WEC
22 feb
-
23 feb
Evento concluso
23 apr
-
25 apr
Prossimo evento tra
22 giorni

Doppietta Toyota alla 8 Ore del Bahrain. Rebellion e Ginetta KO

condividi
commenti
Doppietta Toyota alla 8 Ore del Bahrain. Rebellion e Ginetta KO
Di:
14 dic 2019, 23:07

Trionfa la TS050 Hybrid numero 7 dopo il clamoroso contatto al via che ha messo fuori dai giochi la Rebellion e la Ginetta che scattavano dalla prima fila. Podio Ferrari in GTE-Pro.

Rebellion e Ginetta sembravano le favorite per la vittoria della 8 Ore del Bahrain, andata in scena oggi sul tracciato di Sakhir, invece a uscire trionfante è stata Toyota. Il team giapponese ha imposto la propria legge piazzando una grande doppietta in una gara senza storia.

Gran parte del merito di questo risultato, però, i membri di Toyota Gazoo Racing devono darlo a Rebellion e Ginetta, in particolar modo a Charlie Robertson e Bruno Senna. I due piloti, partiti appaiati in prima fila dopo delle ottime Qualifiche, sono entrati in collisione alla Curva 2, pochi istanti dopo la partenza.

Leggi anche:

Una manovra dissennata da parte di Robertson che, nel tentativo di superare il brasiliano, si è intraversato colpendo la Rebellion numero 1 che partiva dalla pole position. Questo ha costretto Bruno e i suoi compagni Norman Nato e Gustavo Menezes a mettere in piedi una bella rimonta, che li ha portati a chiudere al terzo posto, sul podio dopo aver dovuto effettuare una lunga sosta per sistemare un guasto alla trasmissione.

Entrambe le Ginetta si sono dovute ritirare, ed è davvero un'occasione persa per loro considerando come il Success Handicap fosse a dir poco favorevole per loro, rendendole le vetture favorite per la vittoria in questo fine settimana.

In LMP2 è stata celebrata la prima vittoria della United Autosports grazie Paul di Resta, Phil Hanson e Filipe Albuquerque. L'equipaggio ha letteralmente dominato la corsa, restando in testa alla graduatoria di classe per tutta la durata della gara.

Sotto la bandiera a scacchi hanno trionfato davanti alla Oreca del team JOTA Sport di Anthony Davidson, Antonio Felix Da Costa e Roberto Gonzales con un vantaggio di 21"5. Il podio di classe è stato completatl dalla Oreca numero 37 del team Jackie Chan DC Racing di Will Stevens, Gabriel Aubry e Ho-Pin Tung. Solo quarta G-Drive con Vergne, Rusinov e van Uitert.

Dopo una bella lotta con le Ferrari, Aston Martin ha portato a casa il successo nella classe regina del GT, la GTE-Pro grazie alla Vantage numero 95 di Nicki Thiim e Marco Sorensen che ha preceduto la Ferrari 488 GTE numero 71 di Davide Rigon e Miguel Molina.

Giunti agli ultimi pit stop, la Aston numero 95 è riuscita a superare la Rossa di AF Corse facendo un pit stop più rapido. Rigon ha cercato di recuperare e passare Marco Sorensen alla Curva 11, ma alla fine l'equipaggio tutto danese ha avuto la meglio. Ulteriore beffa per la Ferrari lo stop&go comminato alla 488 GTE Evo numero 71 per aver fatto pattinare le gomme alla ripartenza dell'ultimo pit stop.

Fortunatamente per la Ferrari il secondo posto è rimasto saldamente nelle mani di Rigon e Molina. E' andata peggio invece alla Ferrari numero 51, quella di Alessandro Pier Guidi e James Calado. I due hanno dovuto cedere la terza posizione alla seconda Aston Martin Vantage ufficiale, la numero 97 di Maxime Martin e Alex Lynn per esser stata ritenuta responsabile del contatto avvenuto tra le due vetture alla Curva 1 nell'ora finale di gara.

Se Porsche non ha brillato in GTE-Pro, si è potuta consolare con il successo in GTE-Am arrivato grazie alla 911 del team Project 1 di Ben Keating, Larry ten Voorde e Jeroen Bleekemolen. La vettura tedesca ha preceduto sul traguardo l'Aston Martin Vantage numero 98 di Paul Dalla Lana, Ross Gunn e Darren Turner e la seconda Porsche, la numero 86 del team Gulf Racing di Ben Barker, Michael Wainwright e Andrew Watson.

