativo cambio di piloti, cosa imitata dall'equipe della seconda Porsche ma non dalla 919 Hybrid del neozelandese che ha continuato imperterrito a non fermarsi ai box, nella speranza di ritardare la propria sosta. La prima bandiera rossa ha di fatto sancito la sconfitta di questa strategia perché Timo Bernhard, che ha preso il posto di Bamber, alla ripartenza è stato costretto a fermarsi subito, a ripartire dal quarto posto. Da lì in poi per il trio ancora al comando del mondiale piloti è stata una Caporetto in piena regola, con la vettura che non stava in pista e girava a tre secondi di distacco al giro da chi era al comando.

Un po'meglio è andata la seconda Porsche che soprattutto Nick Tandy aveva portato a livello di eccellenza. Ma anche il britannico si è dovuto arrendere alla mancanza di grip e a quel punto per il team di Weissach si è trattato di portare a casa punti importanti.

Con questa affermazione la Toyota, che al Fuji aveva vinto anche nel 2017, riprende a dare un senso a una stagione iniziata benissimo e proseguita poi in calando. Il divario in entrambe le classifiche è ancora ampio nei confronti delle Porsche ma vedendo come le TS050 hanno viaggiato sul bagnato al Fuji La Casa nipponica può nutrire qualche speranza di ripetere il colpaccio anche a Shanghai, dove la pioggia spesso è protagonista.

Ferrari e Bruno Senna protagonisti in GTE PRO e LMP2

La Ferrari torna dal Giappone con un'altra vittoria, inattesa alla vigilia. Ci hanno pensato Alessandro Pier Guidi e James Calado, ora al comando del mondiale piloti, a portare la 488 dell'AF Corse sul gradino più alto del podio in GTE PRO, approfittando anche dei numerosi errori compiuti dagli avversari. La Porsche, che pareva avere la corsa nelle proprie mani, ha ripetuto con Richard Lietz lo stesso errore commesso in LMP1 con Bamber, lasciando l'austriaco in pista prima della bandiera rossa iniziale. Il resto lo hanno fatto i piloti della Casa italiana che in condizioni estreme hanno ritrovato una 488 ultracompetitiva che sta spiccando il volo per la conquista del titolo. La Ferrari ha anche vinto tra le GTE AM con Miguel Molina, Thomas Flohr e Francesco Castellacci, davanti alla seconda 488 di Griffin-Sawa-Monk e alla Porsche di Ried-Dienst (Cairoli non è salito in vettura) rallentati dalle disastrose prestazioni delle gomme Dunlop che hanno reso poco competitive tutte le vetture, anche le Aston in GTE PRO, che le utilizzano. In LMP2 il capolavoro nel giorno del suo compleanno lo ha fatto Bruno Senna guidando per tre quarti di corsa e lo ha completato Nicolas Prost. Questo risultato unito al secondo dell'Alpine di di Negrao-Lapierre-Menezes mette in crisi la leadership di Pin Tung-Jarvis-Laurent, terzi.

