WEC
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
08 nov
-
10 nov
Evento concluso
G
Interlagos
30 gen
-
01 feb
Prossimo evento tra
73 giorni
18 mar
-
20 mar
Prossimo evento tra
121 giorni
G
Spa-Francorchamps
23 apr
-
25 apr
Prossimo evento tra
157 giorni

Cronache di Sébastien Buemi - "Vedo squadre come Rebellion essere più veloci di noi"

condividi
commenti
Cronache di Sébastien Buemi - "Vedo squadre come Rebellion essere più veloci di noi"
Di:
, Motorsport.com Switzerland
Tradotto da: Emmanuel Rolland, Motorsport.com Switzerland
29 ago 2019, 22:12

Il pilota svizzero riferisce per Motorsport.com Svizzera, prima dell'apertura del WEC questo fine settimana a Silverstone.

Buongiorno a tutti!
Felice di ritrovarvi per una nuova rubrica di Motorsport.com, in preparazione una nuova stagione nel WEC e nella Formula E.

Vorrei iniziare questa rubrica raccontandovi della scomparsa di Jean-Paul Driot, a me molto stato caro, che era il capo del team di e.dams, e che ha significato molto nella mia personale carriera e nella mia vita in generale. La sua scomparsa ha rattristato molto non solo me, ma ovviamente anche molte persone nel mondo dell'automobilismo.

Conoscevo Jean-Paul dal 2006, ai tempi del campionato A1 GP. Avevo corso in questa serie e il DAMS era responsabile di entrambe le squadre francese e svizzera. Ho fatto una gara e l'ho incontrato, ci siamo subito piaciuti, anche se non eravamo particolarmente vicini.

Leggi anche:

Sébastien Buemi, Renault e.dams, parle au directeur d'équipe Jean-Paul Driot

Sébastien Buemi, Renault e.dams, parle au directeur d'équipe Jean-Paul Driot

Photo de: Andrew Ferraro / LAT Images

Poiché viveva vicino a casa mia, si fermava spesso presso la nostra concessionaria di famiglia. Ho quasi guidato per lui in GP2, ma purtroppo non è mai accaduto; Ma è stato durante una vacanza alle Mauriotius che siamo diventati buoni amici. 

Nel dicembre 2013, l'ho visto a Parigi e mi ha chiesto di guidare la Formula E per lui. Nonostante i miei impegni nel WEC, il progetto è andato fino in fondo ed è stato allora che ho davvero iniziato a correre per lui. Questa è stata la nostra quinta stagione insieme, spalla a spalla, ed è andato molto più in là del rapporto pilota/squadra boss. Lo consideravo davvero come un secondo padre, molto vicino con cui potevo parlare di tutto.

Era una persona molto carismatica. Una persona davvero in gamba e, soprattutto, sapeva delegare e circondarsi delle persone giuste. Riguardando alla sua vita, ha avuto molto successo sia in ambito professionale che personale: ha avuto successo in tutto quello che ha fatto.

Per me, la sua scomparsa è stato uno shock. Sapevo che era malato, ma recentemente mi aveva sorpreso venendomi a trovare a una festa che avevo organizzato vicino a casa.

A New York, sapevo che non stava bene, ed ero così felice di aver vinto con Nissan, perché sapevo che stava guardando la gara. Ora, spero che continueremo a fare la cosa giusta e a vincere per onorare al meglio la sua memoria.

Sébastien Buemi, Nissan e.Dams fête son titre de vice-Champion sur le podium

Sébastien Buemi, Nissan e.Dams fête son titre de vice-Champion sur le podium

Photo de: Andrew Ferraro / LAT Images

La stagione di Formula E si è conclusa nel miglior modo possibile, con questa vittoria nell'ultimo fine settimana di stagione a New York.

È una grande soddisfazione, perché ci dimostra che quando si lavora sodo, prima o poi, i risultati si ottengono. Anche se, onestamente, non ci credevo molto. C'è stata molta sfortuna in quello che mi è successo questa stagione. Ed è ancora più frustrante perché, tre giri dopo il mio incidente di Parigi, dovuto a una gomma a terra causata da un contatto proprio mentre ero in testa alla gara; poi, pochi giri dopo, è stato chiamato un Full Course Yellow fino alla fine della gara. Se fossi riuscito a fare altri tre giri, avrei intascato 25 punti... e avrei perso il campionato per 17 punti!

Dello stesso autore, leggi anche:

Successivamente, devo dire che, arrivato alla finale di New York al settimo posto, il mio obiettivo era il terzo posto, sapendo che era possibile. Concludere la gara secondo è stato al di là delle mie aspettative, e guardando indietro penso che se avessimo avuto anche solo che un problema in meno dall'inizio della stagione, avrei vinto il titolo!

Certo, per il primo anno di Nissan, sarebbe stato favoloso finire con la vittoria in campionato, ma è comunque stato un buon risultato.

