Lorenzo Savadori trova il riscatto a Misano

Lorenzo Savadori trova il riscatto a Misano

Il pilota della Kawasaki vince una gara interrotta dalla bandiera rossa (Sandi è ok) e si rilancia in campionato

Lorenzo Savadori è riuscito a mettersi alle spalle la grande delusione di Imola, dove era stato costretto al ritiro quando era in fuga solitario, conquistando a Misano la sua prima affermazione stagionale nella Coppa del Mondo Superstock 1000. Un successo arrivato in una gara purtroppo accorciata dalla bandiera rossa provocata dalla caduta di Federico Sandi. Un incidente che ha regalato qualche attimo di apprensione, passato velocemente quando l'italiano si è rialzato senza grossi problemi. Per lui, che correva a Misano da wild card, comunque è stato un vero peccato perché in quel momento occupava il secondo posto con la sua BMW S1000RR, pur avendo un distacco importante dal leader Savadori. Ad approfittare del suo ko (la classifica è stata stilata al giro precedente, ma lui è stato escluso non essendo riuscito a riportare la moto ai box entro cinque minuti) è stato l'argentino Leandro Mercado, che quindi con la sua Ducati 1199 Panigale ha consolidato la sua leadership in classifica: ora "Tati" ha 14 lunghezze di margine su Savadori e sul compagno di squadra Ondrej Jezek, solo quarto alle spalle di Fabio Massei, che quindi sale nuovamente sul podio con la sua Ducati. La top five poi si completa con David McFadden, ma si merita un bravo anche Federico D'Annunzio, che ha portato al sesto posto la BMW S1000RR della FDA Racing. Più indietro invece gli altri piloti italiani: solamente l'Aprilia della wild card Kevin Calia ha artigliato ancora qualche punticino con il 12esimo posto finale.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Superstock 1000
Piloti Leandro Mercado , Lorenzo Savadori , Fabio Massei
Articolo di tipo Ultime notizie