Jean-Karl Vernay agguanta la pole position di Gara 1 ad Assen grazie alla penalità di Files

condividi
commenti
Jean-Karl Vernay agguanta la pole position di Gara 1 ad Assen grazie alla penalità di Files
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
18 ago 2018, 08:15

Il miglior tempo in Olanda lo ha centrato il britannico, ma la punizione per l'incidente dell'Hungaroring lo vedrà arretrare al quarto posto e quindi in prima piazza sale l'Audi del francese, che si ritrova affiancato dall'ottimo Potty. Terzo Richard, Paulsen settimo, Kroes e Comini in prima fila per Gara 2, deludono Borković e Azcona.

Jean-Karl Vernay scatterà dalla pole position in Gara 1 della TCR Europe Series dopo una qualifica davvero combattutissima andata in scena sul circuito di Assen.

Il miglior tempo lungo i 4,545km del tracciato olandese lo ha in realtà stabilito Josh Files in 1'44"522 con la Honda Civic Type R TCR FK7 dell'Hell Energy Racing with KCMG, ma il britannico dovrà scontare una penalità di tre posizioni sulla griglia di partenza come punizione per l'incidente di cui era stato protagonista all'Hungaroring, dunque sulla prima casella dello schieramento di Gara 1 ci sarà l'Audi RS 3 LMS TCR del francese del Leopard Lukoil Team, che aveva chiuso a soli 0"085 dalla vetta ed era già stato il più veloce al termine della Q1.

Al suo fianco avremo la Volkswagen Golf GTI TCR della Comtoyou Racing condotta da un ottimo Maxime Potty, autore di un miglioramento davvero notevole rispetto alle prestazioni da lui segnate nelle prove libere di ieri.

In seconda fila, davanti alla Honda di Files, scatterà la Hyundai i30 N TCR di Kris Richard, il migliore dei piloti Target Competition visto che i suoi compagni di squadra hanno avuto più di un problema nell'arco delle due sessioni di prove cronometrate.

In Top5, quindi a punti, si piazza anche la seconda Honda Civic Type R TCR FK7 dell'Hell Energy Racing with KCMG affidata ad Attila Tassi, seguito dalla Peugeot 308 TCR di Julien Briché (JSB Compétition), salvo per un soffio al termine della Q1.

Stian Paulsen è invece il più rapido delle Cupra TCR, con il norvegese che termina settimo tenendosi dietro la Hyundai i30 N TCR di Dániel Nagy, ma sul portacolori della M1RA grava il peso dell'errore di non aver rispettato i track limits durante il suo giro migliore e l'ungherese si è visto cancellare il crono che gli avrebbe permesso di partire almeno in seconda fila.

Non è invece riuscito a replicare i tempi di ieri Stefano Comini, il cui tempo della Q2 è risultato anche peggiore rispetto a quello della Q1. Il ticinese dell'Autodis Racing by THX è nono, però si consola ritrovandosi con la sua Honda Civic Type R TCR FK7 in prima fila nella griglia invertita di Gara 2, dove la pole position va a Danny Kroes, che con la Cupra TCR della PCR Sport ha ottenuto il decimo tempo proprio nelle battute finali beffando per 0"012 Dušan Borković.

A proposito del serbo della Target Competition, va detto che anche lui dovrà arretrare di tre posizioni sulla griglia per lo stesso motivo di Files, ma il suo vero problema è che, come tanti suoi colleghi, andando oltre i track limits si è visto privato del tempo da Top5 scivolando undicesimo. Nel medesimo guaio è incappato anche il leader della serie, Mikel Azcona, dodicesimo sull'altra Cupra TCR della PCR Sport con grande amarezza per il miglior crono cancellato che lo avrebbe visto partire più avanti.

