César Machado non si fa beffare dalle Safety Car e vince Gara 1 a Vallelunga

condividi
commenti
César Machado non si fa beffare dalle Safety Car e vince Gara 1 a Vallelunga
Di: Francesco Corghi
15 set 2018, 09:07

Il portoghese è stato bravissimo a condurre dal primo all'ultimo giro nonostante l'auto di sicurezza sia dovuta entrare per due volte in azione annullando il suo vantaggio. Ferrara è secondo per un soffio davanti a Scalvini, Ceccon quarto dopo una gran lotta con Baldan, superato nel finale da Bettera. Altoè vince nel DSG, Tavano settimo.

César Machado ha trionfato con una gara perfetta nel primo round del TCR Italy a Vallelunga condizionato dall'ingresso della Safety Car che per due volte ha annullato il vantaggio costruito muniziosamente dal pilota della Target Competition.

Al via il portoghese ha sfruttato al meglio la pole position conquistata stamattina in qualifica per mantenere il primato al volante della sua Honda Civic TCR FK2 e cominciare a dettare il ritmo, ma già al secondo giro la vettura di sicurezza è dovuta entrare in azione per consentire la rimozione della Cupra DSG di Gunther Benninger (Wimmer Werk Motorsport), finito in testacoda nella sabbia.

Dopo un paio di tornate si è ricominciato, ma poco dopo ecco nuovamente un concorrente fermo sul tracciato in posizione pericolosa: Marco Pellegrini, che era rientrato ai box della Target Competition proprio dopo il via, ha perso clamorosamente la ruota anteriore sinistra della sua Hyundai i30 N TCR dovendo arrestarla a bordo pista non potendo continuare.

La Safety Car, rientrata davanti al gruppo e rimasta a lungo lì a causa del lento intervento dei commissari, ha spento le luci e ridato il via libera ai piloti quando ormai mancavano solo 5' al termine della gara, con l'ottimo Machado che si è involato verso il suo primo trionfo nella serie, mentre alle sue spalle Luigi Ferrara ha chiuso ogni varco alla Hyundai i30 N TCR di Eric Scalvini.

Il barese del V-Action Racing Team/Romeo Ferraris al via era stato bravo a superare con la sua Alfa Romeo Giulietta TCR sia il pilota del BRC Racing Team che il collega di marchio Kevin Ceccon, il quale ha fatto pattinare le ruote anteriori allo spegnimento dei semafori scivolando al quarto posto.

Il ragazzo del Team Mulsanne/Romeo Ferraris ha sudato parecchio per portare la sua Giulietta TCR al traguardo nella medesima posizione, dato che alle sue spalle l'agguerrito Nicola Baldan ha tentato più volte di scavalcarlo. Quest'ultimo ha fatto del suo meglio lottando contro il dolore per l'infortunio alla clavicola; al giro 2 ha messo la Hyundai i30 N TCR della M1RA davanti all'Audi RS 3 LMS TCR di Enrico Bettera dopo che il pilota della Pit Lane Competizioni lo aveva superato alla curva 1, poi ha provato più volte di infilare Ceccon, ma dovendo poi ricedere a Bettera la Top5 e dovendosi accontentare del sesto posto in classifica.

Non è stata la gara che sognava Salvatore Tavano, settimo con la Cupra TCR della SEAT Motorsport Italia perdendo parecchio al via e anche punti in termini di lotta per il titolo. Dietro di lui abbiamo la Honda Civic Type R TCR FK7 di Max Mugelli (MM Motorsport), la Hyundai i30 N TCR della BRC condotta da Federico Paolino e infine l'Audi RS 3 LMS TCR guidata da Giovanni Altoè, ultimo della zona punti assoluta e vincitore nella Classe DSG.

Il veneto della Pit Lane Competizioni precede sul traguardo le Cupra di Alex Thellung (BF Motorsport) e Matteo Greco, che completano il podio per le auto con cambio di serie.

Andrea Larini è riuscito a rimontare fino al 13° posto con la Cupra della Pit Lane Competizioni partendo dal fondo dello schieramento. Andrea Argenti è il migliore delle Opel Astra TCR con quella del suo team privato South Italy Racing.

TCR Italy - Vallelunga: Gara 1

Articolo successivo
César Machado centra la pole position per Gara 1 a Vallelunga

Articolo precedente

César Machado centra la pole position per Gara 1 a Vallelunga

Articolo successivo

Salvatore Tavano domina dal primo giro in Gara 2 a Vallelunga, Ferrara lascia aperti i conti per il titolo

Salvatore Tavano domina dal primo giro in Gara 2 a Vallelunga, Ferrara lascia aperti i conti per il titolo
Carica i commenti