Terzo in Fuji, Rebellion Racing "non poteva fare di meglio"

Il team svizzero non ha potuto combattere contro la Toyota nella 6 ore del Fuji, ma è comunque molto soddisfatta del suo terzo posto in questo round giapponese.

Terzo in Fuji, Rebellion Racing "non poteva fare di meglio"

Terzo all'apertura a Silverstone, il Rebellion Racing era determinato a conquistare un altro podio nel Fuji, o addirittura a far tremare le Toyota, contando sul nuovo Success Handicap per ridurre il divario con le vetture giapponesi.

Tuttavia, non c'è stata alcuna corrispondenza tra il produttore giapponese, che stava giocando in casa questo fine settimana, per questo secondo incontro WEC, e la Rebellion R13-N guidata da Bruno Senna, Gustavo Menezes e Norman Nato.

Leggi anche:

#1 Rebellion Racing Rebellion R-13 - Gibson: Bruno Senna, Gustavo Menezes, Norman Nato

#1 Rebellion Racing Rebellion R-13 - Gibson: Bruno Senna, Gustavo Menezes, Norman Nato

Photo de: JEP / LAT Images

In qualifica, Menezes e Nato hanno segnato il terzo tempo più veloce, ma più di un secondo dietro la Toyotas, nonostante le nuove misure.

Tuttavia, approfittando di una maggiore velocità massima, Bruno Senna, al volante della Rebellion durante il primo stint, è riuscito a prendere il comando sulla Toyota #7 di Kamui Kobayashi. Ma dopo una buona battaglia nella prima ora di gara, Senna ha mollato lasciando volare via le due Toyota.

Norman Nato, poi Gustavo Menezes, han mantenuto il terzo posto fino al traguardo - finendo due giri dietro la Toyota - per dare alla Rebellion Racing il suo secondo podio in due gare.

Podium: #1 Rebellion Racing Rebellion R13 - Gibson: Bruno Senna, Gustavo Menezes, Norman Nato

Podium: #1 Rebellion Racing Rebellion R13 - Gibson: Bruno Senna, Gustavo Menezes, Norman Nato

Photo de: JEP / LAT Images

"Siamo molto orgogliosi della nostra performance nel Fuji. Vorrei congratularmi con tutto il Team e con i piloti che hanno fatto un lavoro incredibile, è stata una gara perfetta. Non potevamo fare di meglio".

"Toyota Hybrids, nonostante il Success Ballast, ha ancora un netto vantaggio sui non ibridi vincendo due giri avanti. Continueremo a mantenere la pressione con la perseveranza e la professionalità che caratterizzano il Team REBELLION Racing".

"È stata una buona giornata con il podio", dice Bruno Senna. "Certo, volevamo essere più competitivi con la Toyota, ma non basta per affrontarli. Speriamo di essere più forti in pista a Shanghai e saremo molto combattivi contro gli ibridi. Continueremo a dare il massimo per cercare di vincere questo trofeo con il sorriso sulla faccia!"

La 6 Ore di Shanghai si terrà il 6 novembre.

 
condividi
commenti
Toyota centra la doppietta al Fuji, la TS050 #8 si prende la vittoria

Articolo precedente

Toyota centra la doppietta al Fuji, la TS050 #8 si prende la vittoria

Articolo successivo

Borga e COOL Racing sesti al Fuji: "Non è stato il risultato che ci aspettavamo"

Borga e COOL Racing sesti al Fuji: "Non è stato il risultato che ci aspettavamo"
Carica i commenti