WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
FP3 in
14 Ore
:
49 Minuti
:
06 Secondi
Moto3
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
FP3 in
13 Ore
:
54 Minuti
:
06 Secondi
Moto2
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
FP3 in
15 Ore
:
49 Minuti
:
06 Secondi
IndyCar
20 set
-
22 set
Evento concluso
Formula E
G
Ad Diriyah ePrix
22 nov
-
23 nov
Prossimo evento tra
6 giorni
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
62 giorni
FIA F3
26 set
-
29 set
Evento concluso
FIA F2
26 set
-
29 set
Evento concluso
G
Abu Dhabi
28 nov
-
01 dic
Prossimo evento tra
12 giorni
Formula 1
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
FP2 in corso . . .
ELMS
20 set
-
22 set
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
WTCR
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Gara 1 in
12 Ore
:
24 Minuti
:
06 Secondi

Fredy Liehnard Jr: "Vogliamo rendere l'Autobau sostenibile"

condividi
commenti
Fredy Liehnard Jr: "Vogliamo rendere l'Autobau sostenibile"
Di:
, Direttore Responsabile Motorsport.com Switzerland
Co-autore: Emmanuel Rolland
Tradotto da: Simone Chimento, Motorsport.com Switzerland
23 mag 2019, 06:00

Fredy Liehnard junior, direttore del centro espositivo per veicoli da competizione Autobau di Romanshorn, nel Canton Turgovia, si è confidato in un'intervista a Motorsport.com Svizzera.

L'esperienza del Museo Autobau, fondato da Fredy Lienhard in un ex sito industriale sul lago di Costanza, offre ai visitatori l'opportunità di scoprire un'impressionante collezione di auto da corsa moderne e d'epoca. Fredy Lienhard Jr., che ora gestisce la struttura, ha rilasciato a Motorsport.com una lunga intervista.

Come si descriverebbe Fredy Alexander Lienhard?

"Ho davvero l'anima di un imprenditore, nel senso che sto cercando di fare affari partendo da qualcosa. Quando correvo, avevo notato che la mia carriera non era così promettente così ho cercato di guardare oltre. Per me era chiaro che dovevo fare qualcosa nello sport e nello sport motoristico. È così che sono finito nel team del Nürburgring, dove sono stato responsabile di una scuola guida, è stata la mia prima vera attività e riscosse un discreto successo". 

Leggi anche:

Il 14 settembre 2017, all'età di 70 anni, tuo padre ti ha consegnato la gestione di tutte le sue attività nel settore automobilistico. Che cosa significa questo per te e quali obiettivi hai fissato per il futuro?

"Può essere una coincidenza ma ha festeggiato il suo 70° compleanno a quel tempo. E' stato perché il nostro manager se ne andava e nostro padre era alla ricerca di un sostituto. In modo abbastanza naturale, mi ha offerto questa opportunità, e ne sono stato molto felice. Per me significa molto. E' la sua passione e oggi posso in qualche modo viverla, ed è anche la mia, per l'auto e l'automobilismo sportivo. E quale modo migliore per qualcuno di trasformare la propria passione in un lavoro".

Fredy Lienhard, Porsche RS Spyder, Horag Racing, Autobau

Fredy Lienhard, Porsche RS Spyder, Horag Racing, Autobau

Photo de: Photo DR

Qual è il futuro di Autobau e come evolverà il museo e le sue attività?

"Dobbiamo pensare a come garantire la sostenibilità di Autobau, non vogliamo che queste attività si fermino tra qualche anno. Il mio obiettivo è farle durare a lungo. Dobbiamo preservare la cultura, la cultura della competizione e delle auto in generale. Per fare questo, dobbiamo affermarci come un'azienda che genera entrate sufficienti per mantenersi in funzione e mantenere in funzione i locali e le auto".

Qual è il punto di forza della mostra e qual è il pezzo mancante per completarla?

