Un ritorno da Campione per Dahlgren: "Abbiamo vinto perché siamo combattenti"

Dopo aver annunciato il ritiro dalle corse, il pilota svedese ci ha ripensato convinto dalla proposta di SEAT e PWR Racing con cui è andato a trionfare nell'STCC-TCR Scandinavia.

Un ritorno da Campione per Dahlgren: "Abbiamo vinto perché siamo combattenti"
Robert Dahlgren
Robert Dahlgren, SEAT Leon TCR
Robert Dahlgren al comando
Fredrik Blomstedt davanti a Fredrik Ekblom, Johan Kristoffersson e Robert Dahlgren durante Gara 1
Robert Dahlgren
SEAT Leon TCR, PWR Racing
Robert Dahlgren, Polestar Cyan Racing, Volvo S60 Polestar TC1
Conferenza stampa: Robert Dahlgren, Polestar Cyan Racing, Volvo S60 Polestar TC1
Robert Dahlgren, Polestar Cyan Racing, Volvo S60 Polestar TC1
Robert Dahlgren, Polestar Cyan Racing, Volvo S60 Polestar TC1
Robert Dahlgren

Circa un anno fa, di questi tempi, Robert Dahlgren aveva annunciato di voler appendere il casco al chiodo, dopo aver terminato l'avventura motoristica con la Volvo Polestar Cyan Racing nel WTCC.

Successivamente l'esperto svedese aveva accettato con entusiasmo di ricoprire il ruolo di venditore e manager per SEAT Svezia, ma di lì a poco è stato subito chiaro che non poteva certo sedersi dietro una scrivania per passare le giornate al PC e al telefono.

Ad alimentare il fuoco sotto le presunte ceneri di pilota ci ha pensato il PWR Racing Team, che da sempre collabora con SEAT Sport e che ha deciso di iscriversi allo Scandinavian Touring Car Championship, diventato TCR Scandinavia dopo l'accordo firmato con Marcello Lotti.

Dahlgren non ha potuto (e saputo) dire di no al volante della León TCR offertogli da Daniel Haglöf e la stagione si è rivelata un successone incredibile con 7 vittorie e 16 podi in 21 gare, oltre ad essere risultato l'unico concorrente capace di andare a punti sempre. Il titolo è quindi arrivato con grandissima gioia e ritrovate motivazioni per il futuro.

"Ho vinto alcuni campionati in carriera e anche il titolo nell'STCC si è rivelato difficile da raggiungere - ha ammesso Dahlgren - Grazie al supporto di SEAT Svezia, SEAT Sport e alla grande atmosfera respirata nel team, posso dire che è stata una delle stagioni più divertenti e belle che abbia mai affrontato. Durante l'anno abbiamo imparato molto dato che coi nuovi regolamenti TCR era tutto nuovo, ma siamo riusciti a battere i nostri avversari con lo spirito combattivo che contraddistingue la nostra squadra, mostrando e sfruttando il grande potenziale della nostra SEAT León TCR. Continuerò certamente a correre con PWR
Racing nell'STCC, il nostro obiettivo è continuare a vincere per diversi anni".

Soddisfatto anche Haglöf, AD e fondatore della squadra che ha regalato a Robert il titolo.

"Gli avevo promesso che se fosse venuto con noi avrebbe potuto vincere il campionato - spiega il proprietario - Ci siamo trovati davanti comunque dei rivali molto agguerriti che hanno corso nell'STCC per parecchio tempo e molto più di noi, per cui la sfida è stata davvero ostica. Il livello di competizione era altissimo e sono davvero orgoglioso di aver vinto il titolo al debutto del regolamento TCR".

Per la stagione 2018 sono attese nuove squadre e piloti, visto il grande successo che ha riscosso l'inserimento del regolamento TCR, come ha affermato Daniel Sporre, manager della serie.

"Il passaggio ai regolamenti TCR è stato un successo enorme, le vetture hanno regalato spettacolo e lotte adattandosi alla perfezione alle nostre piste. Inoltre abbiamo ricevuto riscontri positivi da tutti i team che hanno deciso di partecipare con queste macchine, per questo siamo curiosi e fiduciosi guardando alla stagione 2018".

condividi
commenti
Tutti i numeri di tre anni spettacolari di TCR International Series
Articolo precedente

Tutti i numeri di tre anni spettacolari di TCR International Series

Articolo successivo

Bragin, uno Zar a due volti: "Con SEAT e Audi ho potuto giocare di strategia"

Bragin, uno Zar a due volti: "Con SEAT e Audi ho potuto giocare di strategia"
Carica i commenti