Earl Bamber, un debuttante a Le Mans senza paura

Earl Bamber, un debuttante a Le Mans senza paura

Il vincitore della Porsche Supercup 2014 è convinto di ben figurare sulla terza 919 Hybrid schierata nella classica francese

Earl Bamber sarà uno degli osservati speciali alla 24 Ore di Le Mans. Il ventiquattrenne neozelandese era presente al vernissage della Porsche 919 Hybrid al Paul Ricard e nei prossimi due giorni dovrebbe, come l'altro debuttante Nick Tandy prendere parte ai test in previsione del campionato. Un tipo sicuro delle proprie qualità Bamber  per nulla impensierito dal fatto di dover dividere la 919 Hybrid numero 19 nella classifca francese con Nico Hulkenberg appunto il trentenne Nick Tandy. 

Hartley ci ha detto che la parte difficile per un esordiente in una grande squadra è l'aspetto psicologico. Tu cosa ne pensi?

"Credo che alla fine il nostro mestiere sia guidare un'autovettura e quindi, una volta dentro l'abitacolo, le cose siano più o meno simili in ogni categoria".

Però dovrai ammettere che c'è un bel salto tra la 991 GT3 con la quale hai vinto la Supercup nel 2014 e la 919 Hybrid

"Vero. Tuttavia ritengo che la scuola Porsche consenta di arrivare preparati a guidare vetture così impegnative. Sia chiaro la Carrera è una macchina molto diversa che forma tantissimo e che poi ti permette di essere subito competitivo nelle gare GT. Ma una LMP1 è un'altra faccenda;però devo dire che dopo i primi assaggi la 919 Hybrid diventa quasi una naturale evoluzione di un percorso. Voglio dire che alla guida si sente l'aria di famiglia".

Cosa ti aspetti dal tuo debutto?

"La possibilità di imparare, di farlo in fretta e soprattutto di farlo bene".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WEC
Piloti Earl Bamber
Articolo di tipo Ultime notizie