Gran Premio di Macao: in 28 all'assalto del Guia Street Circuit

condividi
commenti
Gran Premio di Macao: in 28 all'assalto del Guia Street Circuit
Michele Salvatore
Di: Michele Salvatore
18 ott 2018, 14:14

Nel toboga dell'ex protettorato portoghese, i top rider delle corse su strada si sfideranno, sabato 17 novembre, per la vittora della 52esima edizione del celebre Gran Premio.

Una doverosa premessa va fatta sull'assenza più pesante, su quel nome che manca tra i 28 rider che si sfideranno sui 12 giri dell'asfalto del Guia. Glenn Irwin non ci sarà: il pilota nordirlandese, vincitore dell'edizione 2017 quella funestata dalla morte in gara di Dan Hegarty, è ancora gravato dal peso di quella tragedia. "L'incidente dell'anno scorso - aveva detto alla BBC il 4 luglio - è ancora stampato nella mia memoria e lì non voglio tornarci".

Il 28enne di Carrickergus non difenderà il titolo, ma la lista dei pretendenti assicura comunque tanto spettacolo. Ed è inutile girarci troppo attorno perché, quando si parla di Macao, il nome da battere è sempre uno: Michael Rutter. "The Blade", l'otto volte vincitore della corsa, è sempre al suo posto alla caccia del successo numero nove, ma questa volta non sulla BMW S1000RR come nelle passate edizioni, ma su una nuova Honda RC213V-S.

Se, come noto nel motorsport, il primo avversario è sempre il compagno di squadra, per Rutter la regola non cambia. Il Re del Guia dovrà guardarsi le spalle dalla BMW di Peter Hickman, perché il rider di Burton upon Trent è in cerca del suo terzo successo personale a Macao. Galvanizzato dalla vittoria del TT Senior con il nuovo record del Mountain, Hickman vorrà senz'altro scrivere il suo nome, ancora una volta, sull'albo d'oro della corsa.

Occhi puntati anche sulla Ducati 1199 Panigale lasciata orfana da Irwin. La Rossa di Borgo Panigale del team PBM non è rimasta senza cavaliere, anzi ne ha trovato uno che non ha bisogno di presentazioni: John McGuinness! Il "Missile di Morecambe" torna dopo più di un anno d'assenza, a causa del lento recupero dopo l'incidente alla NW200 del 2017. Il 23 volte vincitore del TT l'ha ripetuto in più di un'occasione che non sarebbe stato un infortunio a porre fine alla sua carriera e lo sta ribadendo con forza ora, tornando a calcare quel palcoscenico che l'ha già visto trionfare nel 2001.

Sull'altra Ducati del team PBM ci sarà Martin Jessop che, dopo essersi piazzato sul podio del Guia in più di un'occasione, ha voglia di centrare il bersaglio grosso.

Tra i protagonisti vanno iscritti due nomi che sono ben più di semplici outsider: Gary Johnson su Kawasaki, e David Johnson su BMW saranno sicuramente della partita per le posizioni che contano.

Suncity Group Macau Motorcycle Grand Prix - Entry list 2018

Michael Rutter (Honda), Peter Hickman (BMW), John McGuinness (Ducati), Martin Jessop (Ducati), Gary Johnson (Kawasaki), David Johnson (BMW), Ben Wylie (Bimota) Davy Morgan (BMW), Didier Grams (BMW), Michael Sweeney (BMW) Xavier Denis (BMW), Marek Červený (BMW), Steve Heneghan (Ducati), Horst Saiger (Yamaha), André Pires (Yamaha), Sam West (BMW), Derek Sheils (BMW), Danny Webb (BMW), Davey Todd (BMW), Andrew Dudgeon (BMW), Craig Neve (BMW), Dominic Herbertson (Kawasaki), Paul Jordan (Kawasaki), Rob Hodson (BMW), Phillip (BMW), Daley Mathison (BMW), Raül Torras (Yamaha), Erno Kostamo, (BMW). 

 
Articolo successivo
Stefano Bonetti conquista Frohburg con la Paton S1-R Lightweight e per il 2019 sogna la Pikes Peak

Articolo precedente

Stefano Bonetti conquista Frohburg con la Paton S1-R Lightweight e per il 2019 sogna la Pikes Peak

Articolo successivo

GP di Macao, prove libere SBK: Rutter al top in una sessione segnata da due bandiere rosse

GP di Macao, prove libere SBK: Rutter al top in una sessione segnata da due bandiere rosse
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Road racing
Evento Macao GP
Location Circuito da Guia
Autore Michele Salvatore
Tipo di articolo Ultime notizie