Anthony Davidson si ritirerà al termine del WEC 2021

Anthony Davidson ha annunciato che si ritirerà dalle corse al termine della stagione 2021 del FIA World Endurance Championship, alla quale manca solamente la 8h del Bahrain del prossimo weekend.

Anthony Davidson si ritirerà al termine del WEC 2021

Il britannico, ex F1 di Minardi, BAR Honda e Super Aguri, ha scelto Twitter per dare la notizia, dopo che ieri ha chiuso al terzo posto in Classe LMP2 con la Jota nella 6h disputata a Sakhir.

"Ne manca ancora una e ho deciso che sarà l'ultima gara da professionista per me - dice Davidson - E' stata una incredibile ed indimenticabile avventura, ringrazio tutti quelli che sono stati coinvolti in questo tempo".

Dal 2018 il 42enne ha scelto di continuare nel FIA WEC in LMP2, una volta chiuso il rapporto con la Toyota, con cui aveva corso e vinto.

Davidson è rimasto pilota di riserva per i due round di apertura, la 6 Ore di Spa e la 24 Ore di Le Mans, dopo di che ha trovato posto in DragonSpeed, condividendo il volante con Pastor Maldonado e Roberto Gonzalez.

Con Gonzalez è approdato alla squadra britannica Jota nel 2018/19, ma già la scorsa estate aveva rivelato a Motorsport.com che dopo aver firmato un nuovo accordo con la Toyota per il 2017, stava pensando di ritirarsi alla sua conclusione del 2019.

 

"Quando ho firmato quel contratto l'ho visto come altri tre anni per cercare di vincere Le Mans con Toyota. Ho sicuramente corso con l'idea di fermarmi a quel punto".

Il passo indietro in un ambiente meno competitivo come la LMP2 ha riacceso il suo amore per le corse.

"Guidare con Roberto come un pilota gentleman è molto più divertente che correre per un Costruttore, con tutta la pressione che ne deriva. In un certo senso avevo bisogno di innamorarmi di nuovo delle corse, perché avevo completamente perso l'amore per questo alla Toyota".

Davidson ha iniziato a correre con i kart all'età di otto anni ed è passato alla Formula Ford nel 1999, vincendo il prestigioso Festival della categoria a Brands Hatch l'anno successivo.

È stato preso dalla squadra British American Racing come test driver per il 2001, lo stesso anno che lo ha visto terminare secondo in British F3, rimanendoci fino al 2007 quando ha ottenuto il suo primo posto a tempo pieno F1 con il Super Aguri Honda B-team.

La prima avventura con le sportscar è arrivata nel 2003, quando ha corso con una Ferrari 550 Maranello GTS costruita e gestita dalla Prodrive in un programma di eventi intorno alla 24 ore di Le Mans.

È passato alle ruote coperte a tempo pieno nel 2010 con Peugeot dopo aver fatto una seconda uscita a Le Mans a bordo di una vettura LMP1 con motore Aston Martin l'anno precedente.

La vittoria al debutto alla 12 Ore di Sebring con una delle 908 HDi del team francese è stata seguita da un'altra vittoria sul terreno di casa a Silverstone più tardi nel corso dell'anno e da altre quattro nella Intercontinental Le Mans Cup con la 908 di seconda generazione nella stagione successiva.

Un totale di 10 affermazioni complessive nel WEC con Toyota, a cui si è unito nel 2012 dopo la decisione di Peugeot di non aderire alla serie, sono state seguite da tre in LMP2.

Davidson ha anche un ruolo di opinionista con la copertura F1 di Sky Sports UK ed è uno dei principali piloti addetti al simulatore del team Mercedes F1.

 

 

condividi
commenti
WEC | Perrodo porta AF Corse, Rovera e Nielsen in LMP2 nel 2022
Articolo precedente

WEC | Perrodo porta AF Corse, Rovera e Nielsen in LMP2 nel 2022

Articolo successivo

Yifei Ye firma con Porsche Asia puntando alla LMDh

Yifei Ye firma con Porsche Asia puntando alla LMDh
Carica i commenti