Slalom Ginevra: fortuna e sorrisi per Marcel Maurer

Il driver bernese trionfa nell’affascinante corsa al Palexpo, grazie anche a circostanze favorevoli. Philip Egli è un fulmine con la Dallara-Opel di F.3, ma paga a caro prezzo un errore alla porta 56.

Slalom Ginevra: fortuna e sorrisi per Marcel Maurer
Philip Egli, Dallara F394-Opel, Racing Club Airbag
Philip Egli, Dallara F394-Opel, Racing Club Airbag
Marcel Maurer, Tatuus-Renault E2, Autersa Racing Team
Marcel Maurer, Tatuus-Renault E2, Autersa Racing Team
Marcel Maurer, Tatuus-Renault E2, Autersa Racing Team
Yannick von Siebenthal, Jema B10 Evo TDS, Gruyère Racing Team
Yannick von Siebenthal, Jema B10 Evo TDS, Gruyère Racing Team
Marc Zimmermann, Tatuus-Renault
Marcel Maurer, Tatuus-Renault E2, Autersa Racing Team
Philip Egli, Dallara F394-Opel, Racing Club Airbag

Si è svolto nel fine settimana dell’8 e 9 luglio l’ottavo appuntamento del Campionato Svizzero di Slalom all’interno del suggestivo Palexpo di Ginevra, sede del celebre Salone dell’Automobile che si tiene ogni anno nel mese di marzo.

Con una media di poco più di 80 chilometri orari, il percorso allestito risulta essere il meno “veloce” della stagione, ma la sua peculiarità di itinerario lo rende probabilmente la tappa più suggestiva dell’intero palinsesto stagionale.

La partenza e le prime porte si trovano all’interno dei padiglioni 4 e 5 del Palexpo. La pista, lunga 2,65 chilometri, prosegue all’esterno, per poi terminare nel parcheggio numero 49.

Le avverse condizioni meteorologiche hanno reso ancor più ardua la trasferta in riva al lago Lemano dei protagonisti. Se durante le prove mattutine i piloti hanno potuto testare il percorso con l’asfalto asciutto, diverse sono state le condizioni con le quali i 61 concorrenti hanno dovuto affrontare la prima delle due manche. 

Sotto la pioggia ginevrina è stato Marcel Maurer con la consueta Tatuus-Renault E2 il pilota più veloce del gruppo d’appartenenza, riuscendo a fermare il cronometro sul tempo di 1’58’’365 e mettendosi alle spalle Philip Egli (Dallara-Opel di Formula 3).

Martin Bürki ha saputo fare meglio su un tracciato che si addiceva perfettamente alla sua Volkswagen Polo, ma una penalità inflitta nel corso della seconda corsa ha relegato il driver bernese alla piazza d’onore assoluta alle spalle del mattatore finale.

La fortuna di Maurer non è finita qui. Nel Gruppo E2 anche Philip Egli (Dallara F394-Opel) è riuscito a scendere sotto i due minuti, risultando addirittura più veloce di Marcel (1’57’’400), ma il mancato ingresso a una porta del tracciato ha cancellato il driver di Rombach dall’ordine di arrivo della seconda gara.

 

“Per me il vincitore morale della categoria è lui”, ha ammesso uno sportivissimo Marcel Maurer.

“Durante una curva a sinistra ho perso leggermente il controllo della vettura, il che mi ha fatto mancare la porta numero 56”, ha spiegato Philip Egli ai microfoni di Motorsport.com Svizzera.

Un buon riferimento cronometrico e una buona dose di fortuna dettata dalle circostanze hanno permesso a Marcel Maurer di aggiudicarsi per la prima volta in carriera la particolare corsa di Ginevra. 

Philip Egli, con un solo tempo tenuto valido, si è dovuto accontentare dalla quinta posizione assoluta alle spalle di tre piloti della Classe Turismo.

La terza vittoria stagionale di Marcel Maurer, dopo i trionfi di Saanen e di Romont, gli garantirà certamente un posto tra i primi tre al termine della stagione.

Il terzo posto nella categoria riservata alle vetture Turismo appartiene a Yannick von Siebenthal (Jema Evo TDS) davanti a Marc Zimmermann e Didier Planchamp, al volante delle rispettive Tatuus-Renault.

Sabrina Pierroz (Arcobaleno Formule Europe) ha chiuso in quinta posizione nella categoria d’appartenenza, la E2 SS.

Slalom Ginevra - Classifica generale

Slalom Ginevra - Classifica per categoria 

condividi
commenti
Slalom Chamblon: Martin Bürki imprendibile nella Classe E1.

Articolo precedente

Slalom Chamblon: Martin Bürki imprendibile nella Classe E1.

Articolo successivo

Martin Bürki: “Piano piano intravvedo il traguardo...”

Martin Bürki: “Piano piano intravvedo il traguardo...”
Carica i commenti