Mikel Azcona brucia tutti al via e trionfa in Gara 1

condividi
commenti
Mikel Azcona brucia tutti al via e trionfa in Gara 1
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
20 mag 2018, 11:15

Grande prestazione dello spagnolo che regala il primo successo alla Cupra, mentre Tassi e Van Lagen completano il podio davanti a Files e Borkovič. Barr sbatte al via, rimonta di Paulsen, bene Kroes.

Attila Tassi, Hell Energy Racing con KCMG Honda Civic Type R TCR
Jaap van Lagen, Leopard Lukoil Team Audi RS3 LMS TCR
Julien Briché, JSB Compétition Peugeot 308 TCR
Cedric Piro, Autodis Racing by Piro Sports Honda Civic Type R TCR
Danny Kroes, PCR Sport Cupra TCR
Loris Cencetti, Autodis Racing by Piro Sports Hyundai i30 N TCR
Francisco Mora, M1RA Hyundai i30 N TCR
Francisco Abreu, Sports & You Peugeot 308 TCR
Reece Barr, Target Competition Hyundai i30 N TCR
Cedric Piro, Autodis Racing by Piro Sports Honda Civic Type R TCR
Dusan Borkovic, Target Competition Hyundai i30 N TCR
Josh Files, Hell Energy Racing with KCMG Honda Civic Type R TCR
Jaap van Lagen, Leopard Lukoil Team Audi RS3 LMS TCR

La prima vittoria in TCR Europe Series arriva a Zandvoort per Mikel Azcona, autore di una Gara 1 coi fiocchi che il pilota della PCR Sport ha condotto perfettamente fin dalla prima curva.

Al via lo spagnolo portato la sua Cupra TCR al comando bruciando l'Audi RS 3 LMS TCR del poleman Jaap Van Lagen (Leopard Lukoil Team), che a sua volta si è fatto passare anche dalle Honda Civic Type R TCR FK7 dell'Hell Energy Racing with KCMG condotte da Attila Tassi e Josh Files, e da Dušan Borkovič con la Hyundai i30 N TCR della Target Competition.

Dietro è invece successo di tutto: Reece Barr nel tentativo di difendersi dall'attacco della Hyundai i30 N TCR di Dániel Nagy si è toccato lievemente con il pilota della M1RA finendo col perdere il controllo della sua i30 e piombando rovinosamente contro le barriere del lato sinistro. L'auto impazzita della Target Competition è rimbalzata sul tracciato creando scompiglio: Igor Stefanovsky (Hyundai) ha provato ad evitarla, ma a sua volta ha colpito la Peugeot 308 TCR dell'incolpevole Julien Briché (JBS Compétition), venendo così eliminati entrambi con danni alla parte anteriore delle vetture.

La Safety Car è dovuta entrare in azione per sistemare la pista e rimuovere i rottami dei tre, uscendo poi di scena al giro 4 quando sul cronometro mancavano 13'10" al termine.

Azcona è subito scappato via, approfittando anche dei duelli che si sviluppavano alle sue spalle. Borkovič ha cominciato a pressare Files, ma così facendo ha dato la possibilità a Van Lagen di riprendersi il quarto posto, mentre un ottimo Stian Paulsen è riuscito a risalire al sesto superando Nagy e cominciando ad avvicinarsi al serbo.

Il recupero di Van Lagen è proseguito al giro 7 con il sorpasso ai danni di Files, poi le posizioni non sono più cambiate. Azcona ha vinto comodamente seguito da Tassi, che si è difeso bene da un ultimo assalto di Van Lagen.

Ai piedi del podio troviamo Files, Borkovič completa la Top5 ed è il migliore delle Hyundai, che sul passo gara hanno accusato un deficit importante a causa delle modifiche di BoP imposte dal regolamento.

Bel sesto posto per Paulsen con la propria Cupra TCR davanti a Nagy e all'ottimo Danny Kroes (PCR Sport), che nel finale è riuscito a sopravanzare con la sua Cupra TCR la Hyundai di Francisco Mora (M1RA). A punti va anche la Honda condotta da Jens Reno Møller.

La miglior Peugeot 308 TCR al traguardo è undicesima grazie a Francisco Abreu (Sports & You), che si è tenuto dietro la Cupra TCR di Mark Jedloczky (JLG Sport). Loris Cencetti (Autodis Racing by Piro Sports) è tredicesimo dopo una lotta serrata con il compagno di squadra Cedric Piro, che fra l'altro ha visto il lussemburghese toccare con la sua Hyundai la Honda del collega, andato in testacoda e sprofondato in 17a piazza.

Kris Richard ha invece dovuto recuperare terreno dal fondo dello schieramento dopo che i meccanici della Target Competition si sono visti costretti a sostituire il motore sulla Hyundai dello svizzero, 14° alla fine davanti alla Honda di Viktor Davidovsky (PSS Racing Team) e alla Volkswagen Golf GTI TCR di Martin Ryba (Brutal Fish Racing Team).

Fra i ritirati c'è anche Maxime Potty (Volkswagen - Comtoyou Racing), autore di un dritto alla curva "Tarzan" che lo ha insabbiato, e Marie Baus-Coppens incappata in problemi con la Cupra TCR della JBS Compétition.

Mikel Azcona: "Sono molto contento. è stata una grande giornata e il campionato è partito bene per me. Alla partenza sono riuscito a passare l'Audi, poi per un paio di curve ho lottato con Tassi, ma essendo all'interno ho sfruttato il vantaggio della traiettoria. Dopo la ripartenza dalla safety car sono riuscito a scappare via, ma non è mai facile, specialmente su una pista come questa. Non ho commesso errori e ho avuto un buon passo perché l'auto era perfetta e mi sono divertito tanto davanti a tantissima gente".

Attila Tassi: "Sono partito bene e ho combattuto con Azcona, ma ci siamo toccati e sono finito con due ruote sull'erba. Si è già scusato con me, quindi tutto a posto. Ho passato la maggior parte della gara a preservare le gomme e pensando a non fare errori. Nei giri finali mi sono dovuto difendere da Van Lagen, ma ho ottenuto un bel risultato e sono contento della mia Honda".

Jaap Van Lagen: "E' stata una gara positiva e divertente, a parte il via ovviamente. Non sono stato abbastanza reattivo e purtroppo ho perso posizioni, poi è entrata per un lungo periodo la safety-car e quando è uscita non c'era abbastanza tempo per provare a rimontare. Il passo era buono e ho effettuato due bei sorpassi riprendendomi il podio. Spero che domani vada bene, anche se non sarà semplice partendo dal 10° posto".

Gara 2 è in programma domani alle ore 14;55.

TCR Europe - Zandvoort: Gara 1

Articolo successivo
Jaap Van Lagen fulmina tutti a Zandvoort e si prende la pole position

Articolo precedente

Jaap Van Lagen fulmina tutti a Zandvoort e si prende la pole position

Articolo successivo

China: Ho, De Jesus e Wong/Hui vincono a Zhuhai

China: Ho, De Jesus e Wong/Hui vincono a Zhuhai
Carica i commenti