Brigliadori, Re in punta di piedi: "E dovevo fare solo 2 gare!"

Il pilota della BF Motorsport ha meritatamente vinto in pista il TCR Italy e racconta a Motorsport.com il suo percorso che lo ha consacrato nella serie turismo tricolore. Almeno fino a venerdì 27 novembre, quando tutto (purtroppo) potrebbe cambiare.

Brigliadori, Re in punta di piedi: "E dovevo fare solo 2 gare!"

Dispiace dover cominciare questo pezzo dicendo che il Campione Piloti 2020 del TCR Italy per il momento è solo provvisorio.

Dispiace perché Eric Brigliadori il titolo lo ha vinto meritatamente e in pista, per cui non è giusto che lo perda per colpe non sue e per mano di un tribunale che in 4 mesi ancora non è  riuscito a stabilire una certezza per un campionato che si è concluso ieri ad Imola.

Dispiace perché mentre l'Italia (in generale, non solo per colpa del Covid) la tira sempre per le lunghe con le carte bollate - ahinoi - sui circuiti del Bel Paese c'è un giovane ragazzone che, contro ogni previsione, ha ribaltato ogni pronostico possibile di inizio stagione, andando a prendersi da solo e con tutte le sue forze un campionato al quale si era affacciato in punta di piedi.

Il ricorso di PMA Motorsport contro l'esclusione di Felice Jelmini da Gara 1 di Misano per irregolarità tecnica, se venerdì 27 novembre dovesse essere accolto ristabilendo l'ordine d'arrivo col lombardo vincente, sfilerebbe dalle mani di Brigliadori la corona tricolore e consegnandola per la terza volta a Salvatore Tavano.

Tavano che in pista è stato appunto battuto da Brigliadori, non in termini di punteggi (ad oggi 166 pari), ma di prestazioni e risultati di cui il portacolori della BF Motorsport può e deve andare fiero.

Perché parliamo prima di tutto di un team diretto da papà, Imerio Brigliadori, che già aveva dovuto subire l'onta della cancellazione del TCR DSG Endurance al quale si era già impegnato con serietà a partecipare, e di un ragazzo di 20 anni che con le corse turismo ha cominciato non troppo tempo fa, ma nelle quali si è immediatamente affermato con determinazione e una faccia pulita che fa bene a tutto il movimento.

Cosa per altro confermata già venerdì sera, quando lo avevamo incontrato nel paddock imolese non appena gli era stata comunicata la pessima notizia dell'errore di calcolo nei punteggi, alla quale Eric aveva reagito con un sospirone allargando le braccia: "Purtroppo non posso farci niente, mi hanno tolto 2 punti che possono pesare, ma il mio lavoro è di andare in pista e correre. Ed è quello che farò senza pensare ad altro".

Detto, fatto. Dopo una Gara 1 che gli ha portato un mestissimo ritiro per un guasto allo scarico ("Si è rotto un pezzo da 5€, è andata così", ci aveva detto candidamente e senza sacramentare, il romagnolo, davanti alla sua Audi RS 3 LMS), Gara 2 gli ha portato il secondo posto e matematicamente il titolo di Campione 2020, anche se solo provvisoriamente causa carte bollate in arrivo...

"Campione tra virgolette, è sicuramente strano ed è una sensazione nuova in tutti i sensi perché alla fine è solo il primo anno che corro un campionato intero, per cui non mi era mai capitato", spiega Brigliadori a Motorsport.com in questa sua prima intervista a cuore aperto da Numero Uno del campionato turismo tricolore.

Da dove nasce la tua passione per i motori?
"Grazie a mio padre, che fin da piccolo mi portava con sè sulle piste dove correva. Neanche mi ricordo la prima volta che sono andato su un kart, ma è nato tutto in famiglia. Infatti il #68 sulla macchina è un omaggio a lui, è il suo anno di nascita. Ad inizio campionato ci hanno chiesto quale preferissimo e la scelta è ricaduta su quello".

