TT 2018, Sidecar Gara 2: Ben e Tom Birchall riscrivono la storia

condividi
commenti
TT 2018, Sidecar Gara 2: Ben e Tom Birchall riscrivono la storia
Di: Daniela Piazza
08 giu 2018, 13:36

I fratelli di Mansfield bissano il successo di Gara 1 e conquistano la loro ottava vittoria sull’Isola di Man, frantumando tutti i record

Ben e Tom Birchalls sono riusciti a compiere un’altra impresa incredibile sullo Snaeffell Mountain Course.

In Gara 2, il duo del Nottinghamshire ha conquistato la sua quinta vittoria consecutiva al Tourist Trophy stabilendo record di gara e di velocità, dopo aver abbattuto il muro dei 19 minuti, per la prima volta nella storia dei sidecar.

Una performance strabiliante che va a bissare il trionfo in Gara 1, in cui i fratelli britannici avevano battuto John Holden e Lee Cain con 47”1 di vantaggio, demolendo il proprio record sul giro in ciascuna delle tre tornate di gara, arrivando a toccare la media delle 118.694 miglia orarie, che fino ad oggi segnava il record di velocità nella categoria.

Dopo il dominio di sabato, ci si attendeva un altro grande successo dei Birchalls, ma l’avvio della gara è stato meno scoppiettante del previsto.

Nel giro di apertura sono stati John Holden e Lee Cain i primi a transitare a Glen Helen, completando il primo settore in 04’52”913, con 1”444 di vantaggio su Ben e Tom, secondi davanti a Tim Reeves e Mark Wilkes. Rimasti in scia fino a Ramsey, dove il gap dalla vetta era di 1”651, a Mountain i fratelli Birchalls hanno rotto gli indugi e sono passati al comando, concludendo la prima tornata alla media di 117.185mph, con un margine di 1”891 su Holden e Cain.

Ma è stato nel secondo passaggio che il duo britannico ha iniziato a fare sul serio, compiendo il suo capolavoro: un giro incredibile in cui ha coperto le 37.7 miglia dello Snaeffell in 18’59”018, alla folle media di 119.250 mph, nuovo record di velocità per la categoria dei sidecar.

Un passaggio che è valso ai fratelli Birchalls un margine di 15”149 su Holden e Cain, che hanno chiuso il giro tenendo una media di 117.878 mph, seguiti a 7”061 da Reeves e Wilkes, anch’essi oltre il muro delle 117 miglia (117.729mph), dopo aver fatto segnare alla speed trap di Sulby il picco delle 151.1 mph.

Iniziato il terzo giro con le posizioni di vertice ormai consolidate, i Birchalls hanno continuato a incrementare il gap, tagliando il traguardo alla media di 118.427 miglia orarie con 22”920 di vantaggio sui secondi classificati Holden e Cain. Terzo gradino del podio per Tim Reeves e Mark Wilkes, al suo secondo anno come passeggero, mentre in quarta posizione hanno chiuso Alan Founds e Jake Lowther.

Gara sfortunata per il duo composto da Dave Molyneux e Daniel Sayle, che per problemi nel terzo giro è stato costretto a fermarsi a Sulby Brige, cedendo la quinta piazza a Lewis Blackstock e Patrick Rosney.

Prossimo articolo Road racing

Su questo articolo

Serie Road racing
Evento Isle of Man TT
Autore Daniela Piazza
Tipo di articolo Gara