Audi farà debuttare la LMDh a Daytona 2023 in vista di Le Mans

La Casa dei Quattro Anelli ha scelto il telaio e il tipo di motore da utilizzare per il prototipo con cui tornerà in azione nelle massime gare endurance. Si lavora anche per rendere l'auto disponibile per i team clienti.

Audi farà debuttare la LMDh a Daytona 2023 in vista di Le Mans

Audi Sport ha ultimato i lavori preliminari sulla sua LMDh, prototipo con cui farà il suo ritorno nel FIA WEC e alla 24h di Le Mans.

La Casa di Ingolstadt ha operato in collaborazione con il reparto corse dei "cugini" di Porsche, ma soprattutto con i colleghi che si occupano della vettura elettrica che vedremo in azione alla Dakar.

Dopo il lancio della e-tron GT stradale, infatti, i Quattro Anelli hanno deciso di portare avanti il discorso elettrico con le conoscenze acquisite in Formula E, dunque anche il prototipo LMDh avrà un powertrain elettrico a spingerla.

Sfruttando l'unione dei regolamenti, la prima uscita è prevista a gennaio 2023 in Florida per il primo round IMSA, poi partirà la nuova avventura che la vedrà tentare l'assalto ad un altro successo sul Circuit De La Sarthe.

“La nuova categoria LMDh è perfetta per la nostra visione di motorsport - ha detto l'AD di Audi Sport, Julius Seebach - I regolamenti ci consentono di portare le nostre fantastiche auto in gare prestigiose di tutto il mondo. Oltre a questo, abbiamo lavorato in sinergia in Volkswagen Group coi nostri collaboratori".

"Per noi questa è già una forza sul prodotto di serie, riportando conoscenze dal motorsport e anche viceversa. Il recente lancio della Audi RS e-tron GT conferma tutto ciò, visto che è stata sviluppata su una piattaforma in collaborazione con la Porsche".

Oltre a questo, in Audi hanno sottolineato quanto sia importante in termini di operazioni coi team clienti sposare una Classe come la LMDh, che le consentirà di implementare le possibilità di crescita del reparto Customer Racing.

"Ovviamente il team Dakar è sotto una maggiore pressione da tempo, perché mancano ormai otto mesi all'edizione 2022 - ha aggiunto Andreas Roos, responsabile del motorsport - Vogliamo anche essere preparati per il nostro ritorno a Le Mans. Ecco perché stiamo gestendo entrambi i progetti in parallelo con la massima priorità. Tutte le decisioni base sul concetto sono state già state prese, abbiamo scelto un partner per il telaio e deciso un concetto di motore".

"Insieme ai nostri colleghi di Audi Design, stiamo definendo un look che entusiasmerà i nostri fan. L'obiettivo è che il primo prototipo sia pronto a girare all'inizio del prossimo anno e che nel primo trimestre vengano completate le prime tornate".

"Con il progetto LMDh, stiamo continuando la filosofia dei nostri primi anni di prototipi. L'Audi R8 non è stata solo quella di maggior successo tra 2000 e 2006, con 63 vittorie in 80 gare, ma è stata anche grande nelle mani dei nostri clienti e facile da gestire per i team. Considerando che quest'auto sarà elettrificata, il nostro obiettivo è quello di metterla nelle mani di team clienti professionisti fin dall'inizio, in parallelo ai programmi ufficiali. Attualmente stiamo valutando come far funzionare la cosa".

condividi
commenti
Pirro, nuova vita in Lamborghini: "SCV12 fatta per emozionare"

Articolo precedente

Pirro, nuova vita in Lamborghini: "SCV12 fatta per emozionare"

Articolo successivo

La 6h di Spa sarà l'ultima gara per Oliver Gavin

La 6h di Spa sarà l'ultima gara per Oliver Gavin
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Le Mans , WEC , IMSA
Team Audi Sport
Autore Francesco Corghi