Hai un modello motoristico, un idolo in particolare?
"Sinceramente no. Ci sono tanti piloti forti del passato e di oggi, ma non sono uno che accende la TV per vedere questo o quello. C'è da imparare da tutti, ma non sono un fan di qualcuno in particolare".

Il tuo percorso di crescita è stato molto veloce, ma in silenzio...
"Prima di cominciare nel TCR Italy avevo fatto solo due gare e mezzo, diciamo. Il giorno del mio 18° compleanno c'è stata la prima a Franciacorta, in Coppa Italia, come regalo! Era il 2018 e quell'anno partecipai anche all'ultima di quella serie, a Misano, con l'Audi sequenziale, mentre l'anno dopo ho corso al Mugello, ma solo in Gara 1 perché condividevo la macchina. Dopo di che, eccomi nel TCR Italy".

Come ti sei presentato alla prima gara?
"Diciamo che ho avuto la certezza di correre al Mugello solo 10 giorni prima, quindi all'ultimo momento. Nel team avevamo due vetture e una era destinata alla Francesca Raffaele, che è stata mia compagna di squadra fino a qualche settimana fa. L'altra era libera, abbiamo trovato qualcuno che ci desse una mano col budget e ci siamo iscritti. Si è materializzato tutto all'ultimo momento, senza fare test".

Quindi anche la macchina era nuova?
"No, era quella di Enrico Bettera del 2019, già col cambio sequenziale. Abbiamo solo dovuto cambiarle la livrea, però di fatto il Mugello è stato un weekend di test".

Non avevi un programma definito, allora...
"Esatto, siamo partiti senza sapere se avremmo fatto tutto il campionato, ma solo con la certezza di due gare. L'idea era vedere come andava all'inizio e poi si sarebbe valutato il prosieguo".

Già dalle prime gare sei andato forte però...
"E' vero, sono andato subito in Pole Position e, considerando che non abbiamo fatto test, onestamente non me l'aspettavo. Peccato perché comunque il weekend del Mugello in realtà non è terminato bene, dato che abbiamo forato per due volte. Siamo tornati a casa con l'amaro in bocca, ma con la consapevolezza che nel gruppetto dei primi ci potevamo stare. E per me la soddisfazione di essere competitivo al debutto in un campionato di questo livello".

E dopo il Mugello, arriva la vittoria in casa tua...
"Eh... a Misano si può dire che è andata bene! Il successo di Gara 1 è arrivato a 'tavolino' con l'esclusione di Jelmini, ma ero comunque giunto secondo. Invece di Gara 2 posso dire che è stata per me una delle corse più belle dell'anno perché la vittoria me la sono sudata fino alla fine. Per altro era anche la prima della stagione realmente conseguita in pista, quindi una emozione particolare".

E' qui che scatta il tutto per proseguire la stagione?
"A questo punto si può dire che è così, l'idea di andare avanti c'era e nell'arco della stagione abbiamo trovato qualcuno che ci ha dato un'ulteriore mano con le sponsorizzazioni gara per gara. Vincendo mi sono fatto notare e questo ha aiutato, anche perché era un peccato fermarsi in quel momento".

Quando è che invece hai cominciato a credere di potercela fare?
"Direi dopo il weekend di Vallelunga perché abbiamo visto che potevamo essere competitivi più o meno su tutte le piste. Dopo quell'evento eravamo primi in campionato, quindi abbiamo pensato di potercela e dovercela giocare".

Hai trovato più difficile il debutto, oppure andare a giocartela per vincere?
"E' difficile dirlo perché il problema mio non è stato tanto il girare da solo in prova, quanto confrontarmi con gli altri in gara. Sorpassi, lotte, difese e quant'altro non lo avevo mai provato realmente e costantemente, perché comunque nelle altre tre corse cui avevo partecipato il contesto era differente e qui il livello è totalmente diverso. Ci ho dovuto prendere la mano".

Hai imparato tanto in questo primo anno. Ma essendo Campione ora, ti senti di avere insegnato qualcosa?
"No no, ho imparato tantissimo e basta. Sinceramente rispetto a quando è iniziato il campionato mi sono reso conto che sono cresciuto parecchio sotto ogni aspetto. Sia nella guida che nelle bagarre in pista, tra attacchi e difese. Sono cose che impari solamente vivendole nel fine settimana di gara".

