WTCR
G
Salzburgring
11 set
-
13 set
Prossimo evento tra
56 giorni
G
Slovakia Ring
09 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
84 giorni
WSBK
31 lug
-
02 ago
Canceled
31 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
14 giorni
WRC
04 set
-
06 set
Prossimo evento tra
49 giorni
G
Rally di Turchia
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
69 giorni
WEC
13 ago
-
15 ago
Prossimo evento tra
27 giorni
W Series
G
Norisring
10 lug
-
11 lug
Canceled
G
Brands Hatch
22 ago
-
23 ago
Canceled
MotoGP
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
19 Ore
:
46 Minuti
:
44 Secondi
G
GP di Andalusia
24 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
7 giorni
Moto3
G
Kymi Ring
10 lug
-
12 lug
Canceled
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
19 Ore
:
46 Minuti
:
44 Secondi
Moto2
G
Kymi Ring
10 lug
-
12 lug
Canceled
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
19 Ore
:
46 Minuti
:
44 Secondi
IndyCar
10 lug
-
12 lug
Canceled
G
16 lug
-
18 lug
Evento in corso . . .
Formula E
G
ePrix di Berlino I
05 ago
-
05 ago
Prossimo evento tra
19 giorni
G
ePrix di Berlino II
06 ago
-
06 ago
Prossimo evento tra
20 giorni
FIA F3
10 lug
-
12 lug
Evento concluso
G
Hungaroring
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
19 Ore
:
46 Minuti
:
44 Secondi
FIA F2
10 lug
-
12 lug
Evento concluso
G
Hungaroring
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
19 Ore
:
46 Minuti
:
44 Secondi
Formula 1
10 lug
-
12 lug
Evento concluso
ELMS
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
19 Ore
:
46 Minuti
:
44 Secondi
G
Spa-Francorchamps
07 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
21 giorni
DTM
G
Spa-Francorchamps
01 ago
-
02 ago
Prossimo evento tra
15 giorni
14 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
28 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
07 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
21 giorni
11 set
-
13 set
Prossimo evento tra
56 giorni
GT World Challenge Europe Endurance
04 set
-
06 set
Prossimo evento tra
49 giorni

Les Paccots: un campione annunciato e un secondo inatteso…

condividi
commenti
Les Paccots: un campione annunciato e un secondo inatteso…
Di:
Tradotto da: Riccardo Didier Vassalli
28 set 2017, 12:11

L’edizione 2017 della Coppa Svizzera della Montagna porta la firma di Giuliano Piccinato, al secondo titolo nazionale dopo il successo del lontano 1993. Alain Pfefferlé secondo a sorpresa con la storica Porsche 935.

Stephan Burri, VW Polo, Autersa Racing, 1. Manche
Thomas Andrey, Peugeot 405 Mi16, Racing Club Airbag, 1. Manche
Thomas Andrey, Peugeot 405 Mi16, Racing Club Airbag, 2. Manche
Thomas Andrey, Racing Club Airbag
Sébastien Coquoz, Opel Kadett C, 1. Manche
Ruedi Fuhrer, Honda CRX F20, MB Motorsport, Equipe Bernoise, 1. Manche
Martin Bürki, VW Polo MB, MB Motorsport. 1. Manche
Patrick Vallat, VW Golf 16V, Ecurie des Ordons, 2. Manche
Jürg Ochsner, Opel Kadett C, RCU
Classe Super Serie 2000
Giuliano Piccinato, Honda Integra, Ecurie Basilisk, 1. Manche
Giuliano Piccinato, Ecurie Basilisk
Giuliano Piccinato, Ecurie Basilisk
Giuliano Piccinato, Honda Integra, Ecurie Basilisk
Alain Pfefferlé, Porsche 935 Turbo
Alain Pfefferlé, Porsche 935 Turbo
Alain Pfefferlé, Porsche 935 Turbo
Alain Pfefferlé
Thomas Andrey, Peugeot 405 Mi16, Racing Club Airbag
Stephan Burri, VW Polo, Autersa Racing,
Sébastien Coquoz, Opel Kadett C
Ruedi Fuhrer, Honda CRX F20, MB Motorsport, Equipe Bernoise
Martin Bürki, VW Polo MB, MB Motorsport
Jürg Ochsner, Opel Kadett C, RCU

Scongiurata la possibilità di non raggiungere il numero minimo (quattro) di partecipanti necessario all’assegnazione del punteggio pieno nella categoria Super Série 2000, la palla è passata nelle mani di un nervoso Piccinato, chiamato a vincere nuovamente per laurearsi campione nella Coppa Svizzera della Montagna. “Ero agitato come non mai”, la sintetica dichiarazione di Giuliano.

Nel 2015, il 54enne garagista di Bättwil si dovette accontentare della seconda posizione alle spalle di Martin Bürki nella competizione riservata a vetture storiche e di minore cilindrata.
La scorsa stagione, invece, ha partecipato al Campionato Svizzero di Slalom con una Caterham.

