Lamborghini in LMDh con il telaio di Porsche e Audi?

Giorgio Sanna, capo di Squadra Corse, spiega che la Casa di Sant'Agata sta valutando se entrare nel WEC e nell'IMSA con delle squadre clienti dal 2024, sfruttando le sinergie disponibiliti nel Gruppo Volkswagen: il telaio dovrebbe essere di Multimatic Motorsport, lo stesso dei due marchi tedeschi e il motore verrebbe condiviso in funzione di un forte contenimento dei costi.

Lamborghini in LMDh con il telaio di Porsche e Audi?

La Lamborghini vuole entrare nell'arena dei prototipi LMDh sfruttando le sinergie del Gruppo Volkswagen, puntando sullo stesso pacchetto telaio-motore di Porsche e Audi.

Giorgio Sanna, responsabile di Lamborghini Squadra Corse, ha ammesso che il marchio Ddi Sant’Agata Bolognese sta valutando la possibilità di dare il via a un progetto che gli darebbe l’accesso tanto al WEC che all’IMSA in America.

L’idea sarebbe di seguire le scelte già fatte da Porsche e Audi, utilizzando lo stesso telaio LMP2 pensato in Canada da Multimatic Motorsport montando lo stesso motore che spingerà i Prototipi delle due Case tedesche.

Sanna ha confermato che c'è "forte interesse" da parte di Lamborghini ad espandere le sue attuali attività allargando gli orizzonti oltre il GT3 e i monomarca dedicati alla Huracan Super Trofeo.

"Abbiamo sempre detto che LMDh è la categoria giusta per per Lamborghini - ha detto Giorgio a Motorsport.com - chiaramente dal punto di vista tecnico la migliore opportunità è sfruttare la piattaforma del Gruppo VW.

"Stiamo condividendo alcune idee e una visione all'interno del Gruppo e spero che prenderemo una decisione presto".

Sanna ha sottolineato che c'erano già forti legami sportivi fra la Lamborghini e altri marchi all'interno di VW: la Huracan GT3 e l'Audi R8 di seconda generazione sono state sviluppate fianco a fianco.

L’idea è di sviluppare una LMDh per il 2024, vale a dire un anno dopo il debutto di Porsche e Audi che inizieranno la loro attività nel 2023 con le loro vetture.

"Per noi sarebbe un grande salto e abbiamo bisogno di tempo per prepararci al programma – ha aggiunto Sanna. Le tempistiche di attuazione potrebbero essere legate alle capacità produttive di Multimatic di sviluppare uguali vettura base con diverse configurazioni aerodinamiche per ciascun marchio.

I due Costruttori tedeschi si sono impegnati ad entrare sia con programmi ufficiali che clienti sulla griglia della 24 Ore di Daytona 2023, prova di apertura della serie IMSA. Lamborghini potrebbe seguire la scia di chi ha già aperto la strada con costi che saranno molto più im linea con le minori risorse della Casa italiana.

È per questo che non si dovrebbe concretizzare il sodalizio con Dallara sul progetto LMDh, uno dei quattro produttori che hanno la licenza per realizzare le LMP2 insieme a Multimatic, ORECA e Ligier.

Giampaolo Dallara ha curato l’aerodinamica della Huracan GT3 e ha seguito anche la Super Trofeo, ma non si occuperebbe della vettura LMDh.

Lamborghini se mai dovesse dare il via alla presenza nei Prototipi non debutterebbe con una squadra ufficiale, ma si affiderebbe ai team clienti come ha fatto fino ad ora.

condividi
commenti
Toyota: completato con successo lo shakedown in vista di Le Mans

Articolo precedente

Toyota: completato con successo lo shakedown in vista di Le Mans

Articolo successivo

Doccia fredda per Rigon: deve saltare la 24 Ore di Le Mans

Doccia fredda per Rigon: deve saltare la 24 Ore di Le Mans
Carica i commenti