L'incredibile avventura malese della Campos Racing

condividi
commenti
L'incredibile avventura malese della Campos Racing
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
29 mar 2015, 10:45

La squadra spagnola ha dovuto affrontare un weekend difficilissimo, inventandosi di tutto...

Il primo evento della TCR International Series ha avuto diversi protagonisti, ma c'è una menzione d'obbligo da fare per il team Campos Racing.

I tecnici e i meccanici della squadra spagnola hanno dovuto lottare contro il tempo per riuscire a mandare in pista le Opel Astra OPC di Igor Skuz e Jordi Oriola, con il pilota ucraino che alla fine è riuscito a prendere parte a Gara 2.

La Campos è infatti arrivata in Malesia senza tutti i materiali di ricambio, dovendo fare i conti anche con problemi di elettronica e le alte temperature. Ognuno ha lavorato duramente per inventarsi qualcosa, come ad esempio la creazione di un radiatore più grande, andando a comprare i pezzi in un negozio locale. Addirittura una parte è stata ricavata da un... estintore! Le operazioni sono terminate alle 5;00 di domenica mattina, con Skuz che si è potuto dunque schierare in griglia.

"Si tratta di una bella prova come prima gara della stagione - ha commentato il team manager Rubén Espín - Abbiamo fatto l'impossibile per riuscire a mettere in pista almeno una delle due macchine. Abbiamo vinto questa sfida e ora vogliamo presentarci al meglio a Shanghai. Sappiamo che ci sarà ancora parecchio da fare con queste nuove auto, ma siamo pronti per la battaglia."

C'è una sola cosa da dire: bravi ragazzi!

Prossimo articolo TCR
Morbidelli eletto "Man Of The Race" di Sepang

Previous article

Morbidelli eletto "Man Of The Race" di Sepang

Next article

Morbidelli: "Orgoglioso di questo podio e del team"

Morbidelli: "Orgoglioso di questo podio e del team"

Su questo articolo

Serie TCR
Piloti Igor Skuz , Jordi Oriola
Autore Francesco Corghi
Tipo di articolo Ultime notizie