Honda, nuova line up: Hutchinson e Johnston in sella alla Fireblade

Squadra rivoluzionata per la stagione 2018 delle corse su strada. La "1000" del Sol Levante va a caccia del suo primo successo con una nuova coppia di alfieri.

Honda, nuova line up: Hutchinson e Johnston in sella alla Fireblade
Ian Hutchinson e Lee Johnston, Honda Racing
Ian Hutchinson e Lee Johnston, Honda Racing
Ian Hutchinson e Lee Johnston, Honda Racing
Ian Hutchinson e Lee Johnston, Honda Racing

In reazione a un 2017 da dimenticare, Honda Racing risponde con una line up completamente rinnovata in vista della stagione 2018. Sulla CBR1000RR Fire Blade SP2 saliranno Ian Hutchinson e Lee Johnston, per lanciare l'attacco nelle classi SBK e STK1000 alla North West 200, Tourist Trophy e Ulster GP.

Si tratta di un ritorno per "Bingley Bullet". Fu proprio con la Fireblade del team Padgetts, che il 16 volte vincitore del TT conquistò i 5 storici successi nell'edizione 2010 della road race dell'Isola di Man. Honda cerca disperatamente la prima vittoria per la nuova moto, primato mancato nonostante gli sforzi (e soprattutto per gli incidenti occorsi a McGuinness e Guy Martin) e per farlo si è affidato a uno dei piloti più forti in circolazione. Hutchy ha rischiato tantissimo nell'ultimo TT, procurandosi una frattura alla gamba in seguito all'incidente di cui è stato protagonista al Senior e senza dubbio la voglia di rivincita, sulla sorte e sul Dunlop, è tanta.

"Non vedo l'ora di cominciare", ha dichiarato Hutchinson. "È una nuova sfida e un nuovo inizio per me. Ho dei bei ricordi legati alla Honda, quando ho guidato la Fireblade tra il 2009 e il 2010 con il Team Padgetts, grazie alla quale vinsi 5 gare in una settimana al TT. Non sono ancora salito sulla nuova SP2 e non vedo l'ora di conoscerla durate la prima sessione di test prevista per l'anno prossimo. Honda ha tanta esperienza al TT, la loro storia e i loro successi parlano da soli. E' bello vedere che qui lavorano ancora molte persone che ho conosciuto in passato, sono sicuro che l'anno prossimo mirare in alto, per trovarci dove meritiamo di essere".

L'altro asso ingaggiato da Honda è Lee Johnston. Soprannominato "The General", ha esordito alla NW200 nel 2008 per poi apparire per la prima volta sulle strade dell'Isola di Man nel 2012. Anche per lui non è un debutto assoluto sulla moto giapponese, perché riserva del team Honda Endurance Racing per la 24 Ore di le Mans.

"Sono contentissimo di correre per Honda Racing il prossimo anno", ha raccontato. "Ho passato due anni molto difficili ed ora è molto bello vedere che tutto è organizzato e pianificato, devo solo preoccuparmi di guidare, senza distrazioni. La SP2 l'ho già guidata a Le Mans, quando sono stato riserva del team Honda Endurance Racing, quindi un'idea da dove cominciare il prossimo anno ce l'ho. Mi piace guidare la CBR, non vedo l'ora che i test di marzo inizino."

E il team manager Jonny Twelvetrees, non può che essere più soddisfatto di così: "Sono felice di aver ingaggiato Hutchy e Lee per il 2018. Per Ian parlano i suoi record e non vedo l'ora che salga sulla SP2: grazie alla sua esperienza passata sulla Fireblade, sono sicuro che non ci vorrà troppo tempo prima che inizi a spingere per darci i feedback di cui abbiamo bisogno. Lee mi ha sempre impressionato, è chiaramente un talento. La squadra, la Fireblade SP2, i piani che abbiamo per la stagione, tutto c'ho che ho attorno mi da sensazioni positive. Non vediamo l'ora di lavorare insieme per mostrare a tutti il nostro potenziale."

condividi
commenti
GP di Macao: la vittoria triste di Glenn Irwin
Articolo precedente

GP di Macao: la vittoria triste di Glenn Irwin

Articolo successivo

La FMI mette fuori gioco le road races negando la licenza ai piloti!

La FMI mette fuori gioco le road races negando la licenza ai piloti!
Carica i commenti