Weekend da incorniciare per Mugelli a Vallelunga

Al pilota del Team BMW Dinamic è mancata solamente la vittoria sul tracciato capitolino

Weekend da incorniciare per Mugelli a Vallelunga
È mancata solo la vittoria per rendere indimenticabile questo fine settimana a Vallelunga, che comunque è stata positivo per Max Mugelli e per il Team BMW Dinamic, che da un lato ha consolidato il terzo posto nella classifica a squadre e dall’altro è riuscito a centrare il secondo posto nella classifica piloti con Giovanni Berton, grazie al decisivo aiuto di Max Mugelli, che ci racconta come è andato il fine settimana di gara (che lo ha visto secondo al traguardo in gara 1 e quinto in gara 2). "Fin dalla vigilia avevo dichiarato che a Vallelunga saremmo stati competitivi, e così in effetti è stato. Devo dire che sono rimasto sorpreso della competitività dell’Audi in un circuito sulla carta per loro non così favorevole come altri tracciati. Dopo le ininfluenti libere sull’umido, ho giocato tutte le mie carte in qualifica dove sono stato in pole position per buona parte del tempo a disposizione. L’unico piccolo rammarico del weekend è quello di non essere riuscito a sfruttare il secondo treno di gomme per il traffico e la rottura di un motore Mercedes mentre sopraggiungevo, mentre sono stati bravi Berton e Morbidelli che sono riusciti a trarre il massimo negli ultimi minuti a disposizione". "Gara 1 si è decisa al via", continua Max Mugelli. "Sono riuscito a scattare bene e ho ingaggiato un serrato duello con Morbidelli prima e con Liuzzi poi, riuscendo a conquistare e a mantenere la seconda posizione nei primi concitati giri, poi le posizioni si sono stabilizzate. Ero più veloce del mio compagno di squadra nel primo e nel terzo settore, mentre pagavo qualcosa nel secondo. Alla fine non potevamo rischiare di compromettere una grande doppietta e siamo arrivati al traguardo quasi in parata! Inoltre, proprio all’ultimo giro, Biagi è stato costretto a parcheggiare la vettura a bordo pista a causa di un guasto al propulsore, il che ha consegnato a Morbidelli il campionato e al mio compagno di squadra Berton la possibilità di lottare per il secondo posto". "In gara 2", ci spiega il pilota toscano, "sono partito bene e nei primi giri, se escludiamo Morbidelli che in quel frangente sembrava volare, sono stato il pilota più veloce in pista tanto da siglare come giro più veloce un 1'43" netto, migliore di sette decimi rispetto a quello del mio compagno di squadra. Pensando al campionato però, la mia scuderia mi ha chiesto di lasciare passare Berton e di rimanere davanti a Biagi, per dare proprio a Berton la possibilità di conquistare il secondo posto in classifica. Anche in gara 2 avrei potuto concludere a podio o lottare per vincere, ma ho preferito lavorare come uomo squadra per fare in modo che la scuderia festeggiasse un buon risultato a fine gare e così è stato". "Mi posso quindi ritenere complessivamente soddisfatto di come sono andate le cose a Vallelunga", conclude Max Mugelli. "È vero che non ho festeggiato sul gradino più alto del podio, ma ho avuto la conferma di potere essere al vertice di un campionato che quest’anno, nelle prime sei o sette posizioni, è stato uno dei più impegnativi in Europa. Desidero infine ringraziare tutto il team ed in particolare Maurizio Lusuardi per l’appoggio che non mi han mai fatto mancare durante la stagione: a differenza di altri team ad esempio, la nostra BMW non ha mai sofferto di alcun problema di carattere tecnico, che dipende non solo dalla bontà della vettura in sé ma soprattutto dal modo in cui viene gestita. Anche se è presto per parlarne, ci sono dunque le condizioni per potere toglierci delle belle soddisfazioni nel 2014!".
condividi
commenti
Morbidelli: "Risultato frutto del lavoro di squadra"
Articolo precedente

Morbidelli: "Risultato frutto del lavoro di squadra"

Articolo successivo

Francesca Linossi torna in Superstars a Franciacorta

Francesca Linossi torna in Superstars a Franciacorta
Carica i commenti