Di Grassi: "In gara andremo meglio"

Il brasiliano dell'Audi prevede un campionato deciso all'ultima corsa

Di Grassi:

GRANDE protagonista delle qualifiche Lucas di Grassi ha portato la Audi R18 e tron Quattro al terzo posto a poco meno di cinque decimi dalla  Porsche 919 Hybrid dell'autore del miglior tempo Mark Webber. Creando anche un certo stupore in chi considerava la vettura di Ingolstadt esclusa dai giochi delle prime posizioni. Una conferma, quindi, che le prestazioni ottenute sia nel prologo del Ricard sia nelle libere di Silverstone, dove le Audi hanno sempre occupato il primo posto, non erano una vetrina fine a se stessa.

"Abbiamo imparato la macchina, ora tutti quanti la conosciamo meglio. I cambiamenti effettuati durante l'inverno, come il passaggio ai 4 megajoule e tutto il resto ci consentono di essere competitivi. Ma penso che saremo molto forti nel corso delle gare. È il concetto stesso che sta dietro alla realizzazione della nuova Audi. In qualifica, infatti, abbiamo un problema nei confronti della Porsche. La nostra efficienza massima dura soltanto un giro contro quella di chi possiede il sistema ibrido da 8 megajoule che possono caricare energia dall'anteriore in un secondo passaggio"

Ma alla fine siete stati molto vicini a Webber...
"Siamo a tre decimi dalla media ma il giro di Mark è un trentanove e cinque e il mio quaranta uno e quindi sei decimi. I dati vanno visti anche sotto quest'ottica."

D'accordo sei decimi ma in questi giorni e anche nel prologo sul ritmo di gara sembrate potervela giocare con le 919...
"Infatti siamo forti sul ritmo di gara. Non so se per vincere o per stare vicini alla concorrenza. Ma sono certo che siamo molto meglio sul long run che in qualifica.Il fatto di essere stati così vicini alla pole nelle prove ci motiva tantissimo per la corsa".

Quanto hanno contato le prove libere sul bagnato di sabato mattina in ottica di una corsa che potrebbe anche essere semibagnata? I tempi che avete fatto registrare sono stati ottimi. Sul bagnato pensate di avere un vantaggio, dovuto mettiamo a una vettura meno brusca, più dolce oppure no?
"Non lo so. Stamane la macchina andava benissimo ma domani le previsioni indicano ora asciutto. Siamo a Silverstone non si può mai dire"

Pensi che la Toyota abbia perso competitività rispetto all'anno scorso, visti i risultati deludenti sia del Ricard sia di queste qualifiche?
"Non so se ha perso competitività o se hanno dei problemi. Da ciò che vedo è che l'anno scorso avevano un vantaggio molto grande, cosa che quest'anno non mi sembra posseggano. Però hanno tutto per essere competitivi. Ci sono tre Case che sono molto vicine tra loro, difficile fare previsioni oggi".

È un campionato che rischia di concludersi all'ultima corsa sia per il titolo costruttori sia per quello piloti?
"Si, penso accadrà cosi. Sarà un gran bel campionato".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WEC
Evento Silverstone
Circuito Silverstone
Piloti Lucas Di Grassi
Articolo di tipo Ultime notizie