Cla #PilotiAutoClassGiriTempoGapDistaccoPitsRitiratoPunti
1   8 united_kingdom Anthony Davidson
japan Kazuki Nakajima
switzerland Sébastien Buemi
Toyota TS050 Hybrid LMP1 113 4:24'50.950     2    
2   7 japan Kamui Kobayashi
united_kingdom Mike Conway
argentina José María López
Toyota TS050 Hybrid LMP1 113 4:24'52.448 1.498 1.498 3    
3   1 germany André Lotterer
switzerland Neel Jani
united_kingdom Nick Tandy
Porsche 919 Hybrid LMP1 113 4:24'53.222 2.272 0.774 3    
4   2 germany Timo Bernhard
new_zealand Brendon Hartley
new_zealand Earl Bamber
Porsche 919 Hybrid LMP1 112 4:24'51.827 1 giro 1 giro 3    
5   31 brazil Bruno Senna
france Julien Canal
france Nicolas Prost
Oreca 07 LMP2 110 4:24'54.321 3 giri 2 giri 3    
6   36 france Nicolas Lapierre
brazil André Negrao
united_states Gustavo Menezes
Alpine A470 LMP2 110 4:24'55.710 3 giri 1.389 4    
7   38 united_kingdom Oliver Jarvis
china Ho-Pin Tung
france Thomas Laurent
Oreca 07 LMP2 110 4:24'56.491 3 giri 0.781 3    
8   28 france François Perrodo
france Emmanuel Collard
france Matthieu Vaxivière
Oreca 07 LMP2 110 4:24'57.601 3 giri 1.110 4    
9   24 france Jean-Éric Vergne
united_kingdom Ben Hanley
united_kingdom Matt Rao
Oreca 07 LMP2 110 4:25'03.453 3 giri 5.852 4    
10   26 russia Roman Rusinov
france Pierre Thiriet
united_kingdom James Rossiter
Oreca 07 LMP2 110 4:25'08.598 3 giri 5.145 3    
11   51 united_kingdom James Calado
italy Alessandro Pier Guidi
Ferrari 488 GTE LMGTE PRO 109 4:24'58.636 4 giri 1 giro 3    
12   91 austria Richard Lietz
france Frédéric Makowiecki
Porsche 911 RSR LMGTE PRO 109 4:24'59.604 4 giri 0.968 3    
13   25 russia Vitaly Petrov
switzerland Simon Trummer
mexico Roberto Gonzalez
Oreca 07 LMP2 109 4:25'01.132 4 giri 1.528 3    
14   92 denmark Michael Christensen
france Kevin Estre
Porsche 911 RSR LMGTE PRO 109 4:25'02.085 4 giri 0.953 3    
15   66 germany Stefan Mücke
france Olivier Pla
Ford GT LMGTE PRO 109 4:25'04.996 4 giri 2.911 2    
16   71 united_kingdom Sam Bird
italy Davide Rigon
Ferrari 488 GTE LMGTE PRO 109 4:25'10.401 4 giri 5.405 4    
17   97 united_kingdom Darren Turner
united_kingdom Jonathan Adam
Aston Martin Vantage LMGTE PRO 109 4:26'31.155 4 giri 1'20.754 3    
18   95 denmark Marco Sorensen
denmark Nicki Thiim
Aston Martin Vantage LMGTE PRO 108 4:26'29.965 5 giri 1 giro 3    
19   54 italy Francesco Castellacci
spain Miguel Molina
switzerland Thomas Flohr
Ferrari 488 GTE LMGTE AM 107 4:25'06.258 6 giri 1 giro 3    
20   61 ireland Matt Griffin
malaysia Mok Weng Sun
japan Keita Sawa
Ferrari 488 GTE LMGTE AM 107 4:25'07.395 6 giri 1.137 3    
21   77 germany Christian Ried
italy Matteo Cairoli
germany Marvin Dienst
Porsche 911 RSR (991) LMGTE AM 107 4:26'38.499 6 giri 1'31.104 3    
22   86 united_states Mike Hedlund
united_kingdom Ben Barker
Nick Foster
Porsche 911 RSR (991) LMGTE AM 106 4:26'53.963 7 giri 1 giro 4    
23   98 portugal Pedro Lamy
canada Paul Dalla Lana
austria Mathias Lauda
Aston Martin Vantage V8 LMGTE AM 105 4:25'11.357 8 giri 1 giro 5    
24   67 united_kingdom Harry Tincknell
guernsey Andy Priaulx
Ford GT LMGTE PRO 96 4:25'09.645 17 giri 9 giri 4    
25   13 brazil Nelson Piquet Jr.
denmark David Heinemeier Hansson
switzerland Mathias Beche
Oreca 07 LMP2 85 3:30'30.462 28 giri 11 giri 2    
26   37 china David Cheng
france Tristan Gommendy
united_kingdom Alex Brundle
Oreca 07 LMP2 52 2:17'05.945 61 giri 33 giri 3 Ritirato  

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WEC
Evento Fuji
Sub-evento Domenica,gara
Circuito Fuji International Speedway
Piloti André Lotterer , Timo Bernhard , Neel Jani , Mike Conway , José María López , Bruno Senna , Julien Canal , Kamui Kobayashi , Kazuki Nakajima , Sébastien Buemi , Alessandro Pier Guidi , Brendon Hartley , Richard Lietz , Francesco Castellacci , Nicolas Prost , Miguel Molina , Earl Bamber , Michael Christensen , Nick Tandy , James Calado , Thomas Flohr
Team Toyota Racing , Porsche Team , Rebellion Racing , AF Corse , Spirit of Race
Articolo di tipo Gara