Mecachrome Motorsport: ecco il 6 cilindri turbo per la Ginetta nel WEC

Si tratta di un propulsore derivato dall'unità che la Casa francese di Aubigny sur Nère ha prodotto per la F.2: il motore siglato V634P1ha un'architettura a V di 95 gradi e disporrà di 650 cv a 7.000 giri con una coppia di 650 Nm a 6.000 giri.

Mecachrome Motorsport, oltre a fornire i motori a ​​Formula 2 e GP3 e supportare Renault Sport F1 nella costruzione del suo motore di Formula 1, sta finalizzando una power unit per la “Super Season” " 2018/19 del FIA World Endurance Championship (WEC).

Il Costruttore francese equipaggerà la Ginetta LMP1 privata con un motore turbo V6 da 3,4 litri. L’unità disporrà di una sovralimentazione mono turbo simile a quella che verrà utilizzata in F.2, con gli scarichi interni alla V e l'alimentazione all'esterno.

Per migliorare l'efficienza in camera di combustione verrà installata un'iniezione diretta con una pressione di 250 bar. Anche il turbo, il disegno della camera di combustione, il pistone e la distribuzione saranno modificati rispetto all’unità della serie cadetta.

Tutti i componenti - eccetto le molle valvola (NHK, Giappone), le valvole (Zanzi, Italia), i pistoni e le bielle (Pankl, Austria) - sono prodotti nello stabilimento Mecachrome di Aubigny sur Nère.

In parallelo con il programma per la LMP1, Mecachrome sta studiando di adattare il V6 da 3,4 litri al campionato IMC WeatherTech SportsCar. Il Costruttore francese inoltre è stato scelto da PSA Motorsport per la costruzione e l'assemblaggio dei 4 cilindri per la nuova Citroen C3 R5.

Bruno Engelric, direttore di Mecachrome Motorsport, ha dichiarato:
"Lo studio di questo nuovo V6 è iniziato circa due anni e mezzo fa. Siamo stati selezionati per produrre i motori della GP3 Series e della FIA ​​Formula 2 e, quando abbiamo deciso di lanciare il progetto per LMP1, era chiaro che quest’ultimo propulsore poteva essere la base ideale”.

“Troveremo molti avversari nella categoria LMP1 "Privati" del WEC: abbiamo dovuto adattare molti parametri del motore, ma non siamo stati limitati dal regolamento: il nostro programma di sviluppo, infatti, dipenderà semplicemente dal budget che le squadre con cui lavoreremo saranno in grado di metterci a disposizione”.

“Il turbo sarà installato al centro della V. Abbiamo anche studiato la possibilità di implementare un secondo turbo, ma riteniamo che il miglior compromesso, dovuto in parte alle caratteristiche del motore, resti di montarne uno solo”.

“Scopriremo dove saremo come il nostro motore dopo Le Mans, ma abbiamo già una lista di interventi che potremmo fare. Questo progetto è entusiasmante e ci piacerebbe collaborare con altri team".

L'inizio del FIA 2018/19 World Endurance Championship si terrà il 5 maggio 2018 con la 6 Ore di Spa-Francorchamps, seguita il 16 e 17 giugno dall'86a edizione della 24 Ore di Le Mans.

Scheda tecnica Mecachrome V634P1

Tipo: 6 cilindri turbo siglato V634P1 a V di 95 gradi

Cilindrata: 3.396 cc

Alesaggio x corsa: 96 mm x 78,2 mm

Distribuzione: doppio albero a camme in testa con comando a catena, mentre i servizi ausiliari sono serviti con ingranaggi, 4 valvole per cilindro

Sovralimentazione: con un turbo montato al centro della V

Iniezione: diretta con pressione di 250 bar

Elettronica: centralina Bosch MS6.4

Basamento: in alluminio ad alte prestazioni con carter secco

Regime di rotazione massimo: 9.000 giri/min

Potenza massima: 650 cv a 7.000 giri/min con un consumo istantaneo di 110 kg/h di carburante

Coppia massima: 650 Nm a 6.000 giri/min con un consumo istantaneo di 110 kg/h di carburante

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WEC
Articolo di tipo Ultime notizie