Niente BoP per la Fiat Tipo TCR di Tecnodom. Per ora... "Tranquilli, arriviamo anche noi!"

condividi
commenti
Niente BoP per la Fiat Tipo TCR di Tecnodom. Per ora...
Di:
25 gen 2019, 08:44

Dopo la presentazione dello scorso luglio, la vettura del team veneto ha subìto un rallentamento nello sviluppo, ma la famiglia Giacon sta lavorando duramente per ultimarla come spiega il pilota Kevin in esclusiva a Motorsport.com.

Presentazione Fiat Tipo TCR
Presentazione Fiat Tipo TCR
Presentazione Fiat Tipo TCR
Presentazione Fiat Tipo TCR
Presentazione Fiat Tipo TCR
Presentazione Fiat Tipo TCR
Presentazione Fiat Tipo TCR
Presentazione Fiat Tipo TCR

La Fiat Tipo TCR è ancora in fase di costruzione e sviluppo in vista del suo debutto in pista previsto per la metà di questa stagione.

Un paio di giorni fa il Dipartimento Tecnico del TCR ha comunicato le modalità per la definizione del Balance of Performance riguardanti solo i nuovi modelli di vetture da omologare.

Fra questi non era presente quello che gli uomini di Tecnodom Sport stanno cercando di ultimare e ottimizzare dopo che ne avevano svelate le forme lo scorso 21 luglio.

In Veneto si sta lavorando duramente per poter poi schierare la Tipo, che negli ultimi mesi dovuto subire restyling e modifiche di vario genere che le hanno impedito di debuttare al termine della passata stagione con Kevin Giacon, come inizialmente si era pensato.

"Ragazzi, niente paura, arriviamo anche noi! - ha affermato il giovane pilota di casa Tecnodom Sport parlando con Motorsport.com - Purtroppo avrei preferito essere già in azione, ma una serie di problemi tecnici e organizzativi me lo hanno impedito. Dopo la presentazione di luglio, la macchina ha dovuto continuare ad essere sviluppata e l'addio dell'ingegnere responsabile del progetto ha rallentato il tutto. Ora però ne abbiamo trovato un altro molto valido e stiamo portando avanti il lavoro".

La Fiat dunque resta in piena corsa per avere l'omologazione nel 2019 e cominciare a girare nei campionati TCR.

"Siamo stati costretti ad intervenire su varie parti per affinarla. Quando cominci un progetto da un foglio bianco hai certamente libertà d'azione, ma sei privo di punti di riferimento e quindi si rischia di prendere la strada sbagliata. Adesso le cose vanno bene, ma naturalmente non è semplice procedere in modo rapido considerando che siamo un piccolo team che durante il giorno si divide fra l'azienda di frigoriferi e l'officina. Capisco la preoccupazione e le domande degli appassionati, ma io stesso mi sono reso conto che mettere le mani su una cosa del genere è tutt'altro che semplice. Da fuori è facile giudicare e sono piovute anche critiche. Abbiamo preferito stare in silenzio e concentrarci su quello che andava fatto".

Giacon ormai è da un anno e mezzo che non prendere in mano un volante, se non quello della propria macchina stradale, per cui la voglia di ripresentarsi ai nastri di partenza di un campionato vero e proprio è tantissima.

"Non potete capire che voglia abbia di correre, ma non posso certamente sfogarmi con la mia vettura da strada! Con il team stiamo lavorando duramente, le vicissitudini sopracitate ci hanno impedito di essere presenti ai test del BoP per omologare la Tipo TCR, ma contiamo di farlo verso primavera. Siamo convinti che per avere un bel mezzo serva pazienza e attenzione ai minimi dettagli, oltre che investimenti economici. Ora c'è anche il nuovo motore 2 litri che promette di essere una bomba, per questo dico agli appassionati di non preoccuparsi. Siamo un team piccolo, ma serio e di grande passione per il motorsport, ci sarà anche la nostra Fiat Tipo TCR in pista, è una promessa!"

Articolo successivo
Il paraplegico Johnson è un fulmine e regala la pole position TCR alla JDC-Miller Motorsport a Daytona

Articolo precedente

Il paraplegico Johnson è un fulmine e regala la pole position TCR alla JDC-Miller Motorsport a Daytona

Articolo successivo

Néstor Girolami pronto per correre nel WTCR con la Honda

Néstor Girolami pronto per correre nel WTCR con la Honda
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie TCR
Autore Francesco Corghi