TT 2018: l'Isola di Man piange il suo Dan Kneen

condividi
commenti
TT 2018: l'Isola di Man piange il suo Dan Kneen
Michele Salvatore
Di: Michele Salvatore
30 mag 2018, 21:16

Il mannese, 30 anni, è morto in seguito alle ferite riportate nell'incidente di Churchtown, la prima collisione che ha sconvolto questo quarto turno di prove.

Dan Kneen
Dan Kneen
Dan Kneen
Dan Kneen
Dan Kneen, BMW
Dan Kneen, BMW
Rico Penzkofer, Dan Kneen, Alessandro Polita e Danny Webb

Sullo stradale dell'Isola di Man non corrono solo i centauri che, a gas sempre spalancato, affrontano muretti, tombini e marciapiedi. Accanto a loro corre sempre la morte, "compagna di squadra" temuta, ma tacitamente sfidata. I piloti lo sanno, la accettano ed è questa la cosa più difficile da capire per chi segue questa corsa.

La morte è tornata sul Mountain per prendersi uno dei figli dell'Isola, Dan Kneen, nato nella città di Onchan, a pochi chilometri da Douglas, lasciando la sua famiglia e la compagna Leanne nel dolore più totale. L'incidente fatale è subito dopo l'inizio delle qualifiche della Superbike, nel primo giro. Il mannese ha perso il controllo della sua BMW nei pressi di Churchtown, punto molto veloce, dopo lo speed trap di Sulby e prima di Ramsey, andandosi a schiantare contro un albero, che ha preso fuoco dopo l'impatto.

Le bandiere rosse sono state sventolate immediatamente, ma non sono servite ad evitare una seconda tragedia, la collisione a Ballacrye tra un concorrente in gara e una delle macchine dei commissari che si stava dirigendo verso il luogo dell'incidente. Questo pilota è stato subito portao all'ospedale di Nobels, ma sulle sue generalità e sulle sue condizioni di salute, vige l'assoluto riserbo.

L'esordio nelle corse su strada di Dan Kneen è avvenuto nel 2008, al Manx GP, quando stupì tutti vincendo 3 gare nelle classi Junior, Newcomers C e Ultra Lightweight.

Il suo risultato migliore al TT è il terzo posto conquistato nella gara della Superstock dell'anno scorso, sulla BMW del team Penz13.com. Le prestazioni della stagione 2017 gli sono valse la chiamata del Team Tyco, per sostituire Hutchinson e completare la line up assieme a Michael Dunlop per tutto il 2018.

Far parte di uno dei team più attrezzati e avere come compagno di squadra una leggenda vivente, ha spinto Dan a dare il massimo davanti al pubblico di casa. Aveva voglia di ripetersi, di migliorare il podio dell'anno scorso come dimostra il 17:06.994″ a 132,258 mph di media fatto registrare ieri, uno dei giri più veloci registrati nelle prove cronometrate svolte fino ad oggi.

Purtroppo, adesso, il suo nome allunga il macabro elenco dei piloti morti 256 dal 1911... E domani l'Isola onorerà la memoria del figlio perduto nell'unico modo che conosce: lasciando correre gli altri riders. 

Articolo successivo
TT 2018: due incidenti gravi fermano la sessione di qualifiche

Articolo precedente

TT 2018: due incidenti gravi fermano la sessione di qualifiche

Articolo successivo

TT 2018: Steve Mercer è il pilota coinvolto nel secondo incidente

TT 2018: Steve Mercer è il pilota coinvolto nel secondo incidente
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Road racing
Evento Isle of Man TT
Piloti Dan Kneen
Autore Michele Salvatore
Tipo di articolo Ultime notizie