Il TCR introduce un kit ibrido per il 2023

Le macchine turismo dei Costruttori coinvolti riceveranno da WSC un sistema plug-in da aggiungere al motore termico in grado di recuperare energia in frenata e decelerazione, dando una spinta in più fino a 30kW. L'anno prossimo può così nascere l'HTCR.

Il TCR introduce un kit ibrido per il 2023

Anche il mondo del TCR farà un passo avanti a livello tecnologico introducendo sistemi ibridi in vista della stagione 2023.

Il promoter WSC Group ha infatti cominciato a lavorare su un kit 'Mild Hybrid' per tutte le vetture turismo omologate secondo i canoni della serie.

Una anticipazione di ciò era stata data dal responsabile del FIA WTCR, Xavier Gavory, nell'intervista concessa a Motorsport.com all'inizio di novembre, spiegando che la Coppa del Mondo non avrebbe fatto passaggi all'elettrico per la sua evoluzione, bensì preferendo sistemi ibridi.

Questo perché si vuole - giustamente - tenere separate le competizioni per le macchine tradizionali da quelle elettriche, che sono inserite nell'ETCR.

Ecco quindi che gli uomini di Marcello Lotti forniranno un sistema plug-in che potrà essere installato in tutte le macchine dei Costruttori che hanno in produzione i rispettivi modelli TCR.

Questo potrà essere aggiunto al motore termico fornendo una potenza aggiuntiva che si aggira tra i 20 e i 30 kW, recuperata nelle fasi di frenata e decelerazione.

Ciò avverrà già quest'anno, in previsione di un debutto di un Hybrid TCR (HTCR) in vista del 2023, coi test di sviluppo che potranno partire già al termine di questo mese dando modo a tutti di prepararsi al meglio per l'evoluzione della prossima stagione.

condividi
commenti
Le migliori gare del 2021: Monteiro risorge all'Inferno (Verde)
Articolo precedente

Le migliori gare del 2021: Monteiro risorge all'Inferno (Verde)

Articolo successivo

WTCR | Honda-JAS conferma i 4 piloti, c'è la novità Team Engstler

WTCR | Honda-JAS conferma i 4 piloti, c'è la novità Team Engstler
Carica i commenti