Tornato a competere nelle Corse di Velocità in Salita nella corrente stagione, a bordo di un’Honda Type R collaudata (del 2000 e con 80.000 chilometri alle spalle), Piccinato ha sempre saputo di possedere le carte in regola per trionfare. Missione completata grazie a sette vittorie in altrettante corse, due delle quali assegnate con metà punteggio. 

Si tratta del secondo titolo nazionale per Giuliano dal 1993, quando si impose nel Campionato Svizzero riservato a vetture di serie al volante di una Suzuki Swift. 

Ci ha creduto sino alla fine Alain Pfefferlé, il quale sperava in un passo falso di Piccinato che gli avrebbe consegnato il titolo clamorosamente, avendo iniziato il campionato alla Ayent-Anzère con tre corse di ritardo rispetto agli avversari, a bordo della sua storica Porsche 935.

Grazie a dei rilievi cronometrici da battimano, il 64enne vallesano ha trionfato nel Gruppo H in cinque occasioni. Solo alla Saint Ursanne-Les Rangiers ha visto dimezzarsi il punteggio a causa dell’assenza dell’amico Nicolas Bührer (BMW M1).

“Non mi sono preoccupato più di tanto per il campionato. Corro per puro piacere cercando di essere veloce come ai vecchi tempi, o addirittura più veloce”, esordisce l’esperto pilota. Dopo la quinta vittoria a Les Paccots, Alain ha chiuso all’ottavo posto assoluto e in seconda posizione nella Coppa Svizzera della Montagna. Con la stessa vettura, Pfefferlé ha trionfato nella competizione nella combinata dal 1999 al 2001. 

Passato dal Gruppo IS all’E1 poco prima della chiusura delle iscrizioni, Stephan Burri (VW Polo) ha tentato il tutto per tutto per cercare di salire sul gradino più basso del podio, evitando così di lottare con l’imbattibile Martin Bürki (VW Polo) in IS 1600.

Burri ha quindi dominato nel girone E1 1600, risultando oltretutto più rapido dei rivali, ostacolato dalle condizioni meteorologiche avverse.

Grande sorpresa al momento della pubblicazione dei risultati: Burri risultava primo in IS 1600 davanti a Bürki, dopodiché si è verificato un colpo di scena. L’Auto Sport Svizzera ha successivamente modificato le classifiche di IS 1600 e E1 1600, specificando che si era trattato di un errore di comunicazione. 

Grazie ai 20 punti incamerati, Burri si è quindi piazzato al terzo posto con un solo punto di vantaggio nei confronti di Philipp Krebs. Sfortunatamente, l’ultima corsa a Les Paccots non era programmata per la Coppa Renault Classic, costringendo Krebs e Denis Wolf a scivolare ai piedi del podio dopo che, alla vigilia dell’ultimo atto, occupavano la seconda posizione in coabitazione con Piccinato e Burri.

Chiarita la posizione di Burri, Beat Oertig (Peugeot 106 Maxi) ha primeggiato nella Classe E1 1600 davanti alla VW Golf di Sylvain Chariatte. Olivier Jeanneret, che è risultato il più rapido dei tre, è stato costretto al ritiro a causa di un guasto al cambio della sua Golf 16S. 

Se nella prima tornata, Sébastien Coquoz (Opel Kadett) ha saputo imporsi di 14 millesimi di secondo sulla Honda CRX F20, il pilota di Brienz (Canton Berna) si è dimostrato più rapido di tutti nella seconda manche sotto la pioggia, riuscendo a vincere nella categoria d’appartenenza. Coquoz si è classificato in seconda posizione davanti alla Renault Clio del basilese Frédéric Leuenberger.

Grande gioia per Thomas Andrey (Peugeot 406 Mi16 di Thierry Eggerstwyler), nettamente più veloce del leader Patrick Vallat durante la terza e ultima sessione. In virtù dell’addizione dei riferimenti cronometrici, quest’ultimo è rimasto in testa alla classifica davanti al friborghese.

Immenso rammarico per Jürg Ochsner. La quarta vittoria in IS 2000 avrebbe permesso allo scalatore di Oberhallau di giungere in seconda posizione alle spalle di Giuliano Piccinato. Tutto in ordine al termine della prima corsa, nella quale ha rifilato 45 millesimi ad Andrey e quasi un secondo su Vallat.

La pioggia caduta durante la seconda e la terza sessione ha ridotto ai minimi termini le possibilità di un piazzamento sul podio per Jürg, che si è dovuto accontentare della sesta posizione finale nella Coppa Svizzera della Montagna. 

Châtel Saint Denis-Les Paccots - Classifica Classi

Swiss Hillclimb Cup - standings after 7 rounds (Final) 

Articolo successivo
Daniel Wittwer: “Non so che cosa sarà della mia carriera”

Articolo precedente

Daniel Wittwer: “Non so che cosa sarà della mia carriera”

Articolo successivo

La cronoscalata di Massongex unico cambiamento del CSM 2018!

La cronoscalata di Massongex unico cambiamento del CSM 2018!
Carica i commenti