Caldarelli costretto al ritiro ad Autopolis

Un peccato per il pilota italiano che comunque ha mostrato dei progressi

Caldarelli costretto al ritiro ad Autopolis
Decisamente sfortunata la prova di Andrea Caldarelli in F. Nippon ad Autopolis. L'italiano del team Kondo è stato fermato, a dieci giri dalla fine, dalla benzina, insufficiente per premettergli di completare la gara. Scattato benissimo dalla quattordicesima piazzola in griglia, Caldarelli dopo il pit stop per il cambio gomme si è ritrovato al settimo posto. Dopo aver lottato e superato un avversario al nono giro, Andrea è stato avvertito dai box che a causa di un problema alla pompa di benzina doveva rientrare per rifornire nuovamente. Effettuata la seconda sosta Caldarelli è rientrato in pista undicesimo, girando sugli stessi tempi dei piloti a ridosso della Top-5, posizione che occupava già prima del rifornimento. Al quarantaquattresimo passaggio è però arrivato il ritiro per mancanza di carburante, che ha così vanificato un weekend potenzialmente positivo. Un vero peccato se si considerano in passi in avanti rispetto all'esordio di Suzuka, ma soprattutto il miglior tempo ottenuto nelle prove libere di domenica mattina, quando col bagnato, situazione che esalta le doti di guida del pilota a discapito di quelle della vettura, il pescarese aveva letteralmente annichilito gli avversari. Andrea Caldarelli: "Ad Autopolis ho raccolto meno di quanto mi sarei aspettato perché il potenziale dimostrato nelle prove libere dove ho ottenuto il miglior tempo era veramente altissimo. Purtroppo ancora non ho molta esperienza con le gomme Bridgestone che danno la possibilità di fare il tempo al primo giro, ed in qualifica ho pagato questa situazione con il quattordicesimo tempo. La corsa è partita sul bagnato e tutti avevano gomme rain, ma dopo pochi giri ho montato le slick ritrovandomi sesto. A metà gara però il mio team mi ha informato che avevamo avuto un problema al bocchettone, e sono dovuto rientrare ai box, scivolando undicesimo. I miei tempi una volta ripresa la corsa erano buoni, in linea con la Top-6, ma a dieci giri dalla fine ho finito la benzina e mi sono dovuto ritirare. Sono contento dei progressi che io e il team Kondo abbiamo fatto rispetto a Suzuka, e spero di poter continuare su questo trend anche al Fuji il 17 luglio".
condividi
commenti
Articolo successivo

Caldarelli finalmente al traguardo al Fuji

Caldarelli finalmente al traguardo al Fuji
Carica i commenti