"Non ci limitiamo a un marchio particolare, a uno stile particolare, non ci limitiamo a nulla, si può passare da una vecchia Citroën 2 HP ad un prototipo LMP1. E, come potete vedere, le nostre auto non sono protette da una barriera, sono totalmente accessibili, è qualcosa di unico per questo tipo di museo".

Interview with Fredy Lienhard junior, CEO of autobau erlebniswelt - Part 2

Interview with Fredy Lienhard junior, CEO of autobau erlebniswelt - Part 2

Riesci a immaginare mostre in altre parti della Svizzera o anche all'estero? Autobau potrebbe avere mostre locali in futuro?

"Ma certo. Sono abbastanza aperto a questo. Tuttavia, prima di compiere questo passo, dobbiamo innanzitutto stabilirci con fermezza in questa posizione, cosa che, a mio avviso, avverrà nei prossimi due o tre anni. Una volta che questo posto sarà veramente stabile, decideremo se vale la pena di espandere il nostro nome. Ma dovremo lavorare con altre persone, forse con altri collezionisti, perché non siamo in grado di acquistare auto per diversi musei".

Continueremo a vedere partnership o forme di sponsorizzazione attraverso i marchi Lista Office, Alid Finanz o Autobau come in passato? Quali sono i progetti?

"Mio padre ha fatto molte sponsorizzazioni in passato. Lista è una vecchia azienda di famiglia. Lui ha fatto molti sforzi per sostenere i giovani piloti, per cercare di sostenere un buon pilota svizzero che un giorno potrebbe arrivare in Formula 1. Sébastien Grosjean ne è un esempio, così come Neel Jani. Ha sostenuto alcuni piloti che oggi sono piloti professionisti affermati. Ma questo è cambiato perché mio padre ha venduto Lista, che non è più un'azienda familiare, e non abbiamo più alle spalle un'azienda forte che potrebbe giustificare un sostegno finanziario così importante. Ci concentriamo di più sui piloti molto giovani, come le gare soapbox,... Derby in Germania e Svizzera, i quali competono in molte gare, più di venti all'anno per questi giovani piloti. Questo è un primo passo. E sosteniamo anche i nostri fan, generiamo fan per le auto, per la competizione, permettendo a questi giovani concorrenti di correre da qualche parte sulle quattro ruote. All'inizio non importa se la macchina ha o meno un motore. E siamo anche fortemente coinvolti nel karting, dove sponsorizziamo diversi giovani piloti, ma non ai livelli a cui eravamo abituati in passato". 

Video correlati:

Con quale pilota o team manager svizzero è più coinvolto?

"Naturalmente, il pilota con cui sono più vicino è mio padre. E' uno dei corridori più esperti, da quasi quarant'anni, e questo è qualcosa che un pilota professionista non può fare. Quest'ultimo vive del suo lavoro, genera profitti attraverso la sua attività, non ha bisogno di pagare per farlo, e deve essere sempre al massimo livello, ed è qualcosa che non può fare per un lungo periodo di tempo. La maggior parte dei piloti di Formula 1 sono qui per un massimo di dieci anni. Mio padre è stato in grado di farlo per molto tempo perché era un hobby per lui, combinato con la sua attività. E' davvero unico poterlo fare, quarant'anni di competizione ad alto livello. L'altro pilota a cui sono vicino è innegabilmente Neel Jani perché era il mio compagno di squadra nel 2003, siamo ancora in contatto e lui è soprattutto una brava persona. Come team manager, direi Peter Sauber".

Horag Racing Porsche RS Spyder : Fredy Lienhard, Didier Theys, Jan Lammers

Horag Racing Porsche RS Spyder : Fredy Lienhard, Didier Theys, Jan Lammers

Photo de: Eric Gilbert

Quali sono i vostri modelli nel campo dell'automobilismo sportivo e della partnership? Chi è il tuo personaggio svizzero preferito nella storia e perché?

