Chiesa e la Maserati continuano a stupire

La Quattroporte dello Swiss Team è stata la più veloce nel secondo giorno dei test di Vallelunga

Chiesa e la Maserati continuano a stupire

Si sono conclusi a Vallelunga, i due giorni di test ufficiali collettivi riservati alla Superstars Series e alla GTSprint International Series. A poco più di due settimane dal via della nuova stagione, con lo "start" in programma nel weekend del 9 e 10 aprile a Monza, alcuni dei team quest'anno presenti nelle due categorie hanno proseguito il lavoro di sviluppo già iniziato durante le sessioni private invernali.

La prima, importante, novità è stata quella della Maserati Quattroporte che lo Swiss Team ha affidato al pilota titolare Andrea Chiesa. La vettura della Casa del Tridente si è infatti confermata al "top", seppure abbia girato in completo assetto da qualifica, dopo che era stata la BMW del giovane "rookie" Alberto Cerqui a mettere tutti dietro alla conclusione delle due sessioni di mercoledì 23 marzo.

Chiesa ha completato in tutto una sessantina di tornate, fermando i cronometri sul migliore responso di 1'40"488 ottenuto nell'arco della mattinata. Alle sue spalle la Mercedes C63 AMG del team Romeo Ferraris su cui si sono alternati Max Pigoli (che ha completato solamente tre giri), Andrea Dromedari e Michela Cerruti.

Quest'ultima si è messa particolarmente in luce ottenendo il crono di 1'41"588, ma nessuno dei tre è stato presente nella sessione pomeridiana. Poco più indietro la Chevrolet Lumina CR8 della Motorzone Race Car (con Fabrizio Armetta alla guida) e la BMW M3 E92 di Cerqui. In evidenza, invece, tra le GTSprint le due Ferrari 430 della Edil Cris. A staccare il tempo più veloce di 1'34"454 fatto segnare nel pomeriggio è stato Federico Leo, mentre il portoghese Joao Ramos si è attestato sull'1'37"635.

condividi
commenti
Grande esordio per Cerqui nei test di Vallelunga
Articolo precedente

Grande esordio per Cerqui nei test di Vallelunga

Articolo successivo

Cerqui soddisfatto del lavoro svolto nei test

Cerqui soddisfatto del lavoro svolto nei test
Carica i commenti