Slalom: Yves Hängärtner stupisce davanti a Maurer ed Egli

La prima tappa del Campionato Svizzero di Slalom porta una nuova firma. Il pilota bernese della Tatuus-Honda non si è fatto beffare a Interlaken dai due rivali protagonisti lo scorso anno...

Slalom: Yves Hängärtner stupisce davanti a Maurer ed Egli
Marcel Maurer, Tatuus-Renault E2, Bödeli Racing
Daniel Mauerhofer, Norma M20F-Honda, Ecurie Basilisk
Jürg Beiner, Lancia Delta S4, MB Motorsport
Manuel Santonastaso, BMW 320 E21, RCU
Martin Bürki, VW Polo MB, MB Motorsport
Philip Egli, Dallara F394-Opel, Racing Club Airbag
Yves Hängärtner, Tatuus-Honda FM, Ecurie Biennoise, cockpit
Yves Hängärtner, Tatuus-Honda FM, Ecurie Biennoise, start
Albin Mächler, BMW M2, ACS

Veni, vidi, vici: Yves Hängärtner si è assicurato la prima tappa del Campionato Svizzero di Slalom, svoltasi nell’intero arco della giornata di sabato 8 aprile sull'aerodromo di Interlaken.

Al volante della Tatuus-Honda di Formula Master, il pilota capitolino ha dimostrato di essere già in piena forma durante le due prove generali, per poi confermarsi in vetta fino alla bandiera a scacchi.

“Già nei test ad Ambrì avevo capito di essere a mio agio con la vettura. Sapevo di potermi giocare le mie carte, anche se, ad essere sinceri, non mi aspettavo affatto la vittoria finale”, ha esordito il vincitore della prima tappa piacevolmente sorpreso. 

Una bella consolazione per il 41enne avvocato bernese, che va a cancellare le due sfortunate esperienze dello scorso anno negli Slalom con la Formula Renault, nelle quali aveva riscontrato parecchi problemi tecnici.

I due protagonisti della scorsa edizione, Philip Egli (Dallara-Opel, Formula 3) e Marcel Maurer (Tatuus-Renault, Formula Renault) hanno dovuto accettare la sconfitta ad opera di un irresistibile Hängärtner, inaferrabile nell’Oberland bernese.

“Il circuito di Interlaken ha privilegiato la potenza del motore Honda di Yves”, ha ammesso il terzo classificato. Quest’ultimo, veterano della categoria, guarda però con ottimismo verso le prossime tappe. “Ci sono ancora parecchie gare per ribaltare le sorti, e non vedo l'ora di correre di nuovo”.

Un problema alla frizione della Tatuus di Formula Master ha indotto Christian Balmer a tagliare il traguardo al quarto posto, portando a termine nel migliore dei modi una giornata iniziata in salita.

Albin Mächler, il più veloce pilota al volante di una Gran Turismo, si è piazzato alla settima posizione complessiva, collocandosi alle spalle di Daniel Mauerhofer e Didier Planchamp.

Il tre volte campione Bergmeister ha notevolmente incrementato la propria performance dopo un intervento all'elettronica della sua BMW M2 da 550 CV, riuscendo a spingersi oltre ai limiti che, solitamente, le vetture a ruote coperte comportano. 

È stata una giornata agrodolce per Jürg Beiner. Nelle prove generali ha saputo staccare il miglior tempo con la Lancia Delta S4, ma in gara ha dovuto arrendersi alla maggiore potenza degli avversari, terminando nei bassifondi della classifica.

Manuel Santonastaso (BMW 320) e il “maestro” Martin Bürki (Volkswagen Polo MB) hanno saputo fare meglio nella categoria E1. Il campione in carica, appunto Martin Bürki, si ritrova comunque a dover già a comandare la classifica alla prima di dieci tappe in programma.

La seconda gara del Campionato Elvetico di Slalom si terrà il 23 aprile a Frauenfeld, capitale del canton Turgovia.

 

Slalom Interlaken - Classifica Generale

Slalom Interlaken - Classifica generale 

Slalom Interlaken - Rennen Feld 1

Slalom Interlaken - Rennen Feld 2

Slalom Interlaken - Rennen Feld 3

Slalom Interlaken - Rennen Feld 4

Slalom Interlaken - Rennen Feld 4 (Porsche)

Slalom Interlaken - Rennen Feld 5

Slalom Interlaken - Rennen Feld 6

condividi
commenti
Slalom: ecco la... Lancia nella manica di Jürg Beiner

Articolo precedente

Slalom: ecco la... Lancia nella manica di Jürg Beiner

Articolo successivo

Slalom Frauenfeld: prova di forza per Philip Egli

Slalom Frauenfeld: prova di forza per Philip Egli
Carica i commenti