Il momento più difficile della stagione?
"Nonostante ne sia uscito da leader, credo sia stata Gara 2 del weekend di Vallelunga. Lì ho commesso un errore stupido sbagliando una staccata e andando contro a Max Mugelli; questo mi ha fatto perdere parecchi punti causa la giusta penalità di 25" che mi hanno comminato, un vero peccato perché in quel giorno sia Jelmini che Tavano erano finiti fuori, e io non ho guadagnato nulla nei confronti dei miei rivali. Non me lo perdono, l'errore, anche perché, il giro prima, il mio ingegnere di pista mi aveva detto di usare la testa e tre curve dopo ho fatto la cavolata! Ci sono stato male per una settimana".

Questo è un buon segno, però, perché significa che ci tieni molto e non sei un menefreghista dei contatti come invece altri tuoi colleghi hanno dimostrato...
"Io sono molto critico verso me stesso, quando sbaglio passano giorni prima che mi riesca a riprendere dall'arrabbiatura! Quindi capisco anche quando un Leclerc a fine gara si manda a quel paese da solo per un errore, perché sono così anche io".

Adesso che tu hai chiuso da Campione che prospettive hai?
"In questo momento onestamente nessuna. Non ho alcuna proposta sul tavolo per l'anno prossimo, spero che possa saltare fuori qualche occasione dopo il campionato vinto, però ad ora non so".

Ma la tua idea sarebbe di continuare nel TCR Italy o fare un ulteriore salto di categoria?
"E' difficile dirlo, non sono mai stato un pilota e se dovessi proseguire da solo con le mie forze di budget non avrei le possibilità. Anche se mi piacerebbe provare qualcosa. Quindi mi auguro che salti fuori qualche opportunità o sponsor, altrimenti non c'è molto margine".

'Non sono un pilota' non è male, considerando che hai appena vinto il titolo! Durante la settimana allora cosa fai?
"Lavoro in officina sulle macchine e poi mi occupo della logistica del team organizzando le trasferte e quant'altro. Metto le mani pure sulla mia auto da corsa!"

Il Campione 2020 del TCR Italy come si sveglierà lunedì mattina?
"Alla solita ora per andare in officina, c'è da scaricare il camion!"

Ed eccolo, Brigliadori, che ci saluta con un sorriso e si mette a ripiegare il tendone della BF Motorsport aiutando i suoi meccanici a mettere via le attrezzature mentre il paddock di Imola si svuota, nella domenica pomeriggio che lo ha incoronato Re del campionato turismo tricolore.

E tale ci si deve augurare che resti, perché la vittoria sportiva ed umana ottenuta in pista è sotto gli occhi di tutti e i sacrifici di una stagione dovrebbero essere premiati solo sull'asfalto di un circuito.

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
1/46

Foto di: Davide Cavazza

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
2/46

Foto di: Davide Cavazza

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
3/46

Foto di: Davide Cavazza

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
4/46

Foto di: Davide Cavazza

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
5/46

Foto di: Davide Cavazza

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
6/46

Foto di: Davide Cavazza

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
7/46

Foto di: Davide Cavazza

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
8/46

Foto di: Davide Cavazza

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
9/46

Foto di: Davide Cavazza

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
10/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
11/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
12/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
13/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
14/46

Foto di: ACI Sport

Il podio assoluto di Gara 1: primo posto Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR, davanti a, secondo posto Alessandro Giardelli, MM Motorsport, Cupra TCR, terzo posto Salvatore Tavano, Scuderia del Girasole by Cupra Racing, Cupra Leon Competicion TCR

