WEC
30 ago
-
01 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Evento concluso

Borga e COOL Racing sesti al Fuji: "Non è stato il risultato che ci aspettavamo"

condividi
commenti
Borga e COOL Racing sesti al Fuji: "Non è stato il risultato che ci aspettavamo"
Di:
, Motorsport.com Switzerland
Tradotto da: Emmanuel Rolland, Motorsport.com Switzerland
9 ott 2019, 06:27

Dopo aver fatto una buona partenza nel WEC con una vittoria a Silverstone all'apertura della stagione, la COOL Racing, tra cui il ginevrino Antonin Borga, ha dovuto accontentarsi del sesto posto questo fine settimana in Giappone.

Dopo aver fatto una buona partenza nel WEC con una vittoria a Silverstone all'apertura della stagione, la COOL Racing, tra cui il ginevrino Antonin Borga, ha dovuto accontentarsi del sesto posto questo fine settimana in Giappone.
Dopo il sensazionale debutto nel WEC a Silverstone, COOL Racing si è tuffata nell'ignoto di questo secondo round della stagione al Fuji International Speedway in Giappone.

Dopo aver perso il round di apertura del WEC a Silverstone e dopo l'incidente ELMS del giorno prima sullo stesso circuito, Alexandre Coigny si è riunito con Nicolas Lapierre e Antonin Borga.

Durante le sessioni di prove libere, Borga e Coigny, i due piloti svizzeri dell'equipaggio, hanno preso le misure del circuito a loro sconosciuto. I due pilioti svizzeri, insieme a Lapierre hanno piazzato poi nelle qualifiche la loro LMP2 al sesto posto della loro categoria dopo una sessione ostacolata da una bandiera rossa.

Antonin Borga ha preso il via della gara, facendo un primo stint di 56 giri prima di consegnare il volante ad Alexandre Coigny. Quest'ultimo, che ha dovuto affrontare anche la pioggia alla fine del suo stint, a sua volta ha lasciato il suo sedile a Nicolas Lapierre, determinato a riconquistare posizioni.

Ma le difficili condizioni meteo e un Full Course Yellow non hanno permesso al francese di risalire il gruppo: dopo un altro stint di Coigny,  Antonin Borga ha concluso il buon lavoro di squadra, tagliando il traguardo al sesto posto.

#42 Cool Racing Oreca 07, Antonin Borga

#42 Cool Racing Oreca 07, Antonin Borga

Photo de: JEP / LAT Images

"Non sono stato molto contento delle mie performance all'inizio del weekend", spiega Antonin Borga. "Nelle prove libere e nelle qualifiche non sono riuscito ad utilizzare le gomme in modo ottimale. E anche se partire al 6° posto non è molto grave per una gara di 6 ore, sono rimasto però deluso dalla mia qualifica. Per la gara, la nostra strategia era un doppio stint per me, per Alex e Nico.

Ho avuto una partenza tranquilla, il passo dietro la "Leading Car" era molto lento, e quindi sono rimasto sorpreso alla ripartenza..... Ammetto che alla fine del mio doppio stint, ero sotto la doccia e non mi aspettavo di ripartire, ma a seguito del cambio di strategia imposto dal tempo, ho fatto l'ultima ora di gara. Ne sono davvero felice, perché ho potuto esprimermi al meglio completando più di 90 giri. 6° in classifica, questo ovviamente non è il risultato che speravamo di ottenere questo fine settimana".

"Ho avuto difficoltà a trovare il ritmo durante le prime due sessioni di prove libere", ha commentato Alexandre Coigny. "Non avendo guidato dopo il mio incidente  in ELMS, non mi sono trovato a mio agio, ma tutto è tornato alla normalità nella terza sessione. L'ottima notizia era soprattutto quella di vedere che potevo reggere fisicamente bene il controllo dei cambi pilota, senza sentire alcun dolore e quindi sono molto felice. Ora non vedo l'ora di tornare su un circuito che conosco bene, Portimao, per la finale ELMS fra tre settimane".

#42 Cool Racing Oreca 07, Nicolas Lapierre, Antonin Borga, Alexandre Coigny

#42 Cool Racing Oreca 07, Nicolas Lapierre, Antonin Borga, Alexandre Coigny

Photo de: JEP / LAT Images

Articolo successivo
Terzo in Fuji, Rebellion Racing "non poteva fare di meglio"

Articolo precedente

Terzo in Fuji, Rebellion Racing "non poteva fare di meglio"

Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WEC
Evento Fuji
Piloti Nicolas Lapierre , Antonin Borga
Team Cool Racing
Autore Emmanuel Rolland