Simona de Silvestro: "Un disastro, ma ho una buona memoria..."

condividi
commenti
Simona de Silvestro: "Un disastro, ma ho una buona memoria..."
Di:
, Motorsport.com Switzerland
Tradotto da: Emmanuel Rolland, Motorsport.com Switzerland
26 ago 2019, 06:54

La svizzera non ha nascosto la sua frustrazione dopo il secondo round del Bend Motorsport Park, la decima tappa del campionato australiano di Supercar, dopo essere stata messa da parte dal suo compagno di squadra Kelly Racing Andre Heimgartner.

La nativa di Thun si è comportata bene questo fine settimana, piazzando i suoi migliori risultati di qualificazione dal suo debutto nella serie australiana, con un 13° posto il sabato e un 14° posto finale nella gara di domenica. 

Ma Simona De Silvestro non ha avuto successo in gara: colta nell'impeto del primo giro, è stata costretta al ritiro nella prima gara.

Leggi anche:

Poi, nella seconda gara del weekend, il pilota della Nissan Altima #78 ha perso diverse posizioni alla partenza ed era in ventesima posizione quando è stata arpionata dal suo compagno di squadra Kelly Racing, Andre Heimgartner, che l'ha spinta in testacoda al primo giro, declassandola alle retrovie del gruppo. Alla fine ha concluso 22esima, e inevitabilmente frustrata.

"È frustrante, sì," ha dichiarato dopo la gara a supercars.com. "zembra che essere migliori in qualifica non funziona per noi in gara, perché è stato più che altro un disastro".
"La macchina era piuttosto buona in configurazione di qualificazione, ne ero molto contento perché è sempre stato qualcosa che mi è sempre mancato".

"Penso che abbiamo gestito bene questo fine settimana, ma in configurazione di gara, la macchina era un po' più difficile da guidare, e non aiuta quando qualcuno ti colpisce in faccia".
"Ma ho una buona memoria, sai..... è un bene."

Simona de Silvestro, Nissan Motorsport Nissan

Simona de Silvestro, Nissan Motorsport Nissan

Photo de: Dirk Klynsmith / LAT Images

Simona de Silvestro ha anche detto di aver discusso l'incidente con la sua compagna di squadra neozelandese dopo la gara. "L'ho fatto, ma sai come sono fatte le persone."

"La mia opinione è che l'ho lasciato andare prima quando eravamo su strategie diverse, e vederlo entrare, specialmente quando siamo in fondo alla classifica, è piuttosto frustrante. Non lo so, vedremo, ci sono ancora gare da giocare. Non credo che dovrebbe essere cosi'..... ma e' cosi'".

Entrambe le gare sono state vinte dall'immancabile Scott McLoughlin (Ford Mustang), che aumenta il suo  vantaggio nel campionato e sembra quasi sicuro di un secondo titolo consecutivo. Il giovane pilota del DJR Team Penske ha già raggiunto il record di una stagione di Craig Lowndes (16), e si prevede di battere questo record di 23 anni con dieci gare ancora da disputare.
Le prossime due gare del Supercar Championship si terranno il 15 e 16 settembre al Pukekohe Park di Auckland, Nuova Zelanda.

Scott McLaughlin, DJR Team Penske Ford

Scott McLaughlin, DJR Team Penske Ford

Photo de: Dirk Klynsmith / LAT Images

Articolo successivo
Simona De Silvestro: “La pressione me la metto da sola”

Articolo precedente

Simona De Silvestro: “La pressione me la metto da sola”

Carica i commenti