Fiorani crede molto nel potenziale di Pirro

Fiorani crede molto nel potenziale di Pirro

"Potrebbe essere l'erede di Charpentier"

Nonostante queste prime gare siano state un pò deludenti, in casa Honda continuano ad esserci grandi aspettative intorno a Michele Pirro. Solo a Portimao il pilota italiano della Honda Ten Kate è riuscito a salire sul podio, ma c'è chi è pronto a scommettere che le difficoltà incontrate in questo avvio di stagione del Mondiale Supersport faranno spazio ad un futuro roseo. Ed il parere è di quelli pesanti, perchè è quello di Carlo Fiorani, che dal 2006 è il responsabile dell'attività racing di Honda Europe. Parliamo quindi di un manager che ha visto da vicino i trionfi iridati di Sebastien Charpentier, Kenan Sofuoglu ed Andrew Pitt in Supersport e di James Toseland in Superbike. Parlando con il sito ufficiale della Superbike si è sbilanciato abbastanza sul pilota pugliese: "Michele è un italiano diverso, perché è un pilota umile, disposto ad imparare e senza grilli per la testa. Si mette in discussione e ascolta molto ciò che gli si dice. In questi mesi ha fatto uno sforzo incredibile lavorando con una squadra straniera come quella di Ten Kate. In poco tempo è riuscito ad imparare la lingua inglese ed ora si relaziona al meglio con i tecnici. Altri colleghi italiani della sua età, in passato, non hanno avuto la stessa tenacia: in Honda abbiamo dovuto rinunciare a piloti azzurri molto promettenti solo a causa della lingua e questo fa onore a Pirro. Si sta dimostrando veloce ma in queste prime tre gare è stato sfortunato, tra problemi di gomme e tamponamenti subiti. Potrebbe essere l'erede di Charpentier".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Supersport
Piloti Michele Pirro
Articolo di tipo Ultime notizie