Spa, 3° Ora: si consolida il comando della Toyota

Anthony Davidson incrementa il vantaggio sulla Audi R18 di Duval. Fuori corsa e ancora in garage la Porsche di Webber-Hartley-Bernhard dove si si sta cercando di sostituire l'avantreno. Ferrari senza rivali tra le GTE PRO

Spa, 3° Ora: si consolida il comando della Toyota

Terza ora all'insegna del rafforzamento della posizione di comando da parte della Toyota 050 Hybrid-Hybrid di Anthony Davison che aumenta il proprio vantaggio sull'Audi R18 di Duval e sulla seconda Toyota di Kobayashi. Quarta è la Porsche 919 Hybrid superstite nelle posizioni di testa che Romain Dumas sta cercando di portare dalle parti della zona bassa del podio dopo che sembrano essere stati risolti i problemi al sistema ibrido.

Fuori la gara la Porsche di punta

Piuttosto si vengono a conoscere i particolari dei guai che hanno afflitto la 919 Hybrid di Bernhard e di Webber. L'australiano ha forato per sfregamento della carrozzeria sulla gomma quando questa era in appoggio e per via della power unit e del sistema di trasmissione dell'avantreno. La sosta lunghissima alla conclusione della seconda ora è dipeso proprio da questo: ragion per cui in Porsche hanno tenuto la vettura in garage per cercare di sostituire l'intera parte anteriore con il sistema ibrido e la scatola del cambio. In soldoni il trio che aveva ottenuto la pole position è penultimo e non è ancora stato rimesso in pista. Leggermente meglio va all'Audi numero 7 che continua a fare pit stop lunghissimi, ad essere anch'essa portata in garage ma che ha ripreso la corsa sebbene fuori dai primi dieci.

In LMP2, dopo i guai avuti dalla Oreca di Berthon-Rast-Rusinov il comando è della vettura del team Manor di Jakes-Stevens-Graves che si trova davanti all'Alpine di Richelmi e alla seconda Manor di Bradley. Due minuti di sosta obbligatoria sono stati comminati a Dolan, considerato responsabile dell'incidente avvenuto a Stavelot e che ha portato al ritiro dell'Aston Martin di Thiim.

Sotto inchiesta il primo pit stop di Bird-Rigon

Le Ferrari, tra le GTE PRO, sembrano avere solo un problema: la vettura di Bird-Rigon è sotto inchiesta per presunte irregolarità nel primo pit stop ma la direzione non ha ancora comunicato nulla al riguardo né al team né all'ambiente del WEC. Il dominio delle due 488 è evidente nei confronti delle avversarie, la migliore delle quali è ora la Ford GT di Pla-Muecke-Johnson salita al terzo posto. Ruberti con Ragues e il giapponese Yamagishi è quarto tra le GTE AM, Joel Camathias, con Henzler e Ried, quinto nella stessa classe dove comanda l'Aston di Lamy-DallaLana-Lauda.

 

condividi
commenti
Spa, 2° Ora: dominio Toyota. Porsche tradita dalle gomme
Articolo precedente

Spa, 2° Ora: dominio Toyota. Porsche tradita dalle gomme

Articolo successivo

Spa, 4°Ora: si ritira anche la seconda Toyota

Spa, 4°Ora: si ritira anche la seconda Toyota
Carica i commenti