La Porsche detta il ritmo nei test del Paul Ricard

condividi
commenti
La Porsche detta il ritmo nei test del Paul Ricard
Di: Luigi Massari
28 mar 2014, 19:50

All'esordio nel resto del gruppo la 919 Hybrid ha subito messo in fila Audi e Toyota

Alla conclusione delle prime due sessioni di prove collettive del World Endurance Championship sul circuito Paul Ricard (Francia) c’è aria di soddisfazione nel Porsche Team, all’esordio in pubblico nella massima categoria del campionato, la LMP1-H con la 919 Hybrid. Se in mattinata la n.14 di Dumas-Jani-Lieb aveva colto il 2. miglior tempo dietro alla Audi R18 e-tron quattro di Fassler-Lotterer-Tréluyer, nel pomeriggio lo scenario è mutato. Infatti la più veloce è stata proprio una Porsche 919 Hybrid, stavolta la n.20 di Bernhard-Webber-Hartley, che ha abbassato esattamente di 1” il miglior tempo dell’Audi, scendendo a 1’41”788. Inoltre la biposto di Stoccarda n.20 è stata la vettura che ha completato più giri fra le 6 LMP1-H scese in pista, 81 nel pomeriggio e 56 in mattinata, un risultato che non ha nulla di definitivo, naturalmente, ma che è comunque incoraggiante nell’ottica dell’affidabilità. Il secondo miglior tempo complessivo è andato all’Audi n.2 di Fassler-Lotterer-Tréluyer che pur abbassando il loro primato della mattina di oltre 0,7” non sono riusciti a far meglio della Porsche, rispetto alla quale hanno anche percorso parecchi giri in meno, totalizzandone 59. L’attesa Toyota TS040 Hybrid con l’equipaggio Wurz-Sarrazin-Nakajima ha conquistato il 4. tempo complessivo, preceduta anche dalla Porsche n.14. Le due Toyota hanno girato con due soluzioni aerodinamiche del frontale vistosamente differenti, una con la zona in corrispondenza dei gruppi ottici anteriori più arrotondata (stile Audi, se vogliamo), l’altra decisamente più verticale (stile Porsche): la più veloce è risultata quella “arrotondata”. Che, fra le due, è anche quella che ha girato di più visto che ha completato 134 tornate, seconda in questa graduatoria soltanto alla 919 n.20. Fra le LMP2 la più veloce nei turni diurni è stata la Oreca 03-Nissan di Nakano (1’48”970) mentre nelle LMGTPro la 911 RSR di Holzer-Makowiecki-Lietz (1’58”041) ha completato la positiva giornata della Porsche, risultando la più rapida davanti alla Ferrari 458 Italia di Rigon-Bruni-Calado. La F458 Italia invece è risultata la migliore delle LMGTAm con Potolicchio-Roda-Ruberti (1’58”507). Il primo giorno di test si conclude con due ore di prove nell’oscurità dalle 19 alle 21.

FIA WEC - Test Paul Ricard - Day 1 (Sessione Mattutina)

FIA WEC - Test Paul Ricard - Day 1 (Sessione Pomeridiana)

Prossimo articolo WEC
Ufficiale l'approdo di James Calado alla AF Corse

Articolo precedente

Ufficiale l'approdo di James Calado alla AF Corse

Articolo successivo

La Porsche 919 Hybrid bene anche di notte

La Porsche 919 Hybrid bene anche di notte
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WEC
Piloti Brendon Hartley , Mark Webber , Timo Bernhard
Autore Luigi Massari
Tipo di articolo Ultime notizie