Fuori per soli 0"086 in Q1 Loris Cencetti, che con la seconda Honda Civic Type R TCR FK7 dell'Autodis Racing by THX si ritrova tredicesimo beffato da Briché e sarà quindi costretto a prendere il via dalla settima fila dello schieramento assieme a Reece Barr. L'inglese della Target Competition è stata una delle grandi delusioni di questa qualifica, dato che con la sua Hyundai i30 N TCR ha rovinato tutto andando oltre i track limits e vedendosi cancellare il tempo che gli avrebbe consentito di essere in Q2. Di fianco a lui ci sarà il suo compagno di scuderia Borković.

Stesso problema lo ha avuto Jens Reno Møller, quindicesimo sulla sua Honda Civic Type R TCR FK7 e davanti al debuttante Peter Terting, il quale non è andato benissimo alla prima uscita sulla Hyundai i30 N TCR dell'Autodis Racing by Piro Sports dopo che ieri si era fatto vedere in Top10. Alle loro spalle ci sono la Hyundai i30 N TCR di Igor Stefanovski, la Peugeot 308 TCR della Sports&You condotta da Francisco Abreu e la Cupra TCR di Munkong Sathienthirakul (Monlau Competición).

Il thailandese precede la coppia della categoria DSG, dove la pole position se la porta a casa il nostro Giovanni Altoè al volante dell'Audi RS 3 LMS TCR preparata dalla Pit Lane Competizioni, autore di un 1'48"267 che gli ha consentito di piazzarsi davanti per più di sei decimi alla Cupra di Marie Baus-Coppens (JSB Compétition).

La graduatoria vede come fanalino di coda la Honda Civic Type R TCR FK7 di Viktor Davidovski: il macedone del PSS Racing Team è piombato a muro nel corso della prima manche causando anche l'esposizione della bandiera rossa, con i commissari che hanno dovuto riparare le barriere.

Josh Files: "Sono molto contento di come sono andate le qualifiche, abbiamo lavorato bene sul set-up e migliorato nell'arco della sessione. E' un risultato agrodolce per via della penalità, però è bello aver centrato la pole. E' una bella ricompensa per la KCMG, un team che ha lavorato benissimo. In Q1 soffrivo di sovrasterzo, ma abbiamo fatto alcune correzioni che hanno funzionato. Penso che siamo a posto per le gare, sono felice del passo che abbiamo provato nelle libere".

Jean-Karl Vernay: "Ho fatto un ottimo primo giro, peccato non essere stati i migliori nel terzo settore, ma siamo felicissimi per il risultato seppur ci sia un po' di frustrazione per la pole mancata di un soffio. Files verrà penalizzato e quindi sarò davanti, mentre i miei diretti rivali, Borković ed Azcona, saranno dietro, per cui per Gara 1 ho una grandissima occasione. Il team ha fatto un lavoro fantastico sistemando il telaio dopo i danni nelle libere, è l'ennesima prova che sono dei ragazzi bravissimi".

Maxime Potty: "E' stata una bella qualifica per noi, siamo riusciti a mettere tutto al posto giusto e ad ottenere un risultato per nulla scontato visto anche come era partito il weekend. Abbiamo lavorato bene e migliorato sessione dopo sessione".

Danny Kroes: "Abbiamo fatto un'ottima Q1 ed ero felice, poi le cose sono state diverse in Q2 perché avevo molto sottosterzo e troppo grip al posteriore, probabilmente ci siamo ritrovati con un set di gomme che non rendeva come avrebbe dovuto. Sicuramente è bello partire in pole position per Gara 2 davanti alla mia gente, spero di regalare ai tifosi una gioia per esultare".

TCR Europe Series - Assen: Qualifica 1

TCR Europe Series - Assen: Qualifica 2

Prossimo articolo TCR
Assen, Libere 2: Barr e Richard firmano la doppietta Hyundai

Previous article

Assen, Libere 2: Barr e Richard firmano la doppietta Hyundai

Next article

L'idolo locale Niels Langeveld in pole position a Zandvoort

L'idolo locale Niels Langeveld in pole position a Zandvoort
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie TCR
Location Assen
Autore Francesco Corghi
Tipo di articolo Qualifiche