Slalom Romont: Maurer piazza la zampata e centra il tris

Il driver bernese alza la voce nella seconda corsa della giornata svolta nel Canton Friborgo, scalzando Philip Egli dal gradino più alto del podio. “Questa volta ho avuto anche un po' di fortuna, non come a Bière”.

Slalom Romont: Maurer piazza la zampata e centra il tris
Marcel Maurer, Tatuus-Renault E2, Autersa Racing
Marcel Maurer, Tatuus-Renault E2, Autersa RacingTeam
Philip Egli, Dallara F394-Opel Racing Club Airbag
Philip Egli, Dallara F394-Opel, Racing Club Airbag
Jean-Marc Salomon, Tatuus-Honda FM, Bossy Racing
Marcel Maurer e Philip Egli
Marcel Maurer, Autersa Racing Team
Laurent Missbauer, Porsche 911 GT3 RS 4.0
La ville médiévale de Romont
Le tracé de la course
Slalom de Romont, locandina 2017

Come la scorsa prova del Campionato nazionale di Slalom a Bière, anche la tappa di Romont non ha deluso le aspettative della vigilia. Le due corse di 2,9 km hanno visto i protagonisti sfidarsi infatti fino alle battute conclusive.

Al termine della prima delle due uscite, è stato Philip Egli (Dallara-Opel di Formula 3) a comandare la classifica precedendo Marcel Maurer (Tatuus-Renault Midland) e Jean-Marc Salomon (Tatuus-Honda Formula Master).

Grazie a una zampata nella seconda corsa, Maurer ha portato al limite il suo bolide fermando il cronometro sul 1’53’’934, il che gli ha dato anche il record della pista nel Canton Friborgo, valsogli il sorpasso decisivo e la conseguente prima posizione ai danni del secondo classificato Philip Egli.

Marcel ha centrato il terzo successo stagionale, prendendosi la rivincita personale dopo lo smacco di Bière, dove chiuse alla piazza d’onore.

“Sono molto soddisfatto della vittoria perché mi permette di riscattarmi dopo l’ultima prova. Contrariamente a quanto avvenuto nel Canton Vaud, questa volta sono stato anche fortunato perché non ho pagato a caro prezzi due piccoli errori commessi”, ha confessato il bernese felice. 

Philip Egli, autore di una sola vittoria stagionale a Frauenfeld, si è piazzato al secondo posto dopo una serratissima battaglia con Jean-Marc Salomon, terzo a soli cinque centesimi di distanza. Il duello mostrato dai “tre moschettieri” ha confermato l’elevato livello degli Slalom elvetici.

Didier Planchamp e Marc Zimmermann (entrambi su Tatuus-Renault) non hanno saputo scendere sotto i due minuti, chiudendo ai piedi del podio in quarta e rispettivamente quinta posizione.

Dove era Hängartner? Questa la domanda che tutti gli appassionati accorsi a Romont si sono fatti. Il vincitore delle manche di Interlaken e Bure non ha potuto prendere parte alla sesta tappa del campionato a causa di un guasto all’acceleratore della sua monoposto di Formula Master.

“Quando ero ormai già sulla strada di casa, la giuria mi ha telefono dicendo che avrei potuto partecipare. Poco simpatico da parte loro”, ha commentato Yves ironizzando sull’accaduto.

Tuttavia, il bernese non dovrebbe prendere più parte a nessuna delle quattro tappe mancanti, in quanto ha venduto la Tatuus-Honda S2000 a un cliente e ha già focalizzato i pensieri su un altro tipo di progetto agonistico.

Slalom Romont - Classifica generale

Swiss Slalom Championship - standings after 6 rounds

condividi
commenti
Slalom Bière: Martin Bürki pigliatutto anche nel Vaud!

Articolo precedente

Slalom Bière: Martin Bürki pigliatutto anche nel Vaud!

Articolo successivo

Slalom Romont: Martin Bürki fa il cannibale davanti a Wittwer

Slalom Romont: Martin Bürki fa il cannibale davanti a Wittwer
Carica i commenti