WTCR
G
Salzburgring
11 set
Prossimo evento tra
36 giorni
G
Slovakia Ring
09 ott
Prossimo evento tra
64 giorni
WSBK
31 lug
Evento concluso
09 ago
SSP300 Gara 2 in
4 giorni
WRC
04 set
Prossimo evento tra
29 giorni
18 set
Prossimo evento tra
43 giorni
WEC
13 ago
Prossimo evento tra
7 giorni
W Series
G
Norisring
10 lug
Canceled
G
Brands Hatch
22 ago
Canceled
MotoGP
06 ago
Prossimo evento tra
15 Ore
:
16 Minuti
:
01 Secondi
Moto3
24 lug
Evento concluso
G
Brno
07 ago
Prossimo evento tra
1 giorno
Moto2
24 lug
Evento concluso
G
Brno
07 ago
Prossimo evento tra
1 giorno
IndyCar
17 lug
Evento concluso
07 ago
Postponed
Formula E
05 ago
Evento concluso
G
ePrix di Berlino II
06 ago
Prossimo evento tra
15 Ore
:
16 Minuti
:
01 Secondi
FIA F3
31 lug
Evento concluso
G
Barcellona
14 ago
Prossimo evento tra
8 giorni
FIA F2
31 lug
Evento concluso
G
Barcellona
14 ago
Prossimo evento tra
8 giorni
Formula 1 ELMS
17 lug
Evento concluso
G
Spa-Francorchamps
07 ago
Prossimo evento tra
1 giorno
DTM
14 ago
Prossimo evento tra
8 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
07 ago
Prossimo evento tra
1 giorno
11 set
Prossimo evento tra
36 giorni
GT World Challenge Europe Endurance
04 set
Prossimo evento tra
29 giorni

Faccani beffa Rinaldi in una gara condizionata dalla bandiera rossa

condividi
commenti
Faccani beffa Rinaldi in una gara condizionata dalla bandiera rossa
Di:
18 giu 2017, 15:15

Tamburini rompe e viene fermata la gara di Misano, dominata dal pilota Ducati. Alla ripartenza è l’alfiere della BMW a vincere. Delude Razgatlioglu.

Marco Faccani, Althea BMW Racing team
Marco Faccani, Althea BMW Racing Team
Michael Ruben Rinaldi,
Michael Ruben Rinaldi
Maximilian Scheib, Nuova M2 Racing
Maximilian Scheib, Nuova M2 Racing
Toprak Razgatlioglu, Puccetti Racing

Come perdere una gara già vinta. E’ quello che si deve essere chiesto Michael Ruben Rinaldi mentre rientrava nel parco chiuso con in mano il secondo posto. Qualcuno potrebbe rispondergli che così sono le corse ma potrebbe rischiare l’incolumità… Battute a parte, è innegabile che il portacolori del team Aruba Ducati non può essere soddisfatto.

Partito fortissimo, aveva fatto subito il vuoto tenendo costantemente lontano gli inseguitori. A quattro giri dalla fine il “fattaccio”: il motore della Yamaha di Tamburini si rompe lasciando una scia d’olio sul rettilineo prima della curva del Rio. C’è una sequenza di cadute, tra cui anche quella di Sandi, e probabilmente un po’ in ritardo la Direzione Gara espone la bandiera rossa.

Tutto da rifare per Rinaldi, con una mini-gara su cinque giri. Michael è di nuovo partito bene, ma nell’ultimo giro è stato riacciuffato da Marco Faccani. I due hanno dato vita ad un duello senza esclusione di colpi, che ha visto prevalere il pilota della BMW, un successo alla fine, se si considerano i soli i cinque giri, comunque meritato.

L’amaro calice è stato reso più dolce dal mezzo passo falso di Toprak Razgatlioglu. Il pupillo di Sofuoglu è apparso in affanno sin dalle prove ma nella prima dello stop era riuscito a dare maggiore continuità alla sua azione. Al secondo start ha iniziato invece subito a pasticciare, cercando improbabili attacchi e commettendo diversi errori che alla fine lo hanno portato a chiudere solo sesto, dietro a Marino, a Luca Vitali, autore di una grande prestazione, e al cileno Scheib, al secondo podio consecutivo.

Ora Rinaldi guida il campionato con un punto di vantaggio sul rivale turco. I due avranno tempo di ritemprare energie fisiche e mentali, una lunga pausa che li rivedrà in pista solo ad agosto in Germania al Lausitzring. E lì, siamo sicuri, se ne vedranno delle belle.

Superstock 1000 - Misano - Gara

Misano, Libere 1-2: Rinaldi davanti a tutti. Gli italiani fanno il vuoto

Articolo precedente

Misano, Libere 1-2: Rinaldi davanti a tutti. Gli italiani fanno il vuoto

Articolo successivo

Test conclusi per l’Aruba.it Racing Junior Team al Lausitzring

Test conclusi per l’Aruba.it Racing Junior Team al Lausitzring
Carica i commenti