GT World Challenge Europe Endurance
17 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
47 giorni
09 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
69 giorni
WSBK
G
Losail
13 mar
-
15 mar
SSP Libere 1 in
13 giorni
WRC
12 feb
-
16 feb
Evento concluso
12 mar
-
15 mar
Shakedown in
12 giorni
WEC
22 feb
-
23 feb
Evento concluso
18 mar
-
20 mar
Prossimo evento tra
17 giorni
MotoGP
G
GP del Qatar
05 mar
-
08 mar
IndyCar
13 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
12 giorni
G
Birmingham
03 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
33 giorni
Formula E
14 feb
-
15 feb
Evento concluso
27 feb
-
29 feb
Libere 2 in
03 Ore
:
09 Minuti
:
08 Secondi
Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
PL1 in
20 giorni
ELMS
G
Barcellona
03 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
33 giorni
G
Monza
08 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
68 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
01 mag
-
03 mag
Prossimo evento tra
61 giorni
26 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
117 giorni

Mat'o Homola in pole position per un soffio a Buriram

condividi
commenti
Mat'o Homola in pole position per un soffio a Buriram
Di:
2 set 2017, 09:53

Lo slovacco piazza la sua Opel davanti alla SEAT di Nash per 0"004, con Michelisz e Vernay in seconda fila. Top5 per Tassi, bene Altoè settimo, pole di Gara 2 per Panis, che verrà affiancato da Comini (nono). Problemi per le Alfa Romeo.

Mat'o Homola ha conquistato la pole position per Gara 1 della TCR International Series che si svolgerà domani a Buriram. In Thailandia la sessione di qualifica è stata molto combattuta, soprattutto per l'intervento dei commissari che hanno movimentato ulteriormente la situazione cancellando diversi tempi ai concorrenti, colti nell'infrangere i famigerati track limits del Chang International Circuit.

Homola, al volante della Opel Astra TCR della DG Sport Compétition, ha fermato il cronometro sull'1'43"093 precedendo per soli 4 millesimi la SEAT León TCR della Lukoil Craft-Bamboo Racing guidata da James Nash, in una classifica generale davvero molto corta, con la Top10 racchiusa in 0"7.

In seconda fila troviamo Norbert Michelisz con la Honda Civic TCR del suo team M1RA Racing, che verrà affiancato dalla Volkswagen Golf GTI TCR del leader del campionato, Jean-Karl Vernay (Leopard Racing). In questo modo abbiamo quattro marchi diversi nelle prime due file dello schieramento. Quinto crono per Attila Tassi con la seconda Honda Civic TCR della M1RA, seguito da Pepe Oriola (SEAT León TCR - Lukoil Craft-Bamboo Racing).

Giacomo Altoè completa con un ottimo settimo tempo la sua prima qualifica a bordo della Honda Civic TCR affidatagli dalla M1RA, mentre Kantadhee Kusiri è ottavo con la Volkswagen Golf GTI TCR preparata dalla WestCoast Racing.

Stefano Comini è il migliore dei piloti Audi e piazza la sua RS 3 LMS TCR al nono posto finale che significa partenza dalla seconda casella della griglia invertita di Gara 2. In pole position al fianco dello svizzero della Comtoyou Racing ci sarà Aurélien Panis, che ha chiuso le qualifiche con il decimo tempo. Il pilota della Boutsen Ginion Racing dovrà però arretrare all'ultimo posto della griglia per il primo round, dato che il team belga ha dovuto sostituire il motore sulla Honda Civic TCR del francese.

Undicesimo il dominatore di Oschersleben, Gianni Morbidelli, con l'altra Volkswagen Golf GTI TCR del team WestCoast Racing.

Qualifiche nerissime in casa GE-Force / Romeo Ferraris: Davit Kajaia si è fermato dopo il primo giro della Q2 con un vistoso fumo uscire dal cofano della sua Alfa Romeo Giulietta TCR, mentre è stato eliminato già in Q1 Dušan Borković, che a metà della prima manche delle qualifiche si è dovuto fermare per la rottura di una ruota.