"Purtroppo, gli sport motoristici non hanno mai svolto un ruolo molto importante all'interno della Svizzera stessa. Abbiamo avuto ottimi piloti svizzeri, anche in Formula 1, ottimi ingegneri, ma non abbiamo un circuito di gara. Per me, la corsa è anche una scuola di carattere. E' una cosa che ho imparato da mio padre. In competizione, non solo si impara a guidare, ma è anche una scuola di vita perché bisogna imparare a vincere, ma anche a perdere. E si apprende anche che la vittoria non è dovuta solo a voi, ma che si tratta di lavoro di squadra in generale. Questo è un aspetto del motorsport che si può imparare, ma non in modo professionale". 

Leggi anche:

Le sue ultime apparizioni in gara risalgono al 2002 e 2003 tra la serie Grand Am negli Stati Uniti e la Formula V6 in Europa: le manca l'ambiente delle gare di monoposto, e perché?

"Assolutamente. Per me, soprattutto per le monoposto, sono le auto più competitive per il loro peso molto basso. Non c'è compromesso, queste auto sono fatte per andare il più velocemente possibile, tutto qui. Qualsiasi altra auto da corsa è più o meno una vettura di serie modificata. Le monoposto sono quindi auto uniche da guidare. Ma il problema è che non si può condividere questa esperienza, in una monoposto, non si può portare con sé un passeggero, che è il lato negativo. Nelle auto a due posti, si può prendere un passeggero e condividere questa esperienza".

Fredy Lienhard Jr et Didier Theys, Victory Lane, Grand American 400

Fredy Lienhard Jr et Didier Theys, Victory Lane, Grand American 400

Photo de: Grand-Am

"Dopo il 2006 ho fatto alcune gare di durata sul Nürburgring nel 2007, 2008 e dal 2013 al 2015. Così ho fatto qualche gara in più, non erano gare molto conosciute, senza copertura mediatica, ma per me era assolutamente necessario. Mi ha dato, come uomo d'affari, l'equilibrio di cui avevo bisogno. Perché stavo lavorando e, quando guido, posso scollegarmi completamente. Fare una commissione è stato come andare in vacanza per due settimane. In vacanza, posso anche scollegarmi, ma richiede uno sforzo. Quando salgo su una macchina da corsa, mi scollego immediatamente, sono nel mio mondo, e quando finisco la gara, torno alla vita normale, sono una persona nuova".

L'8 dicembre festeggerai il tuo 40° compleanno. Qual è la tua valutazione? E cosa farai nei prossimi quattro decenni?

"Grazie per avermelo ricordato! (ride) Sì, avrò quarant'anni, forse a metà strada, non lo sappiamo..... Onestamente, finora ho avuto una vita abbastanza piena ed equilibrata. Ho avuto la possibilità di essere un pilota da corsa, la possibilità di diventare indipendente frequentando la mia scuola di guida sul Nürburgring, che ho ancora oggi. Ho una vita equilibrata, come ho detto, perché ho ancora un lavoro lì, in Germania, una volta al mese, e il resto del tempo che lavoro qui all'Autobau. Come ho detto prima, i miei obiettivi sono abbastanza chiari per Autobau, ma sarà una sfida, una sfida abbastanza lunga rendere Autobau un'azienda affermata e finanziariamente sostenibile. E ho bisogno di questo tipo di sfide".

Quale settore Autobau le dà più soddisfazione e quale vorrebbe cambiare un po'?

"Non ho davvero una priorità. Ogni edificio ha il suo universo, ma forse metterò in evidenza l'edificio dove ci troviamo ora, perché contiene molte auto da corsa. Ho un rapporto speciale con la maggior parte di queste auto, anche se non le ho guidate tutte, ne ricordo molte da bambino. La F3000 monoposto per esempio, ricordo di aver seguito queste gare quando ero bambino, con mio padre. E' qualcosa di molto commovente. Direi che Autobau si svilupperà, non direi che abbiamo finito il lavoro, non è mai finito. E' un lavoro in corso. Cerchiamo costantemente di migliorarlo, di apportare cambiamenti. Quando arrivano i visitatori, possono tornare mesi dopo e vedere cose nuove. Quindi cerchiamo di cambiare continuamente".

