Ultima zampata Audi, ma regge il tempo della Porsche

Ultima zampata Audi, ma regge il tempo della Porsche

Il miglior tempo della due giorni rimane quello di Hartley, mentre la vettura con più km all'attivo è la Toyota

Il secondo turno del Prologue del sabato si è concluso regolarmente, con la Porsche 919-Hybrid n.14 che è tornata a girare dopo una mezz’oretta ai box per i controlli del caso, in seguito alla perdita di una ruota quando al volante era Neel Jani e non Romain Dumas come era sembrato in un primo momento. Il più veloce della frazione di prove è stato Tréluyer al volante dell’Audi R18 e-tron quattro n.2 (1’43”423) che condivide con Lotterer e Fassler, il cui tempo è rimasto comunque molto lontano da quello messo a referto ieri da Brendon Hartley con la 919. Nei cinque turni di prove le due Toyota TS040 Hybrid sono state le vetture LMP1-H che hanno percorso più giri, complessivamente ben 667, pari a 3863 km; non sono state molto da meno le Porsche 919 Hybrid nonostante gli inconvenienti di oggi alla n.14, coprendo 614 tornate (3556 km); più lontane le Audi R18 e-tron quattro con 291 giri (1685 km). Nelle altre classi i migliori tempi del sabato sono stati conquistati dall’Oreca 03-Nissan LMP2 di Howson-Bradley-Matsuda (1’51”071), dalla Porsche 911 RSR LMGTE Pro di Holzer-Makowiecki-Lietz (1’58”329) e dalla Porsche 911 GT3 RSR LMGTE Am di Perrodo-Collard-Vaxivière (1’58”641), tutti più alti dei riferimenti di ieri.

FIA WEC - Test Paul Ricard - Day 2 (Sessione Pomeridiana)

FIA WEC - Test Paul Ricard - Classifica cumulativa

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WEC
Piloti André Lotterer , Marcel Fässler , Benoit Tréluyer
Articolo di tipo Ultime notizie