Caricasulo si stende e Razgatlioglu piazza il poker

Caricasulo si stende e Razgatlioglu piazza il poker

Anche ad Imola a spuntarla è il pilota turco, che precede la wild card Mercandelli e Tucci. Sfortunato Rinaldi

Neppure l'aria di casa di Imola ha permesso ai piloti italiani di fermare la striscia vincente di Toprak Razgatlioglu nell'Europeo Superstock 600, arrivata a quattro successi in altrettante gare disputate nella stagione 2015. Cinque se si conta anche il successo ottenuto lo scorso anno a Magny-Cours nella sua unica apparizione.

Il pilota turco del Puccetti Racing si è dovuto sudare questo successo fino all'ultima curva, ma poi Federico Caricasulo, che è stato il suo rivale più agguerrito, glielo ha praticamente servito su un piatto d'argento: i due sono entrati appaiati alla Rivazza, ma il pilota della Honda è andato largo, finendo ruote all'aria e vanificando tutti i suoi sforzi. Un errore grave, che lo ha fatto precipitare a 55 punti dal rivale in classifica.

Quella di Caricasulo però non è stata l'unica caduta di un certo peso, perché al quarto giro era stato sfortunatissimo anche Michael Ruben Rinaldi: il portacolori del San Carlo Team Italia era nella scia di Razgatlioglu alla Tosa, quando il turco ha patito una brutta imbarcata e con la ruota davanti gli ha tolto l'anteriore, facendo scivolare.

Ad approfittare dei loro ritiri sono stati quindi la wild card Roberto Mercandelli ed Andrea Tucci, che quindi sono andati a prendersi gli altri due posti disponibili sul podio. Tanti comunque gli italiani nelle posizioni di vertice, perché a seguire troviamo Nicola Morrentino, Stefano Casalotti e Luca Vitali.

Da segnalare anche la brutta caduta di cui è stato vittima Niki Tuuli alla Villeneuve, fortunatamente senza particolari consegueze dal punto vista fisico.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Superstock 600
Piloti Federico Caricasulo , Roberto Mercandelli , Toprak Razgatlıoğlu
Articolo di tipo Ultime notizie