L'Audi serve il poker alla 6 Ore di Spa-Francorchamps

L'Audi serve il poker alla 6 Ore di Spa-Francorchamps

La vecchia R18 ultra di Duval, Dumas e Gene ha avuto la meglio sulle nuove R18 e-tron quattro

Le Audi hanno letteralmente dominato la 6 Ore di Spa-Francorchamps, secondo appuntamento del Mondiale Endurance FIA, monopolizzando le prime quattro posizioni dell'ordine di arrivo. La cosa curiosa però è che contrariamente ai pronostici non è stata una delle due nuovissime R18 e-tron quattro ibride a conquistare la vittoria, ma una delle più tradizionali R18 ultras. A festeggiare il successo è stato infatti l'equipaggio composto da Loic Duval, Romain Dumas e Marc Gene, con l'ex pilota delle Peugeot che quindi non poteva sperare in un esordio migliore con la Casa di Ingolstadt. Nelle prime fasi di gara, disputate con la pista bagnata, erano state le nuove nate a fare la differenza, ma mano a mano che l'asfalto ha iniziato ad asciugarsi l'ago della bilancia ha cominciato a spostarsi dall'altra parte. Al pit stop Gene ha azzardato il passaggio alle gomme slick e nel suo stint è riuscito ad andare a riprendere Andre Lotterer, che invece era sulle gomme intermedie, prima che Loic Duval riuscisse a finalizzare il sorpasso ai danni di Benoit Treluyer in quello successivo. Una volta preso il comando poi l'equipaggio numero 3 non ha avuto particolari problemi a prendere il largo, arrivando alla bandiera a scacchi con un vantaggio di 40" nei confronti della R18 e-tron dei vincitori della scorsa edizione dalla 24 Ore di Le Mans, ovvero Lotterer, Treluyer e Marcel Fassler. Terzo gradino del podio per l'altra R18 ultra di Marco Bonanomi ed Oliver Jarvis, che hanno potuto approfittare di una serie piuttosto lunga di disavventure che ha colpito la seconda vettura ibrida, ovvero quella dei veterani Dindo Capello, Allan McNish e Tom Kristensen. La prima tra le vetture private è stata quindi la Lola-Toyota della Rebellion Racing, quinta al traguardo con Nicolas Prost, Neel Jani e Nick Heidfeld, giunta alla bandiera a scacchi con un distacco di tre tornate. Per quanto riguarda la classe LMP2, la vittoria è andata alla Zytek-Nissan del team Jota, nona assoluta al traguardo con Simon Dolan e Sam Hancock. Decisivo lo splash and go a cui è stata obbligata la Oreca-Nissan di John Martin, Robbie Kerr e Tor Greaves. Infine, nella classe GT, si è vista una grande battaglia che alla fine ha portato al successo della Porsche della Felbermayr Racing, con Richard Lietz (che divideva l'abitacolo con Marc Lieb) che è stato bravissimo a resistere al tentativo di attacco finale della Ferrari di Gianmaria Bruni e Giancarlo Fisichella. FIA WEC - 6 Ore di Spa-Francorchamps - Classifica finale

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WEC
Piloti Marc Gene , Romain Dumas , Loïc Duval
Articolo di tipo Ultime notizie