Autobau

Autobau

Photo de: Photo DR

Cosa ne pensi dell'arrivo della Formula E in Svizzera? Ti piacerebbe che fosse una gara di Superturismo? Dopo Zurigo l'anno scorso e Berna quest'anno, stiamo parlando di Ginevra per il 2021...

"Penso che sarebbe fantastico avere una nuova pista in Svizzera. Se sarà una competizione elettrica, va bene così, ma almeno abbiamo di nuovo delle gare, una competizione. E' passato molto tempo da quando abbiamo avuto una gara nel nostro paese, dal 1955 è stata vietata dal governo. Non abbiamo avuto l'opportunità di vedere una gara e sono felice di notare che oggi abbiamo politici aperti a questo e che accettano gli sport motoristici in Svizzera. Naturalmente, vorrei vedere gare di Superturismo in Svizzera, più di una sola gara".

Lancement de l'ePrix de Suisse

Lancement de l'ePrix de Suisse

Photo de: Swiss ePrix

Secondo lei, è giunto il momento per revocare il divieto di corse su circuiti pubblici, in vigore in Svizzera dal 1955?

"È  il momento giusto. È  questo il caso da molto tempo. Penso che i politici non abbiano seguito il fatto che l'automobilismo è cambiato molto, che è molto più sicuro. Continuano a tornare con questo argomento di sicurezza, ma non è più valido, è un vecchio argomento. Le gare di Formula E sono ora consentite, sono solo motori diversi, ma è ancora in corsa, è altrettanto pericoloso, o sicuro, come le altre gare automobilistiche. In Svizzera abbiamo gare di salita, che sono più pericolose di qualsiasi altra gara. Quindi, si', e' ora di cambiare il prima possibile. Spero che un giorno avremo politici disposti a cambiare questa situazione e ad accettare la sfida". 

Leggi anche:

"Stiamo cercando di portare cose nuove. Ad esempio, dallo scorso anno abbiamo offerto sessioni di 'Roll out', che consiste nel permettere ai visitatori di vedere le auto in azione, non solo a motore spento. Di solito partiamo da un punto di vista tecnico con i visitatori, che possono fare domande sull'auto. Possono vedere l'auto da vicino, si può anche aprire il cofano, in modo che possano vedere tutto nel dettaglio. Poi ci dirigiamo al parcheggio, avviamo il motore e la macchina gira. Stiamo organizzando un concorso che permette al vincitore di fare un tour all'interno della cabina di ogni auto che mostriamo. Cercheremo di farlo con il maggior numero possibile di auto".

Qual è il futuro di Autobau?

"Ci saranno altre attività, che non sono necessariamente legate all'automobile. In particolare, organizzeremo un festival di rhythm and blues, lanceremo un festival dedicato alle donne, stiamo lavorando su qualcosa che non è focalizzato sulla tecnologia ma piuttosto sulla moda e sul design. Vedremo che tipo di spettatori possiamo generare in questo modo, al di fuori di quelli legati agli sport motoristici. Vi invito a seguirci sui social network, incluso Facebook, per trovare il calendario delle nostre prossime attività".

 
Articolo successivo
Provate l'atmosfera delle corse all'Autobau Erlebniswelt

Articolo precedente

Provate l'atmosfera delle corse all'Autobau Erlebniswelt

Articolo successivo

Battuta all’asta a Pebble Beach la Ferrari 312 T di Niki Lauda

Battuta all’asta a Pebble Beach la Ferrari 312 T di Niki Lauda
Carica i commenti