VLN: il... “singolarissimo” week end di Yannick Mettler

Il driver di Lucerna protagonista sfortunato nella 4 Ore VLN sul Nordschleife: l'ex pilota di Formula 3 ha visto infatti sfumare il gradino più alto del podio per 7 millesimi dopo una 4 Ore tutta da solo...

VLN: il... “singolarissimo” week end di Yannick Mettler
Marcel Fässler, Robin Frijns, Rene Rast, Audi Sport Team WRT, Audi R8 LMS
Michael Schrey, BMW M235i Racing Cup, Yannick Mettler, BMW M235i Racing Cup
Marcel Fässler, Robin Frijns, Rene Rast, Audi Sport Team WRT, Audi R8 LMS
Michael Schrey, BMW M235i Racing Cup
Ivan Jacoma, Claudius Karch , Porsche Cayman S
Manuel Amweg, Fred Yerly, Toyota GT86, TMG GT86 Cup, Swiss Racing Team
Yannick Mettler, BMW M235i Racing Cup, Team FK Performance, P2
Yannick Mettler, BMW M235i Racing Cup, Team FK Performance,
Yannick Mettler at Pflanzgarten, BMW M235i Racing Cup, Team FK Performance

È stato un fine settimana “singolare” per Yannick Mettler. L'aggettivo “singolare” racchiude nella maniera migliore il senso del week end del 28enne di Kriens. Il pilota nativo di Lucerna ha preso parte alla prima tappa della 63esima edizione dell'ADAC Westfalenfahrt al Nürburgring, rientrando tra i principali protagonisti della stessa corsa.

L'ambizioso pilota elvetico, infatti, ha visto sfumare le proprie speranze per soli 7 millesimi di secondo dopo 750 chilometri di gara, terminata quindi in seconda posizione. Una beffa atroce che, però, non sbiadisce una competizione in terra tedesca ricca di emozioni e per certi versi dominata.

A rendere particolare il fine settimana di Mettler ci hanno pensato le circostanze. La prima, appunto, dettata dalla delusione per non aver centrato il risultato sperato dopo tanta fatica. A rendere ancora più complesso il sabato dell'ex campione della ATS Cup sono infatti intervenuti i “fidati” compagni di scuderia.

I compagni d'avventura di Yannick, provenienti dal Belgio, hanno riscontrato qualche problema con la licenza per gareggiare a causa del mancato nulla osta da parte dei medici. Che fare? Il coraggioso lucernese non ha avuto dubbi: ha scelto di competere da... solista e vada come deve andare. 

 

“A essere sinceri, mi aspettavo un maggior dispendio di energie fisiche. Mi è mancata un po' di concentrazione nelle ultime curve. Questo, mi ha costretto al secondo posto, ma a me sta bene così”, ha ammesso un euforico Mettler al termine della 4 Ore teutonica.

E ancora: “Nonostante un pizzico di rammarico per il modo in cui mi sono fatto beffare, ritengo che si tratti della mia miglior prestazione”.

A sorridere a trentadue denti è stato Michael Schrey, il quale ha saputo prendere e successivamente infilare il pilota svizzero nell'ultimo giro. Yannick ha provato a restare in scia del pilota BMW fino alla bandiera a scacchi, ma “purtroppo non ci sono riuscito. Sono comunque ampiamente contento del mio risultato". 

Ci ha pensato Ivan Jacoma a portare la Svizzera sul gradino più alto del podio assieme al tedesco Claudius Karch. Al volante della Porsche Cayman S, nella categoria V6, l'accoppiata ha dato seguito al trofeo ottenuto l'anno scorso nel VLN “auto di produzione”.

Sfortuna, invece, per Fréderic Yerly. Campione in carica nella TMG GT86 Cup, il driver rossocrociato ha dovuto ben presto dire addio alla competizione. Eppure, il fine settimana al Nürburgring era iniziato nel migliore dei modi, avendo lui ottenuto la pole position in qualifica. Yerly ha sbattuto contro le barriere di sicurezza durante il settimo giro a causa di un contatto con un veicolo più veloce del suo.

Nella 4 Ore tedesca c'era grande attesa circa la prestazione di Fässler. Insieme ai compagni Robin Frijns e René Rast, Marcel ha portato l'Audi R8 in quinta posizione, ma non era di certo questa la gara nella quale aspettarsi la miglior prestazione di sempre. Come riportato la settimana scorsa da Motorsport.com, il suo obiettivo resta vincere l'Eifel-Marathon, in programma la seconda settimana di giugno.

Il prossimo appuntamento della serie VLN è in palinsesto per l'8 di aprile con la 42esima DMV 4-Stunden-Rennen. 

condividi
commenti

Articolo successivo

VLN 2: Fässler-Müller, buona la prima in vista della 24h

VLN 2: Fässler-Müller, buona la prima in vista della 24h
Carica i commenti