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050 - Hybrid: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Brendon Hartley

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050 - Hybrid: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Brendon Hartley

Photo de: Toyota Racing

Ci stiamo anche preparando per l'inizio della WEC con la Toyota e per l'inizio della stagione che si sta avvicinando rapidamente, alla fine del mese a Silverstone. Sarà di nuovo una stagione un po'  di transizione. Lo è stata anche lo scorso anno, perché sapevamo che sarebbe stata un po' lunga. Qui, nel Prologo, abbiamo visto che il nuovo regolamento ci fa rallentare molto. È quindi chiaro che questo consentirà agli altri di essere più veloci di noi.

Dello stesso autore, leggi anche:

In precedenza, il regolamento ha cercato di regolare le prestazioni giocando sulla dimensione dei serbatoi, sul peso. Sfortunatamente, dopo un po', non abbiamo potuto fare di più. Abbiamo dovuto introdurre qualcosa per rallentarci, e queste nuove regole ci faranno rallentare ancora di più: può arrivare a farci perdere due secondi al giro.

È anche vero che nelle corse di quattro, sei o otto ore, la velocità è importante ma non è tutto. Bisogna avere la giusta strategia, per non avere problemi di affidabilità. Uno dei punti di forza della Toyota è che abbiamo la stessa macchina da molto tempo e di norma non abbiamo molti problemi. L'anno scorso, le altre squadre hanno riscontrato problemi meccanici che hanno causato la perdita di cinque giri.

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050 - Hybrid: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Brendon Hartley

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050 - Hybrid: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Brendon Hartley

Photo de: Toyota Racing

Vedo che ci sono squadre, come Rebellion, che sono più veloci di noi. Ma se questo non so se basterà questo per farli vincere, è tutta da vedere.

Ma in generale, le nuove regole... come puro pilota, non mi interessano molto. Quello che voglio è la concorrenza. Idealmente, con le auto più veloci possibili. Ciò che rende un grande campionato non è che le vetture siano a livello di F1, ma che ci sia competizione, ecco cosa piace alla gente. Se l'auto è 3'25, 3'15, 3'18 o 3'30, non mi interessa, voglio che ci sia bagarre, con un piccolo sviluppo sulle auto.

Infine, un'ultima parola sulla stagione della F1 e il ritorno in vetta della Red Bull, che mi ha fatto davvero piacere poiché che sono ancora fortemente coinvolto nella squadra, compreso anche quanto riguarda il lavoro fatto sul simulatore prima del Grand Prix.

Sul simulatore, faccio quello che chiamiamo "Supporti di gara", giovedì e venerdì prima di ogni Gran Premio, quando la cosa non si accavalla  con gli altri programmi in agenda. Questo lo faccio tra le 12 e le 15 volte all'anno, oltre ad altri giorni liberi. È questo il mio più grande contributo al team: è lì che posso dare davvero il massimo.

Sebastien Buemi, Red Bull Racing

Sebastien Buemi, Red Bull Racing

Photo de: Red Bull Content Pool

C'è stato un grande cambiamento quest'anno quando siamo passati al motore Honda. Dal momento che non siamo noi a produrlo, richiede una buona comprensione, una buona relazione tra coloro che forniscono il motore e il team per integrarlo nel miglior modo possibile. In questo contesto, è stato bello iniziare la stagione con un podio, ma eravamo abbastanza lontani in termini di ritmo. E anche lì, come è già spesso per diversi anni, abbiamo iniziato lentamente prima di migliorare gradualmente. Ci sono state alcune evoluzioni che ci hanno permesso di risparmiare tempo sul giro, trovando anche nuovi e interessanti set-up.

E poi, dall'Austria, abbiamo trovato due o tre piccoli trucchi che hanno fatto la differenza. 
Tra Honda che ha migliorato, e Red Bull Racing che ha trovato condizioni favorevoli, abbiamo avuto quello che ci serviva per essere competitivi.

Abbiamo fatto un grande passo avanti, e ora siamo davvero qui... guardate il Gran Premio d'Ungheria: abbiamo ottenuto la pole, ma la vittoria è mancata. La Mercedes è ancora avanti, ma nelle ultime tre o quattro gare siamo stati davvero al livello della Ferrari, forse un po' meglio: ci stiamo avvicinando alla Mercedes. Ma tutto questo grazie a piccoli dettagli che fanno la differenza.
È un buon segno vedere che ci stiamo avvicinando, che siamo lì, anche in termini di affidabilità, è meglio di quanto non lo sia stato per molto tempo in passato, ed è bello perché tutti in squadra stanno lavorando sodo e bene. 

Vedremo cosa ci riserva il futuro. Nel frattempo, prepariamoci per la nuova stagione! E ne parleremo molto presto...

Articolo successivo
Le Mans varrà nuovamente doppio punteggio nel 2020

Articolo precedente

Le Mans varrà nuovamente doppio punteggio nel 2020

Articolo successivo

WEC, Silverstone, Libere 1: la Rebellion precede le Toyota

WEC, Silverstone, Libere 1: la Rebellion precede le Toyota
Carica i commenti