W Series: niente Paul Ricard, si comincia al Red Bull Ring

La W Series ha rivelato un cambiamento al suo calendario dopo la cancellazione del GP della Turchia di F1, che sposterà la prima gara della stagione al 26 giugno, in occasione del GP della Stiria.

W Series: niente Paul Ricard, si comincia al Red Bull Ring

La prima gara era stata originariamente prevista per il fine settmana del GP di Francia, ma quell'evento è stato anticipato di una settimana dopo che le normative di viaggio legate al COVID hanno costretto alla cancellazione della gara a Istanbul Park.

Questo ha portato all'introduzione di una doppia gara in Austria (25-27 giugno e 2-4 luglio), con la W Series che sarà di scena in entrambi i weekend.

La serie, alla sua seconda stagione, ha iniziato oggi un test pre-stagionale di cinque giorni sul tracciato di Anglesey.

Sono passati quasi due anni dall'ultima gara della W Series a Brands Hatch, nell'agosto 2019, e 17 delle 18 ragazze confermate per la stagione 2021 saranno in pista ad Anglesey. Sarà assente la sudafricana Tasmin Pepper, fermata dalle restrizioni di viaggio.

Tuttavia, saranno presenti tre ragazze in più, che sono state invitate: si tratta di Abbi Pulling, Gosia Rdest e Caitlin Wood.

Jamie Chadwick ha conquistato il titolo davanti al pubblico di casa nella stagione inaugurale del 2019. La development driver della Williams ha poi proseguito la sua carriera in Formula Regional ed in Extreme E. La sua rivale Beitske Visser invece ha partecipato alla 24 Ore di Le Mans.

W Series: il calendario modificato

26 giugno Spielberg, Austria
3 luglio Spielberg, Austria
17 luglio Silverstone, UK
31 luglio Budapest, Ungheria
28 agosto Spa-Francorchamps, Belgio
4 settembre Zandvoort, Olanda
23 ottobre Austin, USA
30 ottobre Mexico City, Messico
condividi
commenti
La W Series effettuerà cinque giorni di test a Valencia

Articolo precedente

La W Series effettuerà cinque giorni di test a Valencia

Articolo successivo

W Series: in Stiria è un monologo di Alice Powell

W Series: in Stiria è un monologo di Alice Powell
Carica i commenti