Brabham vuole entrare nel WEC a partire dalla stagione 2021/2022!

La Casa australiana, dopo aver rilanciato il marchio nel maggio scorso, vuole tornare nelle competizioni. L'obiettivo è correre nella classe GTE-Pro del WEC dal 2021/2022.

Brabham vuole entrare nel WEC a partire dalla stagione 2021/2022!

La Casa automobilistica Brabham ha un pensiero stupendo in vista della stagione motorsport 2021/2022: fare il proprio ingresso nel World Endurance Championship nella categoria GTE-PRO.

Brabham ha immesso sul mercato la propria nuova arma, la BT62, vettura con cui ha voluto rilanciare il proprio marchio 26 anni dopo dopo la chiusura del team di Formula 1.

Proprio la BT62 dovrebbe essere la base della vettura che correrà nella classe GTE-PRO del WEC. David Brabham, nuovo managing director dell'omonima casa, ha detto a Motorsport.com: "E' importante che la Casa torni a correre nel motorsport, perché è nel nostro DNA".

"Abbiamo detto a tutti quando abbiamo rilanciato il marchio e la macchina lo scorso mese di maggio che avremmo voluto tornare nelle corse e che il nostro obiettivo finale sarebbe stato farlo alla 24 Ore di Le Mans".

"Ci sono tante speculazioni su come dovremmo farlo, dunque vogliamo confermare che la direzione è proprio quella di entrare nel WEC, e sarà nella classe GTE in tempo per la stagione 2021/2022".

Pierre FIllon, presidente dei promotori WRC e organizzatore della 24 Ore di Le Mans ha colto con estremo favore l'annuncio di Brabham: "Per l'ACO, il ritorno di Brabham nel mondo delle corse è molto più che una cosa simbolica. E' la dimostrazione di uno spirito competitivo straordinario".

condividi
commenti
La United Autosport conferma il suo ingresso a tempo pieno nel WEC
Articolo precedente

La United Autosport conferma il suo ingresso a tempo pieno nel WEC

Articolo successivo

Brabham: la BT62 è attesa al debutto in gara già in questa stagione

Brabham: la BT62 è attesa al debutto in gara già in questa stagione
Carica i commenti