Un weekend difficile per Comini al Salzburgring

Un weekend difficile per Comini al Salzburgring

Lo svizzero ha conquistato il podio in Gara 1, mantenendosi così al 2° posto in classifica. Ora si lavora al budget

Un altro weekend complicato per Stefano Comini a Salisburgo, nell’ultimo appuntamento europeo del TCR.

Il giovane ticinese si mostra molto determinato fin dalle prove libere dove si inserisce nelle prime posizioni, confermate in qualifica con un primo posto sino all’ultimo giro. La pole position, però, gli viene strappata sotto la bandiera a scacchi dalle Honda di Gleason e Morbidelli, facendolo scivolare in seconda fila in griglia di partenza.

A rendere difficoltoso il recupero della prima posizione, oltre alle note migliori prestazioni delle vetture Honda, il mal funzionamento della radio ha portato Stefano al rientro in pit lane a pochi minuti dalla fine del turno, non permettendogli cosi di effettuare l’ultimo tentativo.

In Gara 1, allo spegnersi dei semafori, Comini ha un ottimo sprint e con una buona partenza conquista al primo giro la seconda posizione che difende dagli attacchi degli avversari per tutto il corso della gara. Un podio molto importante in una gara solo apparentemente lineare: Stefano ha dovuto lottare con problemi legati ai calcoli della benzina, gli ultimi quattro giri di gara sono stati al limite, era necessario non tentare attacchi alla vetta ma gestire il carburante per giungere alla fine.

In Gara 2, griglia invertita come da regolamento per la partenza, lo svizzero è partito dalla settima posizione; purtroppo uno start anticipato blocca la rimonta del ticinese, che al primo giro era già in zona podio. Scontato il drive-through, il risultato fortunatamente non è completamente compromesso per Stefano, che riesce a transitare ottavo sotto la bandiera a scacchi, conquistando pochi punti (ma comunque preziosi) che lo aiutano a colmare il gap dal leader di classifica.

Dopo questo mese incandescente, pieno di trasferte, ora si spengono i motori per due settimane; le auto però sono già partite alla volta della Russia per la trasferta a Sochi il 21 giugno prossimo.

Futuro ancora incerto per Comini, che a causa di problemi di budget non sa quante gare di campionato riuscirà ancora ad affrontare, la caccia agli sponsor è aperta, ma a Sochi ci sarà: "Posso confermare che sarò a Sochi, dopo di che, ogni volta è una lotteria. Ogni gara è sempre più difficile trovare sponsor, ho un sacco di amici e partner che mi aiutano e credono in me. Li ringrazio, ma il budget per correre per un ragazzo normale come me è molto alto, faremo il possibile per continuare ad esserci", ha spiegato.

A tal proposito, Comini sta lavorando su una serie di iniziative nelle prossime settimane, al fine di aumentare il budget per competere nelle ultime quattro gare in Argentina, Singapore, Thailandia e Macao.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati TCR
Piloti Stefano Comini
Articolo di tipo Ultime notizie