Cla # Piloti Auto Classe Giri Tempo Distacco Distacco Ritirato Punti
1 7 United Kingdom Mike Conway
Japan Kamui Kobayashi
Argentina José María López
Toyota TS050 Hybrid LMP1 257 8:01'23.599
2 8 Switzerland Sébastien Buemi
Japan Kazuki Nakajima
New Zealand Brendon Hartley
Toyota TS050 Hybrid LMP1 256 8:01'38.714 1 Lap 1 Lap
3 1 Brazil Bruno Senna
United States Gustavo Menezes
France Norman Nato
Rebellion R13 LMP1 254 8:02'00.414 3 Laps 2 Laps
4 22 United Kingdom Philip Hanson
Portugal Filipe Albuquerque
United Kingdom Paul di Resta
Oreca 07 LMP2 249 8:02'26.187 8 Laps 5 Laps
5 38 Mexico Roberto Gonzalez
Portugal António Félix Da Costa
United Kingdom Anthony Davidson
Oreca 07 LMP2 249 8:02'47.687 8 Laps 21.500
6 37 China Ho-Pin Tung
France Gabriel Aubry
United Kingdom Will Stevens
Oreca 07 LMP2 248 8:02'06.448 9 Laps 1 Lap
7 26 Russian Federation Roman Rusinov
Netherlands Job Van Uitert
France Jean-Éric Vergne
Aurus 01 LMP2 248 8:02'42.892 9 Laps 36.444
8 36 France Thomas Laurent
Brazil André Negrao
France Pierre Ragues
Alpine A470 LMP2 248 8:02'56.512 9 Laps 13.620
9 29 Netherlands Frits van Eerd
Netherlands Giedo van der Garde
Netherlands Nyck De Vries
Oreca 07 LMP2 247 8:01'49.384 10 Laps 1 Lap
10 42 France Nicolas Lapierre
Switzerland Antonin Borga
Switzerland Alexandre Coigny
Oreca 07 LMP2 245 8:01'38.871 12 Laps 2 Laps
11 33 United States Mark Patterson
Japan Kenta Yamashita
Denmark Anders Fjordbach
Oreca 07 LMP2 244 8:03'07.487 13 Laps 1 Lap
12 47 Italy Roberto Lacorte
Italy Andrea Belicchi
Italy Giorgio Sernagiotto
Dallara P217 LMP2 240 8:02'02.213 17 Laps 4 Laps
13 95 Denmark Marco Sorensen
Denmark Nicki Thiim
Aston Martin Vantage AMR LMGTE PRO 235 8:01'30.781 22 Laps 5 Laps
14 71 Italy Davide Rigon
Spain Miguel Molina
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE PRO 235 8:01'44.579 22 Laps 13.798
15 97 United Kingdom Alex Lynn
Belgium Maxime Martin
Aston Martin Vantage AMR LMGTE PRO 235 8:01'53.103 22 Laps 8.524
16 51 United Kingdom James Calado
Italy Alessandro Pier Guidi
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE PRO 235 8:01'56.745 22 Laps 3.642
17 91 Italy Gianmaria Bruni
Austria Richard Lietz
Porsche 911 RSR - 19 LMGTE PRO 233 8:01'36.082 24 Laps 2 Laps
18 57 United States Ben Keating
Netherlands Larry ten Voorde
Netherlands Jeroen Bleekemolen
Porsche 911 RSR LMGTE AM 233 8:02'10.397 24 Laps 34.315
19 92 Denmark Michael Christensen
France Kevin Estre
Porsche 911 RSR - 19 LMGTE PRO 233 8:02'22.444 24 Laps 12.047
20 98 Canada Paul Dalla Lana
United Kingdom Darren Turner
United Kingdom Ross Gunn
Aston Martin Vantage AMR LMGTE AM 233 8:02'47.724 24 Laps 25.280
21 86 United Kingdom Michael Wainwright
United Kingdom Andrew Watson
United Kingdom Ben Barker
Porsche 911 RSR LMGTE AM 233 8:03'10.666 24 Laps 22.942
22 83 France François Perrodo
France Emmanuel Collard
Denmark Nicklas Nielsen
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 232 8:02'43.153 25 Laps 1 Lap
23 54 Switzerland Thomas Flohr
Italy Francesco Castellacci
Italy Giancarlo Fisichella
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 232 8:03'03.428 25 Laps 20.275
24 77 Germany Christian Ried
Italy Riccardo Pera
Australia Matt Campbell
Porsche 911 RSR LMGTE AM 231 8:02'13.477 26 Laps 1 Lap
25 70 Japan Motoaki Ishikawa
Monaco Olivier Beretta
Japan Kei Cozzolino
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 230 8:03'01.784 27 Laps 1 Lap
26 62 United Kingdom Bonamy Grimes
United Kingdom Johnny Mowlem
United Kingdom Charles Hollings
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 229 8:01'26.180 28 Laps 1 Lap
27 56 Norway Egidio Perfetti
Denmark David Heinemeier Hansson
Italy Matteo Cairoli
Porsche 911 RSR LMGTE AM 214 8:01'28.044 43 Laps 15 Laps
6 United Kingdom Mike Simpson
United States Chris Dyson
United Kingdom Guy Smith
Ginetta G60-LT-P1 LMP1 195 6:15'00.212 62 Laps 19 Laps Ritirato
90 Turkey Salih Yoluç
Ireland Charlie Eastwood
United Kingdom Jonathan Adam
Aston Martin Vantage AMR LMGTE AM 178 7:35'48.349 79 Laps 17 Laps Ritirato
5 United Kingdom Charlie Robertson
United Kingdom Ben Hanley
United Kingdom Jordan King
Ginetta G60-LT-P1 LMP1 143 4:34'13.454 114 Laps 35 Laps Ritirato
88 United Arab Emirates Khaled Al Qubaisi
Belgium Adrien de Leener
Austria Thomas Preining
Porsche 911 RSR LMGTE AM 109 3:46'55.748 148 Laps 34 Laps Ritirato
Articolo successivo
WEC, video: il clamoroso incidente al via della 8 Ore del Bahrain

Articolo precedente

WEC, video: il clamoroso incidente al via della 8 Ore del Bahrain

Articolo successivo

Rigon e Molina regalano il podio alla Ferrari in Bahrain

Rigon e Molina regalano il podio alla Ferrari in Bahrain
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WEC
Evento Bahrain
Sotto-evento Gara
Autore Giacomo Rauli