Ferrari: decisione sul programma Hypercar prima di Natale?

Nel mondiale di durata crescono le Case interessate a partecipare (Toyota, Peugeot, Audi e Porsche), ma manca ancora l'adesione della Ferrari che deve decidere prima di fine anno se aderire al WEC con un'Hypercar. Le dimissioni del CEO, Louis Camilleri, non incideranno sui tempi della scelta. Il presidente del Cavallino, John Elkann, esaminerà il progetto di fattibilità. Dopo la rinuncia all'Indycar si punta a tornare a vincere la 24 Ore di Le Mans.

Ferrari: decisione sul programma Hypercar prima di Natale?

Audi e Porsche hanno ufficializzato il loro ingresso nel WEC con una LMDh, mentre la Peugeot ha mostrato la power unit della sua Hypercar e la Toyota ha già iniziato i collaudi della vettura che ha girato al Paul Ricard.

Anche ByKolles sta studiano la "PMC Project", segno che il mondo dell’Endurance si sta scaldando in vista dell’introduzione del nuovo regolamento tecnico che dal 2022 dovrà equiparare le prestazioni dei Prototipi con le GT Silhouette nelle gare di durata.

All’elenco manca ancora la Ferrari che è attesa a una decisione prima di Natale. La Casa di Maranello ha accantonato l’idea di andare in Indycar con un motore proprio, in quanto il costo di progettare e realizzare un propulsore proprio con il quale sfidare Chevrolet e Honda sarebbe stato tale da non giustificare l’assorbimento di una parte degli esuberi che ci saranno nella Gestione Sportiva a causa del Budget cap che entrerà in vigore in F1 dal prossimo anno.

La Ferrari, allora, punterà a tornare a vincere la classifica assoluta alla 24 Ore di Le Mans: il Cavallino, infatti, deve varare il programma che dovrà prendere il posto nelle Corse GT oggi occupato dalle 488 GTE.

Qualcuno ha pensato che le dimissioni di Louis Camilleri dal ruolo di CEO Ferrari potessero bloccare la pianificazione del futuro fintanto che a Maranello non ci sarà un nuovo amministratore delegato.

In realtà il presidente John Elkann è perfettamente consapevole che non si può perdere troppo tempo nell’avviare un programma ambizioso e ne parlerà con Antonello Coletta prima di fine anno, avendo avocato a sé le deleghe del dirigente maltese. Visto il plateau di marchi prestigiosi che già aderito al WEC sarebbe incredibile che a restare fuori dal gioco sia proprio il Costruttore che più di ogni rappresenta il mondo delle supercar sportive.

Esiste un progetto di fattibilità dell’Hypercar che deve essere sottoposto e approvato dal vertice dell’azienda: solo quando ci sarà l’ok l’operazione Le Mans della Ferrari potrà passare dall’essere un sogno alla realtà dando il via a un crono-programma che sarà molto serrato per arrivare in tempo per l’edizione 2023.

Il regolamento approvato dall’ACO e discusso con l’IMSA ha molto allargato le maglie, rendendo più difficile la trasformazione in Hypercar di una vettura stradale, come era nei piani della Ferrari.

Alla Peugeot è stato concesso di realizzare un telaio monoposto che aerodinamicamente avrà vantaggio importanti, così come il motore, rispetto alle promesse iniziali, potrà essere alleggerito di una ventina di chili per cui difficilmente potrà derivare da un basamento di serie. Questa scelta è stata fatta per ingolosire la Toyota.

Si tratta di certo d’intoppi che, però, non dovranno assolutamente mettere della sabbia negli ingranaggi di un programma che dovrà essere ambizioso: la Ferrari non può mancare in una sfida che vede molti marchi blasonati essere della partita. A Maranello non è più la fase delle chiacchiere, ma è giunto il momento di entrare in azione…

condividi
commenti
Ufficiale: Porsche avrà la sua LMDh nel 2023!

Articolo precedente

Ufficiale: Porsche avrà la sua LMDh nel 2023!

Articolo successivo

Porsche: l'iconica Gruppo C che ha segnato un'era

Porsche: l'iconica Gruppo C che ha segnato un'era
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WEC
Team Ferrari Races
Autore Franco Nugnes