WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
Moto3
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
Moto2
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
Formula E
23 nov
-
23 nov
Evento concluso
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
41 giorni
FIA F2
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
Formula 1
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
ELMS
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
WTCR
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
13 dic
-
15 dic
Prossimo evento tra
6 giorni

La CSN replica: “Misure adottate per la sicurezza dei piloti”.

condividi
commenti
La CSN replica: “Misure adottate per la sicurezza dei piloti”.
Di:
6 feb 2018, 08:01

La Commissione Sportiva Nazionale chiarisce le nuove normative LOC, che hanno portato all’annullamento della tappa del Palexpo. “Come per ogni cosa ci sono sostenitori e detrattori, ma con la sicurezza non si scherza”.

Josef Koch, Opel Kadett C, MST Zentralschweiz
Albin Mächler, BMW M2, ACS
Danny Krieg, Porsche 997 GT3 Cup, Equipe Bernoise
Henri Schmidt, Formula Renault Epsilon Caparo, Ecurie des Ordons, 1. Rennlauf
Jean-Marc Salomon, Tatuus-Honda FM, Ecurie des Ordons, 2. Training
Jürg Ochsner, Opel Kadett C, RCU
Jürg Beiner, BMW M3 GTR, MB Motorsport
Peter Niederer, Opel Kadett C, RCU, 2. Manche
Fabrizio Ceresa, Porsche 997 GT3 Cup, Squadra Corse Quadrifoglio, 1. Prove
Jean-Marc Salomon, Tatuus-Honda FM, Ecurie des Ordons, 1. Prove
Martin Bürki, VW Polo MB, MB Motorsport
Patrick Flammer, Suzuki Swift Evo, Flammer Speed Team
Yannick von Siebenthal, Jema B10 Evo TDS, Gruyère Racing Team
Didier Planchamp, Tatuus-Renault E2, Chablais Racing Team
Sabrina Pierroz, Formula Arcobaleno Europa, Ecurie 13 Etoiles
Jean-Marc Salomon, Tatuus-Honda FM, Bossy Racing
Jeremy Noirat, TracKing RC01, Ecurie des Ordons
Philip Egli, Dallara F394-Opel, Racing Club Airbag

Ha destato scalpore il clamoroso annullamento dello Slalom di Ginevra, in origine in palinsesto il 1 e 2 settembre presso il Palexpo dell'importante città della Svizzera francese.

Dopo Saanen, un altro importante appuntamento del motorsport elvetico ha dovuto infatti chiudere baracca e burattini. A fare chiarezza su quanto deciso ha pensato il Comitato Sportivo LOC, diretto da Daniel Lenglet, in collaborazione col Comitato Circuiti e Sicurezza, capeggiato da Roland Piquerez.

Attraverso il sito ufficiale dell’Auto Sport Schweiz, il LOC ha risposto punto per punto agli organizzatori dello Slalom di Ginevra, i quali non hanno nascosto la delusione per “non essere stati avvisati con anticipo”.

 

Nel comunicato si legge che “in accordo con la Commissione Sportiva Nazionale (CSN), il LOC ha discusso la variazione del regolamento 2018, e delle venture stagioni, durante una riunione svoltasi nel marzo 2017 a Bulle”, specificando che nessun membro del comitato dello Slalom di Ginevra ha presenziato all’incontro.

Agli organizzatori della quinta edizione della prova d’abilità romanda è stato inoltre risposto che “le misure adottate e le nuove normative sono state accettate e giudicate approvabili dalla maggior parte dei comitati organizzativi”.

Il LOC ha infine ribadito e meglio chiarito le nuove normative:

Indumenti ignifughi e/o non infiammabili

I piloti sono tenuti obbligatoriamente a indossare degli indumenti resistenti al fuoco secondo la normativa FIA 8856-2000 (Per gli Slalom, biancheria intima, sottocasco, guanti e scarpe sono a discrezione del pilota).

La CSN ha inoltre decretato che il tipo di tuta indossata dai conduttori deve essere omologata secondo i parametri FIA-1986, secondo i quali deve essere applicata un’etichetta che certifica ad altezza collo la resistenza al fuoco del tessuto.

Alcuni piloti possiedono indumenti datati non consoni agli standard di sicurezza di oggigiorno. La Commissione Sportiva Nazionale specifica che, se i piloti spendono ogni anno migliaia di franchi svizzeri per lo sviluppo e il mantenimento dei rispettivi veicoli, è altrettanto importante investire nella sicurezza.

 

Piloti con passaporto o licenza svizzera

La partecipazione a eventi LOC è destinata unicamente a piloti in possesso del passaporto rossocrociato o la licenza di conduttore della Svizzera e/o del Liechtenstein. Il nome SportLOCal è esplicativo e non vuole escludere la partecipazione di piloti stranieri, bensì renderli attivi nella convalida di una licenza valida.

Sul piano giuridico, l’Auto Sport Schweiz sarebbe tenuta a revocare la concessione di licenze giornaliere, ma per il bene e lo sviluppo del motorsport svizzero ritarda la messa in atto della normativa.

Veicoli con targhe straniere

Non saranno ammesse vetture che disporranno di targhe straniere. Variando le regole da nazione a nazione, non è di fatto possibile verificare le disposizioni tecniche di vetture estere.

Controllo della vettura

Sarà il concorrente, o il team d’appartenenza, a doversi fare carico del controllo del rispettivo veicolo in conformità con la legislazione elvetica. I membri del comitato organizzativo della corsa provvederanno unicamente a controllare che cinture di sicurezza, sedili, estintori, airbag, eccetera, siano in linea con il regolamento in vigore.

Ogni modifica di regolamento ha detrattori e no. Ma a seguito di quanto verificatosi nel corso della passata stagione, la CSN intende dare priorità assoluta alla sicurezza di piloti e spettatori.

 
Articolo successivo
Colpo di scena: lo Slalom di Ginevra è stato annullato!

Articolo precedente

Colpo di scena: lo Slalom di Ginevra è stato annullato!

Articolo successivo

Philip Egli punta ad una quarta vittoria consecutiva a Bure

Philip Egli punta ad una quarta vittoria consecutiva a Bure
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Slalom Svizzera
Evento Ginevra
Autore Riccardo Didier Vassalli