A Zweisimmen il toccante omaggio alla memoria di Müller e Walter

La mostra sui due ex grandi piloti svizzeri ha suscitato l’interesse di numerosi appassionati. Durante la manifestazione è stata annunciata la partecipazione di Henri Pescarolo alla Ollon-Villars.

A Zweisimmen il toccante omaggio alla memoria di Müller e Walter
Daniel Müller e Philippe Siffert
Heimatmuseum Aech
Heimatmuseum Aech
Heimatmuseum Aech
Heimatmuseum Aech
Daniel Müller e Remo Bader
Herbert Müller ed Heini Walter
Heini Walter
Herbert Müller
I trofei di Heini Walter
I trofei di Herbert Müller
Daniel Müller, figlio di Herbert Müller
Ollons-Villars, locandina 2017

Una Porsche 906 da corsa, numerosi modellini in scala ridotta, fotografie, filmati, trofei e cimeli della carriera di Heini Walter e Herbert Müller. Il tutto nell’esposizione organizzata la domenica di Pentecoste al ristorante Forellensee di Zweisimmen.

Herbert Müller e Heini Walter sono stati, assieme a Clay Regazzoni, Joseph Siffert e Silvio Moser, i migliori piloti rossocrociati nell’ultima metà del secolo scorso.

Se Herbert, due volte vincitore della Targa Florio e con altrettante medaglie di argento alla 24 Ore di Le Mans, non è mai riuscito a prendere il via in una gara di Formula 1 (ha dovuto sventolare bandiera bianca nel Gran Premio d’Italia del 1971 con la Lotus), il connazionale Heini ha, invece, partecipato al GP di Germania nel 1962 al volante di una Porsche della Scuderia Filipinetti.

Proprio la corsa teutonica, poi vinta da Graham Hill, è stata l’ultima gara alla quale hanno preso parte tre piloti rossocrociati.

Heini Walter, tre volte campione europeo della Montagna e cinque volte campione svizzero, partì in 14esima posizione, mentre Jo Siffert e Heinz Schiller, entrambi alla guida di una Lotus, hanno dovuto accontentarsi della 16esima e rispettivamente 20esima piazza sulla griglia di partenza.

 

Il programma della corsa germanica è stato esposto al Ristorante Forellensee in occasione dell’esposizione di Daniel Müller, figlio di Herbert.

Brillante pilota della Formula 3 tedesca e del Gran Premio di Monaco del 1989, nel quale si dimostrò più veloce dei futuri campioni come Mika Hakkinen e Jacques Villeneuve, Daniel parteciperà alla storica corsa in salita d’Ollon-Villars (26-27 agosto 2017) al volante della vecchia Tecno di Formula 2 appartenuta a Clay Regazzoni.

“Si tratta della F.2 che è attualmente esposta alla Clay Regazzoni Memorial Room di Lugano”, spiega a Motorsport.com Svizzera Daniel Müller.

“Ho avuto l’occasione di mantenermi allenato sul Circuito Tazio Nuvolari in Italia. Non vedo l’ora di rimettermi al volante della Tecno a Ollon-Villars, dove ci sarà peraltro anche Henri Pescarolo”.

Il quattro volte vincitore della 24 Ore di Le Mans, nonché detentore del record per il maggior numero di partecipazioni alla grande classica d’Oltralpe con 33 (!) partenze, prenderà parte quest’anno alla storica corsa in salita di Ollon-Villars al volante di una delle Matra MS11 con la quale corse in Formula 1 nel 1968. 

Henri Pescarolo ha corso nella massima formula mettendo a referto 56 Gran Premi tra il 1968 e il 1976, di cui 15 alla guida della Matra. Il compianto François Cevert detiene tuttora il record assoluto della cronoscalata Ollon-Villars, avendo fermato il cronometro su 3’47’’05 nel 1971 proprio con una Tecno di Formula 2.

L’esposizione organizzata in memoria di Heini Walter e Herbert Müller, i quali hanno a loro volta brillato a più riprese nella Salita da Ollon a Villars, ha inoltre attirato l’attenzione di numerosi appassionati, tra cui Remo Bader, il quale si occupa pure di gestire il sito Internet www.heiniwalter.ch

Remo Bader ha approfitto della sua visita a Zweisimmen per ricordare che lo Heimatmuseum di Aesch, nel semi Cantone di Basilea Campagna, accoglie attualmente un’esposizione dedicata a Heini Walter. L’ex pilota avrebbe compiuto 90 anni il 28 luglio: nato quel giorno del 1927, passò a miglior vita il 12 maggio 2009.

La mostra è stata aperta tutte le domeniche del mese di luglio, eccezion fatta nel periodo di vacanze scolastiche.

condividi
commenti
Debutto con record per la nuova Mahindra M4Electro!

Articolo precedente

Debutto con record per la nuova Mahindra M4Electro!

Articolo successivo

Fredy Lienhard: pilota, collezionista e mecenate

Fredy Lienhard: pilota, collezionista e mecenate
Carica i commenti