Altri nomi illustri non hanno preso parte alla caccia alla pole position, come per esempio Daniel Lloyd, che affiancherà Morbidelli in settima fila con la terza SEAT León TCR della Lukoil Craft-Bamboo Racing.

Dietro di loro troviamo l'Audi RS 3 LMS TCR di Frédéric Vervisch (Comtoyou Racing) e la Volkswagen Golf GTI TCR di Rob Huff (Leopard Racing), più volte andato largo nel tentativo di sfruttare tutta la pista a disposizione.

Chariya Nuya (BBR) centra la pole position fra i concorrenti della TCR Thailand Series precedendo con la sua Honda Civic TCR la SEAT León TCR di Nattanid Leewattanavaragul (Morin Racing).

Dietro di loro Pasarit Promsombat (SEAT León TCR - RMI Racing Team by Sunoco), Rattanin Leenutaphong (SEAT León TCR - Yontrakit Racing), Nattachak Hanjitkasen (Honda Civic TCR - TBN MK Ihere Racing Team) e Douglas Khoo Kok Hui (SEAT León TCR- Viper Niza Racing).

Mat’o Homola: "Ringrazio il mio team, in Q1 ho avuto un problema che i ragazzi sono riusciti a risolvere per farmi entrare in Q2. Qui la bandiera rossa ha creato un po' di scompiglio, ma è bastato un giro per ottenere la pole e sono molto contento. La pista mi piace e l'auto è come la vorrei. So che la gara sarà domani, ho fatto bene la prima parte di lavoro, ma il più dei punti si assegnano in gara".

James Nash: "Questa pista rappresenta sempre una grande sfida per me perché si adatta molto al mio stile e mi diverto tanto a guidare qui. Dopo aver ottenuto il mio miglior giro, alla curva 3 ho frenato bruscamente proprio nel punto dove avevo sbattuto lo scorso anno; purtroppo si è rotta la trasmissione, ma il tempo era buono. Però sono a 0"004 dalla pole e un po' mi scoccia. Non vedo l'ora di essere in pista domani, di solito parto bene e se lo farò, allora avrò la possibilità di scappare via perché il notro passo gara è ottimo".

Norbert Michelisz: "Il terzo posto va bene, ma la cosa più importante è che le nostre tre auto sono tutte in Top10. Per il team e per Attila è stato un sabato positivo, siamo in Top5 e sono orgoglioso del lavoro di tutti. Penso che in qualifica abbiamo fatto un ottimo gioco di squadra con le scie. Essere in pole avrebbe significato meno rischi rispetto al partire dalla terza fila perché potrebbero verificarsi contatti. Speravo che Tassi fosse davanti, ma c'è la possibilità di salire sul podio ugualmente".

Aurelien Panis: "E' stato un risultato perfetto per noi, dato che in Gara 1 dovrò partire dal fondo per aver sostituito il motore dopo Oschersleben. L'obiettivo era la decima piazza e siamo riusciti a prendercela, per cui sono contentissimo e il team ha fatto un grande lavoro dandomi un'auto molto divertente da guidare. La pole di Gara 2 significa che in Gara 1 non potrò commettere errori e dovrò fare parecchia attenzione ad evitare contatti. Il livello del TCR è molto alto e sono contento di farne parte".

Chariya Nuya: "Sono contentissimo di aver centrato la pole in TCR Thailand Series. Ho cercato di fare del mio meglio, ma contro i piloti della TCR International Series c'era poco da fare. Avrei bisogno di provare molto di più per riuscire a competere con loro. La macchina è ottima e mi sono trovato bene, domani darò il massimo in gara".

TCR International Series - Buriram: Qualifiche

 

Articolo successivo
Buriram, nelle Libere volano le Alfa Romeo e Kusiri con la Volkswagen

Articolo precedente

Buriram, nelle Libere volano le Alfa Romeo e Kusiri con la Volkswagen

Articolo successivo

I commissari danneggiano il motore dell'Alfa Romeo, Kajaia parte ultimo

I commissari danneggiano il motore dell'Alfa Romeo, Kajaia parte ultimo
Carica i commenti