Il podio assoluto di Gara 1: primo posto Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR, davanti a, secondo posto Alessandro Giardelli, MM Motorsport, Cupra TCR, terzo posto Salvatore Tavano, Scuderia del Girasole by Cupra Racing, Cupra Leon Competicion TCR
15/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
16/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR, davanti a, Alessandro Giardelli, MM Motorsport, Cupra TCR, Salvatore Tavano, Scuderia del Girasole by Cupra Racing, Cupra Leon Competicion TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR, davanti a, Alessandro Giardelli, MM Motorsport, Cupra TCR, Salvatore Tavano, Scuderia del Girasole by Cupra Racing, Cupra Leon Competicion TCR
17/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR, davanti a, Alessandro Giardelli, MM Motorsport, Cupra TCR, Salvatore Tavano, Scuderia del Girasole by Cupra Racing, Cupra Leon Competicion TCR e Felice Jelmini, PMA Motorsport, Hyundai i30 N TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR, davanti a, Alessandro Giardelli, MM Motorsport, Cupra TCR, Salvatore Tavano, Scuderia del Girasole by Cupra Racing, Cupra Leon Competicion TCR e Felice Jelmini, PMA Motorsport, Hyundai i30 N TCR
18/46

Foto di: ACI Sport

Il podio assoluto di Gara 1: primo posto Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR, davanti a, secondo posto Alessandro Giardelli, MM Motorsport, Cupra TCR, terzo posto Salvatore Tavano, Scuderia del Girasole by Cupra Racing, Cupra Leon Competicion TCR

Il podio assoluto di Gara 1: primo posto Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR, davanti a, secondo posto Alessandro Giardelli, MM Motorsport, Cupra TCR, terzo posto Salvatore Tavano, Scuderia del Girasole by Cupra Racing, Cupra Leon Competicion TCR
19/46

Foto di: ACI Sport

Il podio assoluto di Gara 1: primo posto Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR, davanti a, secondo posto Alessandro Giardelli, MM Motorsport, Cupra TCR, terzo posto Salvatore Tavano, Scuderia del Girasole by Cupra Racing, Cupra Leon Competicion TCR

Il podio assoluto di Gara 1: primo posto Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR, davanti a, secondo posto Alessandro Giardelli, MM Motorsport, Cupra TCR, terzo posto Salvatore Tavano, Scuderia del Girasole by Cupra Racing, Cupra Leon Competicion TCR
20/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
21/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
22/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
23/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
24/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
25/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
26/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
27/46

Foto di: Francesco Corghi

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
28/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
29/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
30/46

Foto di: Francesco Corghi

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
31/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
32/46

Foto di: ACI Sport

Il podio: secondo posto, Simone Pellegrini, Scuderia del Girasole, primo posto Eric Brigliadori, BF Motorsport, terzo posto Felice Jelmini, PMA Motorsport,

Il podio: secondo posto, Simone Pellegrini, Scuderia del Girasole, primo posto Eric Brigliadori, BF Motorsport, terzo posto Felice Jelmini, PMA Motorsport,
33/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
34/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR, vince gara 2

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR, vince gara 2
35/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
36/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
37/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
38/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
39/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
40/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
41/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR, davanti a Francesca Raffaele, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR, davanti a Francesca Raffaele, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
42/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR davanti a Damiano Reduzzi, Trico WRT, Hyundai i30 N TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR davanti a Damiano Reduzzi, Trico WRT, Hyundai i30 N TCR
43/46

Foto di: ACI Sport

Damiano Reduzzi, Trico WRT, Hyundai i30 N TCR davanti a Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR e al resto del gruppo

Damiano Reduzzi, Trico WRT, Hyundai i30 N TCR davanti a Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR e al resto del gruppo
44/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
45/46

Foto di: ACI Sport

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR

Eric Brigliadori, BF Motorsport, Audi RS 3 LMS TCR
46/46

Foto di: ACI Sport

condividi
commenti
TCR Italy: Azcona vince Gara 2, Brigliadori e Imberti Campioni

Articolo precedente

TCR Italy: Azcona vince Gara 2, Brigliadori e Imberti Campioni

Articolo successivo

Un'oasi nel paddock: ecco la nuova hospitality di Cupra-Girasole

Un'oasi nel paddock: ecco la nuova hospitality di Cupra-Girasole
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie TCR , TCR Italy
Evento Imola II
Sotto-evento Domenica
Location Imola
Piloti Eric Brigliadori
Team BF Motorsport
Autore Francesco Corghi